Codice della Strada: moto e bici ok sulle corsie preferenziali, 125 cc in autostrada

Codice della Strada: moto e bici ok sulle corsie preferenziali, 125 cc in autostrada

Legge, però, ancora da approvare in via definitiva

Il codice della strada potrebbe nei prossimi mesi essere modificato in maniera sostanziale per moto e bici: i 125 potranno circolare anche su autostrade e tangenziali, mentre bici, scooter e moto avranno libero accesso alle corsie preferenziali
Codice della Strada: moto e bici ok sulle corsie preferenziali, 125 cc in autostrada

È stata approvata dalla Commissione Trasporti della Camera una legge delega di riforma del codice della strada che introduce diverse novità piuttosto interessanti, soprattutto per chi è abituato a percorrere lunghe distanze con la propria fedele due ruote. Premesso che l’iter prima che questa legge delega divenga davvero un codice da rispettare è ancora lungo, andiamo a vedere cosa potrebbe succedere da qui a pochi mesi sulle nostre strade.

La modifica più importante riguarda senza alcun dubbio autostrade e tangenziali, che potrebbero essere percorse anche da scooter e moto da 125 cc di cilindrata. Come dichiarato anche dall’ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori), si sarebbe trattato di una norma applicata unicamente nel nostro Paese e non in linea con i codici della strada in vigore all’interno dell’Unione Europea. L’associazione si è anche battuta per vedere riconosciuto lo status di “utenti vulnerabili” nei confronti dei motociclisti, un provvedimento che riguarderebbe anche la presenza sulle nostre strade di ostacoli fissi artificiali molto pericolosi per la categoria, quali segnaletiche varie e, soprattutto, i temuti guardrail, da anni ormai oggetto di continua polemica.

Un altro punto particolarmente importante in questa legge riguarda le corsie preferenziali, che in caso di approvazione potranno essere frequentate anche da moto, scooter e biciclette. Nel caso delle bici, ovviamente, la modifica riguarda le multe immediatamente comminate sul posto, dato che la mancanza di targhe di riconoscimento per questo genere di veicoli ha da sempre reso le videocamere inutili.

Ricordiamo ovviamente che queste modifiche ancora non sono applicate, per cui per il momento lo autostrade rimangono precluse ai 125 cc e le corsie preferenziali a moto e bici. Invitiamo, infine, a ricordarsi che anche in caso di approvazione, la prudenza da parte degli utenti coinvolti rimane sempre un obbligo da rispettare in nome del buon senso (casco e luci in bici, niente manovre azzardate in moto e simili). Tutte queste modifiche saranno valide solamente per i conducenti maggiorenni.

Foto: Flickr

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Guida Sicura

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati