Open Automotive Alliance, le Case costruttrici che sposano Google e Android

Honda, Hyundai e GM affiancano Audi

Quattro tra i più grandi costruttori internazionali costituiscono la Open Automotive Alliance per lo sviluppo di un sistema tecnologico su base Android
Open Automotive Alliance, le Case costruttrici che sposano Google e Android

Si delinea la composizione della Open Automotive Alliance, la gilda di costruttori automobilistici che hanno deciso di integrare nei propri modelli le funzionalità di Android e i servizi online di Google.

Già nei giorni scorsi accennammo alla collaborazione tra Audi e il colosso di Mountain View per lo sviluppo di una nuova piattaforma multimediale, con la stretta collaborazione di partner tecnologici come Nvidia; altri costruttori hanno deciso di seguire la Casa di Ingolstadt ed allargare così gli orizzonti e il respiro dell’iniziativa.


Nasce così la Open Automotive Alliance della quale, oltre Audi, fanno parte General Motors, Honda e Hyundai; l’obiettivo comune sarà quello di apportare innovazione e funzionalità a bordo delle auto dei marchi, incrementando la sicurezza e portando l’intrattenimento ad un livello decisamente avanzato.


Il punto di forza della tecnologia condivisa sarà l’utilizzo semplice ed intuitivo, analogo a quello degli smartphone con sistema operativo Android posseduti da milioni di utenti in tutto il mondo. Alla guida di una vettura “dell’Alleanza” non bisognerà quindi cambiare abitudini per utilizzare il sistema di infotainmet o le applicazioni che verranno appositamente sviluppate per interagire con la propria automobile.


Il primo modello ad essere dotato della nuova tecnologia potrebbe già essere su strada entro la fine del 2014, ma non è stato comunicato quale sarà la prima Casa a produrlo.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati