Apple al lavoro per l’iPhone che non spedisce gli SMS durante la guida

Solo una delle tante funzioni sospese per la nostra sicurezza

Apple starebbe lavorando su una nuova funzione per i suoi iPhone che impedirebbe letteralmente a chi guida di usare il telefono, in modo da non distrarlo dalla strada ed evitare spiacevoli incidenti
Apple al lavoro per l’iPhone che non spedisce gli SMS durante la guida

Nel mondo dell’alta tecnologia capita molto spesso di parlare di cose che non esistono. Ci riferiamo ai brevetti, ovvero alla certificazione di proprietà di una determinata idea o tecnologia, che in ogni paese del mondo passa attraverso appositi uffici per poter poi ricevere dignità e poter impedire che terze parti utilizzino la stessa idea senza riconoscere alcun diritto al suo autore. All’interno delle grandi aziende i brevetti, più che al singolo inventore, appartengono alla società in questione, arrivando al punto che moltissimi progetti vengono sottoposti all’approvazione degli Uffici Brevetti a prescindere che si abbia o meno intenzione di svilupparli. Spesso il copyright viene richiesto senza un vero scopo, giusto per evitare che qualcuno possa sfruttare in futuro la medesima idea.

Quella di cui vi stiamo per parlare potrebbe essere un’idea che mai vedrà la luce. SI tratterebbe, però, di un passo avanti notevole dal punto di vista della guida sicura. Apple, infatti, si è ufficialmente vista riconosciuta di recente dall’Ufficio Brevetti americano il copyright su una particolare funzione che potrebbe in futuro essere implementata su tutti gli iPhone e gli iPad, ovvero la sospensione delle funzioni automatiche del telefono come l’invio di SMS o le telefonate effettuate tenendo direttamente l’apparecchio vicino all’orecchio. Secondo il sondaggio dell’associazione britannica Road Charity Brake, infatti, 3 guidatori su 10 ammettono di usare lo smartphone durante la guida. Quasi superfluo ricordare quanto questo possa essere pericoloso. Eppure basta che usciate in questo momento per strada per osservare come moltissimi guidatori usino il telefono durante il viaggio, spesso alla faccia di costosi sistemi di infotainment con tanto di Bluetooth incorporato.

Questo ipotetico futuro iPhone riuscirebbe a verificare la situazione in cui si trova il guidatore intrecciando i dati ricevuti dal GPS, dall’accelerometro e dalla fotocamera. Alcuni ipotizzano persino una comunicazione diretta con la centralina elettronica con la chiave di avviamento. A questo punto il telefono reagirebbe di conseguenza, mettendo virtuali paletti ai comportamenti più rischiosi. Una funzione che si avvierebbe automaticamente, al contrario delle app di terze parti che è possibile trovare sugli store virtuali.

Questa idea potrebbe funzionare? Arriverà mai sui nostri telefoni e, soprattutto, sulle nostre macchine? Per il momento è impossibile da dire. Di una cosa, però, siamo tristemente sicuri: il concetto che lo smartphone distrae dalla guida e ci espone inevitabilmente al rischio di incidenti, potenzialmente anche fatali, ancora non riesce a radicarsi nella testa e nelle coscienze comuni. Possibile che saremo costretti a chiedere ad uno smartphone di salvarci da noi stessi?

Foto: Flickr

Nuova Volkswagen Golf 8 ibrida Da 179 € al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati