Speciale Peugeot 308 SW: l’Auto dell’Anno, ma con ancora più spazio

Bagagliaio da 610 litri con 140 kg di peso in meno

Peugeot 308 SW - Prendete l'Auto dell'Anno e datele più spazio e tecnologia. La versione station wagon della berlina francese è forse uno dei modelli più interessanti usciti dal recente Salone di Ginevra

Chi si ricorda del famoso gioco a quiz “Lascia o Raddoppia?”? Come un Mike Bongiorno del mercato dell’auto, Peugeot ha preso la sua 308, fresca vincitrice del premio di Auto dell’Anno al Salone di Ginevra, e l’ha allungata, creando di fatto la 308 SW. Una station wagon che punta a riproporre le caratteristiche fondamentali della vettura originale dalla quale deriva, offrendo però allo stesso tempo più spazio e capacità. Nel giro di poche settimane avremo l’occasione di metterci alla guida per la prima volta di questa nuova vettura. Nel frattempo, però, abbiamo potuto farci raccontare da Eugenio Franzetti, Direttore Relazioni Esterne di Peugeot Italia, quali sono le caratteristiche fondamentali di quest’auto, che sarebbe riduttivo definire come una semplice derivazione della 308 originale.

Il design della vettura segue la medesima filosofia dell’originale, composta da linee semplici ed equilibrate. Il tutto è orientato verso la creazione di una forma fluida e senza angoli particolarmente ostici o improvvisi, così da andare a risolvere forse uno dei problemi più fastidiosi dei modelli station wagon, che usualmente tendono a rinunciare a qualcosa dal punto di vista dello stile in nome della capienza. In questo senso si è cercato di trovare il giusto equilibrio tra novità e riproposizione degli elementi principali della berlina, come ad esempio i gruppi ottici e la calandra. Ovviamente le dimensioni sono maggiorate, ma parliamo comunque di aggiunte piuttosto equilibrate, concentrate in una crescita di 11 cm per il passo e di 22 cm per lo sbalzo posteriore. Inutile negare, però, che il protagonista assoluto rimane il bagagliaio, che tocca un apice di ben 610 litri e tutto ciò nonostante la vettura, rispetto ai modelli che l’hanno preceduta, abbia perso 140 kg di peso. L’abitacolo interno è stato invece costruito seguendo le indicazioni del progetto Peugeot i-Cockpit, che si propone di puntare verso quattro elementi in particolare: innanzitutto un volante dalle dimensioni ridotte, proseguendo con un quadro strumenti più leggibile per posizione e grafica, una console centrale molto alta e, infine, un sistema di infotainment che può contare su un display con diagonale da 9,7 pollici. Il tutto, naturalmente, completato da materiali di qualità.

Per quanto riguarda i motori, come al solito ci sarà solamente l’imbarazzo della scelta. Le unità a benzina copriranno al momento del lancio un range di potenze compreso tra i 110 e i 130 CV, mentre quelle a gasolio partiranno da un entry level di 92 CV proseguendo fino al top di gamma da 150 CV. La vera grande novità dell’offerta, naturalmente tutta omologata Euro 6, sarà però il BlueHDi da 1.6 litri con potenza da 120 CV, il più ecologico della serie. Secondo i dati ufficiali forniti dalla casa, infatti, questa unità sarà in grado di emettere nell’atmosfera solamente 85 g/km di CO2, mentre i consumi nel ciclo combinato europeo si dovrebbero assestare sui 3,2 litri/100 km.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati