Volvo Drive Me, annunciato il primo test su larga scala di veicoli autonomi

Dal 2017 a Goteborg per sviluppare nuovi sistemi di sicurezza

Volvo Drive Me - La casa svedese ha annunciato che a partire dal 2017 inizierà i test in pubblico delle sue macchine autonome, che in futuro potrebbero consentire lo sviluppo di feature e sistemi di sicurezza di livello fantascientifico
Volvo Drive Me, annunciato il primo test su larga scala di veicoli autonomi

Vi piace l’idea di un’auto che si guida da sola? Speriamo di sì, perché la tecnologia sembra davvero puntare verso questo obiettivo. Ne è testimonianza l’annuncio fatto da Volvo, che presenterà nel 2017 sulle strade di Göteborg (la seconda città più popolosa della Svezia) il primo progetto su larga scala di veicoli auto-guidanti, chiamato Volvo Drive Me. Sarebbe in programma la produzione di almeno 100 macchine auto-guidanti, che poi si cimenterebbero nel traffico di tutti i giorni della città scandinava.

Volvo ha confermato che queste auto si muoveranno su strade pubbliche in condizioni di circolazione assolutamente normali. Il loro percorso di test sarebbe lungo circa 50 km e si svilupperebbe su “arterie stradali molto comuni includendo autostrade e punti di controllo frequenti”. Il progetto in realtà avrà inizio già il prossimo anno con una prima verifica dell’interesse da parte della potenziale clientela, per poi passare allo sviluppo vero e proprio dell’interfaccia utente del sistema con incluse anche funzionalità tipo cloud. Due fasi fondamentali prima che una vettura di questo tipo possa anche solo iniziare a girare sulla pubblica piazza.

«Il nostro obiettivo è che l’auto possa destreggiarsi in tutti i possibili scenari di traffico da sola – ha dichiarato Erik Coelingh, Tecnico Specialista di Volvo, ad Autocar – Questo comprende anche l’abbandono del flusso di traffico per trovare una piazzola di sosta nel caso per qualsiasi ragione il guidatore perda il controllo della vettura e non riesca a riguadagnarlo.» Come potete aver intuito da queste parole, l’obiettivo vero di Volvo non è tanto quello di creare un’auto che in futuro possa portarci al lavoro mentre noi leggiamo il giornale, bensì lo sviluppo di una serie di sistemi di sicurezza che possa lasciare intatto il piacere di guida e, allo stesso tempo, entrare in azione con la guida autonoma nel caso ci fosse bisogno. Infatti all’interno della casa svedese questo progetto è stato chiamato “Highly Autonomous Cars”, ovvero “Auto Altamente Autonome”. Non completamente.

Il sistema di sicurezza non solo dovrebbe essere in grado di entrare in azione e districarsi in mezzo al traffico, ma dovrebbe anche dare tempo sufficiente di reazione al guidatore nel caso volesse nuovamente riprendere il controllo dell’auto. Le funzionalità applicabili a questo progetto sono numerose, tra cui una particolarmente intrigante: il guidatore arriva a destinazione, si ferma, si allontana dall’auto e a quel punto il veicolo inizia a cercare da solo il parcheggio, facendo attenzione a semafori, veicoli e persino ai pedoni. Il tutto per poi avvisare il parcheggio avvenuto magari tramite smartphone.

Fantascienza? Per il momento sì. In futuro, però, chissà…

Nuova Volkswagen Polo Da 119 € al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Concept Car

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati