Porsche Macan, grande successo per il crossover di Stoccarda

Porsche Macan, grande successo per il crossover di Stoccarda

Sale la domanda, aumenta la produzione

Porsche Macan - L'insieme degli esemplari della Macan che era destinato per l'annata 2014 mostra già il tutto esaurito secondo i rumor. Porsche ha quindi deciso di innalzare il volume della sua produzione del 60%
Porsche Macan, grande successo per il crossover di Stoccarda

A quanto pare sembrerebbe proprio che la Macan non potesse chiedere di meglio in fatto di inizio carriera più che florido. Secondo svariati media tedeschi infatti il volume della produzione riservato per quest anno sarebbe già stato prenotato nella sua totalità, facendo capire il crescente interesse dei clienti Porsche nei confronti di questa new-entry in galla della Cavallina.

La sua sorella più grande, la Cayenne, è il modello più venduto dal costruttore teutonico. Fino ad ora. Ecco perché Porsche aveva scelto di darle una sorella più piccola e più abbordabile in termini di costi per guadagnare nuove quote di mercato. Da queste prime informazioni sembra che la missione sia stata portata a termine, anche se si tratta solo dell’inizio e che la Macan ha davanti a sé ancora tutta una vita.

Tuttavia bisognerà aspettare ancora per sapere se questa strategia riuscirà a Porsche, ma il costruttore ha deciso di procedere ad un aumento significativo della sua produzione. Il volume previsto per il 2014 passerà di conseguenza dai 50.000 esemplari iniziali agli 80.000 di adesso, ovvero un rialzo di oltre la metà della produzione.

Presentata in occasione del Salone di Pechino e di Los Angeles a fine anno scorso, la Porsche Macan è disponibile da ora nei listini italiani ad un prezzo di partenza di 60.985,01 euro per le versioni Macan S e Macan S Diesel, mentre il top di gamma, rappresentato dalla Macan Turbo, parte da 83.387 euro. La Macan potrebbe consentire a Porsche di battere il suo record di vendite stabilito nel 2013 con 162.145 veicoli immatricolati. Appuntamento a fine anno per scoprirlo.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati