Lamborghini Huracan: 3.000 unità vendute in dieci mesi

Lamborghini Huracan: 3.000 unità vendute in dieci mesi

La supercar del Toro conferma l'apprezzamento del mercato

Lamborghini Huracan - Nei primi dieci mesi di presenza sul mercato Lamborghini ha venduto 3.000 Huracan, di cui 1.000 negli Stati Uniti. Un successo notevole per la supercar del Toro che nei prossimi mesi amplierà la gamma con ulteriore versioni, tra cui la Spyder.
Lamborghini Huracan: 3.000 unità vendute in dieci mesi

Difficile che Lamborghini sbagli un colpo e anche con la Huracan, l’ultima supercar di Sant’Agata Bolognese lanciata sul mercato, i numeri sulle vendite danno ragione alla Casa del Toro. Lamborghini fa sapere di aver superato i 3.000 esemplari venduti della Huracan, traguardo raggiunto in meno di un anno, dieci mesi, ovvero quelli passati dal via alla fase di vendita della vettura del Toro chiamata a raccogliere l’eredità della Gallardo.

Delle 3.000 Huracan vendute finora Lamborghini ne ha consegnate un terzo negli Stati Uniti che si confermano un mercato assolutamente fondamentale per le strategie commerciali della Casa automobilistica emiliana. La supercar del Toro è sulla buona strada per puntare  a quota 3.600 Huracan vendute entro la fine dell’anno, risultato che rappresenterebbe un fortissimo incremento delle vendite rispetto alle 2.121 unità fatte registrare nel 2013.

Confortata dagli ottimi risultati commerciali della Huracan, Lamborghini si prepara ancora con maggior forza e vigore ad ampliare la gamma della sua supercar, così come ha già accennato anche Stephan Winkelmann, Presidente e AD di Lamborghini, facendo riferimento a una versione Spyder della Huracan che potrebbe esordire già nel corso del 2015 aprendo la strada ad ulteriori varianti del modello del Toro.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Mercato

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati