AutoMotoRetrò 2014, al Lingotto di Torino torna di moda la gloria dell’automobile

Insieme ad AutoMotoRacing, il meglio della velocità

AutoMotoRetrò 2014 - Si sono ufficialmente aperte le porte della nuova edizione del salone dedicato all'auto e alla moto d'epoca, compresa di ricambi, collezioni e memorabili. Case ufficiali e appassionati per un grande evento di storia dell'auto

Oggi, per la prima volta in 32 anni di storia, AutoMotoRetrò ha inaugurato di venerdì la sua nuova edizione, aprendo così le porte del Lingotto di Torino. Il grande salone dedicato alle auto e alle moto classiche (e non solo, come vedremo) torna in scena allungando la sua durata e arrivando fino al grande finale di domenica. Organizzato dalla Bea S.r.l. e dalla GL Events, nel 2013 questo evento ha attirato 44.000 visitatori in totale, guidati dalla passione per le quattro e due ruote o anche semplicemente dalla curiosità, insieme a ben 700 espositori di ogni genere. Erano naturalmente presenti club e collezionisti, ma non mancavano distese di modellini, concessionari, auto usate in vendita e anche la presenza di case prestigiose come Peugeot, che ha ufficialmente mostrato al pubblico alcune delle sue più gloriose auto che si sono sapute distinguere nel duro mondo dei rally.

«Ogni anno cerchiamo di proporre un tema nuovo – ci ha raccontato Beppe Gianoglio, organizzatore dell’evento – L’anno scorso avevano i 50 anni di Lamborghini, mentre quest’anno festeggiamo i 60 anni della Mercedes 300 SL ad ali di gabbiano. Nelle moto, l’anno scorso avevamo ricostruito la storia di BMW Motorrad, mentre quest’anno abbiamo un’esposizione molto ampia di Harley-Davidson, un marchio che continua ad affascinare sia i fan di una certa età che i giovani. Ogni anno cerchiamo di aggiungere qualcosa. Quest’anno, per esempio, abbiamo una nutrita presenza di fuoristrada, collegata ad Automotoracing.» Quest’ultima è una seconda manifestazione, che si tiene sempre in contemporanea con la principale, che invece si concentra sul mondo delle corse motorsport, soprattutto attuali, ma anche del passato, con un’enorme sezione dedicata alle auto più esagerate del mondo, ovvero quelle dei tuner. Novità molto interessante di questa edizione sono i corsi di guida sicura organizzati da Dekra, che offrirà esperienze e test drive nello spazio al di fuori del padiglione.

L’obiettivo, come confessato dallo stesso Gianogli, è quello di riuscire a superare quest’anno le 50.000 visite. Senza dubbio le premesse ci sono e non ci riferiamo solamente alla buona risposta di questa prima giornata dell’evento. Sono davvero numerose le iniziative dedicate ad appassionati e curiosi, mentre gli stand sono in grado di mostrare alcune delle auto più interessanti attualmente in circolazione. Passiamo per esempio per l’esposizione della Scuderia Jaguar Storiche, dov’è possibile trovare la celebre Jaguar E nera resa famosa dalle peripezie del ladro dei fumetti Diabolik, continuando poi per la zona Piaggio, dov’è possibile trovare una collezione di “Vespe” come raramente si era visto. Notevole anche la presenza di marchi come Fiat, Lancia ed Abarth, che oltre alle vetture storiche hanno portato pure le ultime novità dei concessionari. A tutto questo si aggiungono ben 150 vetture private e 300 espositori dedicati al mercato dei ricambi.

AutoMotoRetrò 2014 sarà aperta fino a domenica dalle 9 alle 19. L’ingresso costa 10 € (ridotto 8 €), con la possibilità di fare un abbonamento per il weekend al costo di 16 €.

Leggi altri articoli in Auto Storiche

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Luigi

    8 Febbraio 2014 at 15:05

    Venerdì 07/02/2014 era imbarazzante la mostra. Esposizione di auto tuning che nulla ha a che fare con il nome della manifestazione.
    E tutto ciò per 10 euro a testa?
    Neppure il parcheggio del lingotto era incluso, quando in tutti i negozi della galleria commerciale basta comprare un niente perché venga regalato un certo orario di sosta.
    Scadente, ingannevole e squallida.
    Sconsigliatissimo.

Articoli correlati