Lotus C-01: completato lo sviluppo della moto di Hethel, sarà una serie limitata a 100 esemplari

Lotus C-01: completato lo sviluppo della moto di Hethel, sarà una serie limitata a 100 esemplari

Bicilindrico KTM a V da 200 cavalli

Con la Lotus C-01 scopriamo il primo frutto della divisione Motorcycles della Casa inglese, la moto è realizzata con materiali superleggeri e pregiati
Lotus C-01: completato lo sviluppo della moto di Hethel, sarà una serie limitata a 100 esemplari

E’ pronta per essere avviata alla produzione la Lotus C-01, la prima motocicletta progettata e sviluppata dallo storico costruttore britannico. Motorizzata con un poderoso bicilindrico di derivazione KTM, sarà costruita in appena 100 esemplari.

La C-01 è il primo risultato prodotto dalla nuova divisione “a due ruote” Lotus Motorcycles, un team di ricerca e sviluppo che guiderà la casa di Hethel in questa nuova avventura. Non si tratta sicuramente di un capriccio o di una trovata pubblicitaria, la divisione moto di Lotus è stata costituita ingaggiando nomi di rilievo del settore automotive, come l’ex capo designer Volkswagen, gli esperti tedeschi di componentistica della Holzer Group e la squadra corse Kodewa.


I materiali impiegati nella realizzazione della Lotus C-01 sono tra i più tecnologicamente avanzati, come gli acciai speciali di uso aerospaziale, il titanio e la fibra di carbonio, quest’ultima ampiamente utilizzata per costruire il serbatoio e le parti della carrozzeria. Il telaio è infatti realizzato con il mix dei tre materiali per ottenere leggerezza e resistenza. Lo stile della moto inglese è decisamente futuristico, ma strizza palesemente l’occhio alle due ruote degli anni ’70.


Il propulsore della C-01 è stato realizzato e messo a punto dall’austriaca KTM; si tratta di un bicilindrico a V da 1.195 centimetri cubici e capace di scaricare a terra ben 200 cavalli. Una potenza considerevole, tenuto conto che la moto Lotus pesa appena 180 kg. a secco. Il cambio è un sei rapporti, l’impianto frenante all’anteriore adotta una coppia di dischi da 320 mm, mentre al posteriore un disco da 220 mm.


Il prezzo della prima moto realizzata da Lotus non è ancora stato comunicato, ma ci si attende una cifra decisamente corposa e ben più alta rispetto a quella solitamente richiesta per l’acquisto di una motocicletta sportiva “standard”.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Moto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati