Volkswagen Amarok by MTM, pick-up tedesco e palestrato

Dentro di lei c'è un V8 che batte

Volkswagen Amarok - Il tuner tedesco porterà domani al Salone di Ginevra una sua interpretazione della Amarok con oltre 930 Nm di coppia massima

MTM è un tuner molto conosciuto nell’ambito delle auto esclusive. Ora il preparatore tedesco se l’è presa con il pick-up di Wolfsburg e gli ha trapiantato un poderoso V8 proprio prima del Salone di Ginevra. Una combinazione che non avrà forse tanto senso, ma è proprio questo aspetto a rendere questa Volkswagen Amarok unica nel suo genere.

Invece di essere mossa dal solito quattro cilindri 2.0 litri turbo diesel, il pick-up teutonico è ora più forte che mai e non fa più parte ormai della stessa classe di prima con il suo attuale V8 TDI 4.2 litri da 410 cv e ben 930 Nm di coppia massima.

Nonostante il suo look sia rimasto al modello fedele all’originale, questa Amarok by MTM ha tutte le carte in regola per vedersela con le compatte sportive più gettonate: in effetti il pick-up vitaminizzato riesce ad accelerare da 0 a 100 km/h in appena 6 secondi mentre la sua velocità massima si attesta sui 222 km/h.

Per far fronte a questo picco di potenza e coppia considerevole, gli ingegneri di MTM hanno anche dovuto mettere mano su assetto e telaio. La Volkswagen Amarok di serie ha un asse posteriore con sospensioni standard mentre l’esemplare firmato MTM è dotato di molle ad aria con barra Panhard e freni a disco. I freni a disco frontali sono da 405×36 mm e MTM ha installato dei cerchi in lega BBS SV da 22 pollici con pneumatici Michelin Latitude da 295/40.

I nostri pick-up europei sportivi andranno forse incontro ad un processo di sportività in futuro? Per il momento non si sa, così come è ancora sconosciuto se MTM deciderà di lanciare la sua Amarok sul mercato.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati