WP_Post Object ( [ID] => 90686 [post_author] => 24 [post_date] => 2014-02-20 18:24:53 [post_date_gmt] => 2014-02-20 17:24:53 [post_content] => La nuova Honda CR-V è arrivata sul mercato italiano da qualche mese ed ha saputo farsi apprezzare non solo per le linee estetiche e le prestazioni offerte, ma anche per l'ottima dotazione dei sistemi di sicurezza che la rendono affidabile e sicura su ogni percorso stradale. Già prima di esordire nelle concessionarie il nuovo crossover giapponese era stato capace di superare con il massimo dei voti i crash test di Euro NCAP conquistando così le cinque stelle. A rendere la nuova Honda CR-V ancora più sicura c'è un nuovo sistema che il costruttore nipponico ha sviluppato per ridurre il rischio di incidente. Si tratta del sistema CMBS, ovvero Collision Mitigation Braking System, che altro non sarebbe che un sistema di frenata automatica che permette di ridurre il rischio di impattare un altro veicolo. Il CMBS aiuta il conducente nella frenata imprimendo la forza necessaria al fine di evitare la possibilità di urtare il veicolo che si ha davanti. Il Collision Mitigation Braking System che troviamo sulla nuova Honda CR-V funziona grazie ad un radar installato dietro la griglia anteriore del crossover e che consente di rilevare la presenza eccessivamente ravvicinata di un veicolo agendo, se necessario, automaticamente sull'impianto frenante. La dotazione di assistenza alla guida e dei sistemi di sicurezza della nuova Honda CR-V pongono il veicolo giapponese sullo stesso livello di affidabilità dei crossover premium. [post_title] => Honda CR-V al top della sicurezza con il sistema CMBS [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => honda-cr-v-al-top-della-sicurezza-con-il-sistema-cmbs [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2014-02-20 18:24:53 [post_modified_gmt] => 2014-02-20 17:24:53 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=90686 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Honda CR-V al top della sicurezza con il sistema CMBS

Frenata automatica che riduce il rischio di collisione

Honda CR-V - La nuova Honda CR-V si dimostra crossover estremamente sicuro anche grazie all'avanzato Collision Mitigation Breaking System che grazie al radar sulla griglia anteriore dell'auto consente di rilevare il pericolo di impatto col veicolo davanti attivando la frenata automatica.
Honda CR-V al top della sicurezza con il sistema CMBS

La nuova Honda CR-V è arrivata sul mercato italiano da qualche mese ed ha saputo farsi apprezzare non solo per le linee estetiche e le prestazioni offerte, ma anche per l’ottima dotazione dei sistemi di sicurezza che la rendono affidabile e sicura su ogni percorso stradale. Già prima di esordire nelle concessionarie il nuovo crossover giapponese era stato capace di superare con il massimo dei voti i crash test di Euro NCAP conquistando così le cinque stelle.

A rendere la nuova Honda CR-V ancora più sicura c’è un nuovo sistema che il costruttore nipponico ha sviluppato per ridurre il rischio di incidente. Si tratta del sistema CMBS, ovvero Collision Mitigation Braking System, che altro non sarebbe che un sistema di frenata automatica che permette di ridurre il rischio di impattare un altro veicolo. Il CMBS aiuta il conducente nella frenata imprimendo la forza necessaria al fine di evitare la possibilità di urtare il veicolo che si ha davanti.

Il Collision Mitigation Braking System che troviamo sulla nuova Honda CR-V funziona grazie ad un radar installato dietro la griglia anteriore del crossover e che consente di rilevare la presenza eccessivamente ravvicinata di un veicolo agendo, se necessario, automaticamente sull’impianto frenante. La dotazione di assistenza alla guida e dei sistemi di sicurezza della nuova Honda CR-V pongono il veicolo giapponese sullo stesso livello di affidabilità dei crossover premium.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati