Emissioni CO2, l’UE fissa il limite a 95 g/km

I costruttori si dovranno adeguare entro il 2020

Limite emissioni CO2 - Con 499 voti a favore e 107 contrari il Parlamento Europeo ha approvato il provvedimento secondo il quale entro il 2020 le nuove auto prodotte dovranno rispettare il limite di emissioni di CO2 di 95 g/km.
Emissioni CO2, l’UE fissa il limite a 95 g/km

Adesso è ufficiale: il limite di emissioni di CO2 al quale si dovranno attenere le nuove vetture prodotte è di 95 g/km. A deciderlo è stato il Parlamento europeo, stabilendo che i costruttori automobilistici avranno tempo fino al 2020 per adeguarsi al nuovo limite. L’iter burocratico della decisione del Parlamento europeo prevede che il testo venga formalmente approvato da parte del Consigli dell’UE. Inoltre, per il primo anno, è prevista anche una fase di adattamento.

L’Unione Europea ha poi previsto, per il periodo 2020-2022, l’introduzione di un sistema di “supercrediti” che consente alle vetture più ecologiche di contare fino al doppio rispetto alle auto maggiormente inquinanti. I “supercrediti” concessi alle auto più ecocompatibili, ovvero con valori di CO2 inferiori a 50 g/km, avranno poi un valore decrescente fino al 2023.

Mentre a Bruxelles si studiano nuovi test per misurare il livello di emissioni delle auto, l’UE ha fatto un importante passo verso la diffusione di vetture sempre meno inquinanti, con l’approvazione del provvedimento che fissa il limite di CO2 e che a raccolto 499 si e 107 no. A poco dunque sono servite le resistenze della Germania, Paese di costruttori come Mercedes, BMW, Audi e Volkswagen, specializzate in auto premium e dalle prestazioni elevate, e che dovranno quindi fare uno sforzo maggiore rispetto agli altri per riuscire a produrre vetture che emettano meno di 95 g/km di CO2.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Ecologia

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati