Alfa Romeo 4C eletta “Auto più bella dell’anno 2013” in Francia

La supercar del Biscione conquista anche i francesi

Alfa Romeo 4C - L'Alfa Romeo 4C spopola anche in Francia dove è stata eletta "Auto più bella dell'anno 2013" superando di gran lunga la concorrenza degli altri tre modelli finalisti, ovvero la BMW Serie 4, la Mercedes CLA e la Mazda 3.
Alfa Romeo 4C eletta “Auto più bella dell’anno 2013” in Francia

Dopo gli inglesi e i tedeschi l’Alfa Romeo 4C ha conquistato anche gli automobilisti francesi. La vettura sportiva del Biscione è stata eletta in Francia “Auto più bella dell’anno 2013“. Il prestigioso premio, assegnato alla supercar compatta nell’ambito del 29° Festival Internazionale dell’Automobile, è il frutto di un sondaggio sul web organizzato dalla manifestazione insieme ad alcuni partner multimediali, tra cui Le Point, Auto Addict, Automobiles Classiques, AD e JC Decaux.

L’Alfa Romeo 4C ha vinto in maniera netta conquistando il 40,70% dei voti e distanziando così nettamente le altre finaliste: BMW Serie 4 (25,55%), Mercedes CLA (22,15%) e Mazda 3 (11,60%). Questo premio non è una novità in casa Alfa Romeo visto che in passato la Casa del Biscione lo ha conquistato altre tre volte prima del successo della 4C: nel 1988 con l’Alfa 164, nel 2005 con l’Alfa Brera e nel 2008 con l’Alfa MiTo.

La consegna dei premi si è svolta ieri all’Hotel National des Invalides dove un esemplare dell’Alfa Romeo 4C sarà in mostra per il pubblico fino al 2 febbraio. Il riconoscimento di “Auto più bella dell’anno 2013” conquistato in Francia va ad arricchire una bacheca già prestigiosa della 4C che conta del titolo di “Auto dell’anno 2013” in Gran Bretagna, del Trofeo del “Coup de coeru 2013“, conquistato sempre in Francia, e del titolo “Auto Trophy 2013” assegnatogli dai lettori della rivista tedesca Auto Zeitung.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati