Mercato auto: Cina più forte nei prossimi anni

Le vendite ristagnano, calo del 35% in Italia tra il 2007 e il 2013

La società di consulenza AlixPartners (Automotive Industry Outlook) ha compiuto una ricerca statistica sullo stato di salute del settore evidenziandone i punti critici ed analizzandone le possibilità nell'arco dei prossimi anni
Mercato auto: Cina più forte nei prossimi anni

AlixPartners (Automotive Industry Outlook) ha tracciato un bilancio del settore vendite in Europa e in oriente.

Dati alla mano, nel vecchio continente la vendita dell’auto ha certificato una lenta ripresa quantificabile in dodici milioni di modelli venduti dal 2007, ultimo anno prima della crisi generalizzata, con un ulteriore incremento nel 2014. Tuttavia tale ripresa sarebbe molto lenta e i ricavi non corrisponderebbero ancora alle percentuali di regime registrate prima del 2007. In Italia, è sempre AlixPartners a mostrarcelo, nell’arco di tempo 2007-2013 si è accertato un forte calo delle immatricolazioni, quantificabile con un 35% rispetto ai livelli pre-crisi. Nel Bel Paese, e più in generale in Europa, una stima delle vendite più lusinghiera giungerebbe soltanto nell’anno 2013, + 20% rispetto al 2007. Quest’ultima, però, risulterebbe ancora drammaticamente al di sotto dei livelli pre-depressione.

Il futuro industriale risulterebbe ancora sostenibile grazie all’avanzata produttiva dei mercati orientali, Cina su tutti. Sarà proprio Pechino il perno attorno a cui ruoterà la ripresa dei consumi e delle vendite nei prossimi anni secondo AlixPartners. Tale rafforzamento, stando alle analisi della società di consulenza, avverrà però gradualmente e con non poca fatica. L’aumento di produzione annua, da qui fino al 2026 sarà di undici milioni di modelli dei ventisei milioni mondiali. Una risalita stentata dunque, se si pensa che, numeri Alix, la percentuale di crescita cinese nel decennio scorso era del 17% e che nel prossimo si attesterà al 6%. Il profitto dei grandi marchi costruttori dovrà tenere conto anche delle recenti limitazioni imposte dall’Ue circa il livello delle emissioni inquinanti. Si prevede di andare sotto i 95 grammi di anidride carbonica per chilometro entro il 2021. Tutto ciò potrebbe risultare arduo per le case d’auto. Una difficoltà che AlixPartners stima in una somma che va dai 600 ai 1200 euro a veicolo.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Mercato

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati