Audi A4, un rendering anticipa le forme della quinta generazione

La nuova Audi A4 è prevista per il 2016

Nuova Audi A4 – La prossima generazione della Audi A4 è stata immaginata da RM Design attraverso un rendering. Questa interpretazione della Audi A4 by RM Design presenta linee sottili e proiettate al futuro. Una Audi A4 con un look più aggressivo che può essere meglio caratterizzato come una grande A3 berlina. La quinta generazione di A4, infatti, si baserà sulla piattaforma MLB Evo e potrebbe perdere circa 50 kg, e utilizzerà una combinazione di acciaio ad altissima resistenza, alluminio e anche alcuni compositi per aiutare proprio questa riduzione di peso. La nuova Audi A4 a livello stilistico ripercorrerà le orme della TT e di altri concept e ciò significa, ad esempio, una calandra più quadrata, nuovi fari e paraurti.

Per quanto riguarda la gamma motori ci sarà una versione plug-in ibrida capace di erogare 211 CV provenienti da un motore 2.0 TFSI e da uno elettrico da 95 CV. Inoltre ci sarà anche un 1.4 TFSI che beneficerà della disattivazione dei cilindri e che permetterà alla nuova Audi A4 di lavorare solo su due di essi durante i carichi bassi e medi riducendo così il consumo di carburante di 0,5 litri/100 km.

Spostandoci all’interno dell’abitacolo ci si può aspettare una consolle centrale derivata dalla A8 con un display touchscreen più grande e un touchpad, uno schermo digitale integrato nello specchietto retrovisore con un quadro strumenti digitale personalizzabile, ma non con tutte le opzioni già viste nella TT.

La nuova A4 potrebbe ritardare la sua uscita per alcuni aggiornamenti di styling e potrebbe andare in vendita verso la fine del prossimo anno come MY2016.

Nuova Volkswagen Golf 8 ibrida Da 179 € al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati