Nuova Peugeot 5008, la monovolume francese ci porta a Todi

Nuova Peugeot 5008, la monovolume francese ci porta a Todi

Si muove disinvolta tra le strade della cittadina medievale umbra

Peugeot 5008 MY 2014 - Alla guida della nuova Peugeot 5008 andiamo alla scoperta di Todi, affascinante cittadina umbra in puro stile medievale. La monovolume del Leone si mostra sicura e a proprio agio anche nelle vie più strette del centro storico.
Nuova Peugeot 5008, la monovolume francese ci porta a Todi

A bordo della nuova Peugeot 5008 andiamo alla scoperta di Todi, affascinante città medievale collocata in Umbria e tra le più belle d’Italia, che vanta anche il titolo assegnatole da un’università americana di città più vivibile del mondo. Per scoprire le bellezze di Todi Peugeot ha scelto la nuova 5008, la monovolume comoda e versatile che dalle strade di periferia ci accompagna fino al centro della cittadina umbra.

Puntando sulla trasformazione dell’abitacolo che offre 5 o 7 posti la Peugeot 5008 offre praticità e comfort ai vertici della categoria. A tutto questo si aggiunge il restyling che ha ridisegnato l’abitacolo della vettura ed aggiornato le linee estetiche, come si nota principalmente nel frontale che segue i principi stilistici dei più recenti veicoli del Leone, con i nuovi proiettori e la calandra sospesa con guarnizione cromata.

Nonostante le dimensioni generose della monovolume transalpina, la nuova 5008 si dimostra maneggevole, agile e con ottime doti di manovrabilità anche sulle strade strette del centro storico di Todi. In questo viaggio verso la cittadina medievale del centro Italia la Peugeot 5008 MY 2014 mette in mostra anche le proprie capacità motoristiche. La gamma dei motori disponibili sulla vettura francese prevede efficienti propulsori benzina e diesel, tra i quali spicca per il 1.6 HDI che garantisce consumi di 4,2 litri ogni 100 chilometri ed emissioni di CO2 di 109 g/km.

Sotto potete vedere il video del viaggio della nuova Peugeot 5008 tra le strade di Todi.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati