WP_Post Object ( [ID] => 97055 [post_author] => 8 [post_date] => 2014-06-04 18:34:19 [post_date_gmt] => 2014-06-04 16:34:19 [post_content] => Faib, Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio hanno ufficialmente confermato lo sciopero al quale aderiranno i gestori dei distributori di benzina il prossimo 18 giugno. Motivo dell'agitazione sono i prezzi troppo alti imposti dalle compagnie petrolifere, che secondo gli scioperanti opererebbero anche tra l'indifferenza e l'inerzia della politica e delle istituzioni. In particolare questi ultimi si sarebbero interessati alla categoria unicamente per aumentare le accise, un sistema che avrebbe finito per incentivare il ricorso a pratiche non aderenti alle norme di settore e potenzialmente illegali. Una delle proteste più forti dei gestori, comunque, deriva soprattutto dal comportamento delle compagnie petrolifere, che secondo le loro testimonianze si attaccherebbero indiscriminatamente al fatto di poter essere fornitori esclusivi di un determinato distributore, caratterizzato dal logo della compagnia in questione, finendo per imporre i prezzi che preferiscono senza possibilità di trattativa. Questo avrebbe di fatto creato dei problemi a livello di concorrenza, favorendo invece quei distributori, i “no logo”, che non essendo legati ad un fornitore specifico finiscono per proporre prezzi potenzialmente più concorrenziali. Un comportamento che sarebbe in aperta violazione della legge e che danneggerebbe in maniera decisiva un settore occupazionale che al momento conta oltre 120.000 lavoratori. Lo sciopero sarà strutturato come segue: • dalle ore 7 del 14 giugno alle ore 19.30 del 17 giugno non funzioneranno i servizi self service durante gli orari di apertura dell'impianto • dalle ore 19.30 del 17 giugno alle ore 7 del 19 giugno ci sarà la vera e propria astensione dal lavoro • dalle ore 22 del 17 giugno alle ore 22 del 18 giugno lo sciopero sarà esteso anche alle aree di servizio autostradali • dalle ore 24 del 21 giugno alle ore 24 del 28 giugno verranno rifiutati tutti i sistemi di pagamento elettronici e le campagne promozionali Foto: Flickr [post_title] => Sciopero benzinai confermato per il 18 giugno [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => sciopero-benzinai-confermato-per-il-18-giugno [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2014-06-04 18:35:40 [post_modified_gmt] => 2014-06-04 16:35:40 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=97055 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Sciopero benzinai confermato per il 18 giugno

Stop anche al self service nelle giornate dal 14 al 17

Un nuovo sciopero per i distributori di benzina, che il 18 giugno protesteranno contro i prezzi troppo alti imposti dalle compagnie petrolifere
Sciopero benzinai confermato per il 18 giugno

Faib, Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio hanno ufficialmente confermato lo sciopero al quale aderiranno i gestori dei distributori di benzina il prossimo 18 giugno. Motivo dell’agitazione sono i prezzi troppo alti imposti dalle compagnie petrolifere, che secondo gli scioperanti opererebbero anche tra l’indifferenza e l’inerzia della politica e delle istituzioni. In particolare questi ultimi si sarebbero interessati alla categoria unicamente per aumentare le accise, un sistema che avrebbe finito per incentivare il ricorso a pratiche non aderenti alle norme di settore e potenzialmente illegali.

Una delle proteste più forti dei gestori, comunque, deriva soprattutto dal comportamento delle compagnie petrolifere, che secondo le loro testimonianze si attaccherebbero indiscriminatamente al fatto di poter essere fornitori esclusivi di un determinato distributore, caratterizzato dal logo della compagnia in questione, finendo per imporre i prezzi che preferiscono senza possibilità di trattativa. Questo avrebbe di fatto creato dei problemi a livello di concorrenza, favorendo invece quei distributori, i “no logo”, che non essendo legati ad un fornitore specifico finiscono per proporre prezzi potenzialmente più concorrenziali. Un comportamento che sarebbe in aperta violazione della legge e che danneggerebbe in maniera decisiva un settore occupazionale che al momento conta oltre 120.000 lavoratori.

Lo sciopero sarà strutturato come segue:

dalle ore 7 del 14 giugno alle ore 19.30 del 17 giugno non funzioneranno i servizi self service durante gli orari di apertura dell’impianto

dalle ore 19.30 del 17 giugno alle ore 7 del 19 giugno ci sarà la vera e propria astensione dal lavoro

dalle ore 22 del 17 giugno alle ore 22 del 18 giugno lo sciopero sarà esteso anche alle aree di servizio autostradali

dalle ore 24 del 21 giugno alle ore 24 del 28 giugno verranno rifiutati tutti i sistemi di pagamento elettronici e le campagne promozionali

Foto: Flickr

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Carburanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati