WP_Post Object ( [ID] => 103339 [post_author] => 36 [post_date] => 2014-09-16 16:52:31 [post_date_gmt] => 2014-09-16 14:52:31 [post_content] => Chi non si è mai chiesto, automobilisti o rivenditori specializzati che siano, quale sia la reale durata di uno pneumatico e se ci sia una correlazione tra la data di fabbricazione e la sicurezza del prodotto. Assogomma ha più volte cercato di spiegare che la data di fabbricazione o di produzione del pneumatico in questione non è da considerarsi come la risposta a questo tipo di domanda. La data di fabbricazione, obbligatoria nell’Unione Europea sul fianco degli pneumatici, diventa necessaria solo per il costruttore del pneumatico, per consentirgli di rintracciare un intero lotto di produzione nel caso di necessità specifiche, e non è da confondersi con la sigla DOT, obbligatoria solo nel mercato USA. Quindi la data di fabbricazione non è sinonimo di durata e sicurezza del pneumatico. Come confermato dalla NHTSA, acronimo di National Highway Traffic Safety Administration, responsabile della sicurezza del traffico nazionale in America, lo stato di deterioramento del pneumatico non è legato in modo diretto ai suoi standard di sicurezza, che attualmente sono aumentati grazie al comportamento sempre migliore degli pneumatici stessi, oltre che grazie ai TPMS, ovvero i sistemi di monitoraggio della pressione che allertano più velocemente il guidatore qualora ci siano problemi, appunto di pressione, relativi ad uno o più pneumatici. Alla domanda iniziale, però, non è stata data risposta ed è per questo che vengono fatti scendere in campo due fattori che effettivamente influenzano l'effettiva durata di uno pneumatico. La sua conservazione, influenzata dalle sue condizioni di utilizzo e quindi sia dallo stile di guida che dal veicolo sul quale il pneumatico è montato, ed il suo stato di conservazione, ovvero tutti quei fattori che possono influire sull’ invecchiamento del prodotto. La durata di uno pneumatico, come garantito dalla stessa Assogomma, non è prevedibile al momento della produzione e soprattutto, a livello normativo, non esistono prescrizioni o limitazioni di impiego direttamente riferite e/o collegabili alla data di fabbricazione, né effetti sulle condizioni commerciali. Per chi volesse conoscere nel dettaglio le specifiche raccomandazioni europee (ETRTO) queste sono consultabili e scaricabili dal sito www.pneumaticisottocontrollo.it; tutte queste normative sono seguite meticolosamente dalle Aziende leader, a cui Assogomma e Federpneus consigliano sempre di fare riferimento per l'acquisto dei pneumatici,  che investono ogni giorno ingenti risorse per migliorare il prodotto ai fini prestazionali, ma anche per assicurare nel tempo elevati standard di sicurezza stradale. Pertanto il “fai da te” in relazione alla manutenzione del pneumatico viene altamente sconsigliata a qualsiasi tipo di e livello di guidatore. [post_title] => Pneumatici, Assogomma: "Non c'è correlazione tra data di fabbricazione e sicurezza" [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => pneumatici-assogomma-non-ce-correlazione-tra-data-di-fabbricazione-e-sicurezza [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2014-09-16 16:52:31 [post_modified_gmt] => 2014-09-16 14:52:31 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=103339 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Pneumatici, Assogomma: “Non c’è correlazione tra data di fabbricazione e sicurezza”

Molto dipende dallo stato di conservazione e dalle condizioni di utilizzo

Pneumatici, Assogomma: “Non c’è correlazione tra data di fabbricazione e sicurezza”

Chi non si è mai chiesto, automobilisti o rivenditori specializzati che siano, quale sia la reale durata di uno pneumatico e se ci sia una correlazione tra la data di fabbricazione e la sicurezza del prodotto. Assogomma ha più volte cercato di spiegare che la data di fabbricazione o di produzione del pneumatico in questione non è da considerarsi come la risposta a questo tipo di domanda.

La data di fabbricazione, obbligatoria nell’Unione Europea sul fianco degli pneumatici, diventa necessaria solo per il costruttore del pneumatico, per consentirgli di rintracciare un intero lotto di produzione nel caso di necessità specifiche, e non è da confondersi con la sigla DOT, obbligatoria solo nel mercato USA. Quindi la data di fabbricazione non è sinonimo di durata e sicurezza del pneumatico.

Come confermato dalla NHTSA, acronimo di National Highway Traffic Safety Administration, responsabile della sicurezza del traffico nazionale in America, lo stato di deterioramento del pneumatico non è legato in modo diretto ai suoi standard di sicurezza, che attualmente sono aumentati grazie al comportamento sempre migliore degli pneumatici stessi, oltre che grazie ai TPMS, ovvero i sistemi di monitoraggio della pressione che allertano più velocemente il guidatore qualora ci siano problemi, appunto di pressione, relativi ad uno o più pneumatici.

Alla domanda iniziale, però, non è stata data risposta ed è per questo che vengono fatti scendere in campo due fattori che effettivamente influenzano l’effettiva durata di uno pneumatico. La sua conservazione, influenzata dalle sue condizioni di utilizzo e quindi sia dallo stile di guida che dal veicolo sul quale il pneumatico è montato, ed il suo stato di conservazione, ovvero tutti quei fattori che possono influire sull’ invecchiamento del prodotto.

La durata di uno pneumatico, come garantito dalla stessa Assogomma, non è prevedibile al momento della produzione e soprattutto, a livello normativo, non esistono prescrizioni o limitazioni di impiego direttamente riferite e/o collegabili alla data di fabbricazione, né effetti sulle condizioni commerciali.

Per chi volesse conoscere nel dettaglio le specifiche raccomandazioni europee (ETRTO) queste sono consultabili e scaricabili dal sito www.pneumaticisottocontrollo.it; tutte queste normative sono seguite meticolosamente dalle Aziende leader, a cui Assogomma e Federpneus consigliano sempre di fare riferimento per l’acquisto dei pneumatici,  che investono ogni giorno ingenti risorse per migliorare il prodotto ai fini prestazionali, ma anche per assicurare nel tempo elevati standard di sicurezza stradale. Pertanto il “fai da te” in relazione alla manutenzione del pneumatico viene altamente sconsigliata a qualsiasi tipo di e livello di guidatore.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Guida Sicura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati