WP_Post Object ( [ID] => 107972 [post_author] => 8 [post_date] => 2014-11-03 13:13:02 [post_date_gmt] => 2014-11-03 12:13:02 [post_content] => Arriva finalmente anche sul model year 2014 della Nissan Juke il tanto atteso motore a GPL, basato sulla meccanica originale del turbo-benzina DIG-T da 1.600 cc. Grazie alla combinazione dei due diversi carburanti, questa unità è in grado di sviluppare una potenza massima di 115 CV, ovviamente con tutti i vantaggi, soprattutto a livello economico, dell’alimentazione alternativa a GPL. La nuova Juke adotta un sistema a iniezione sequenziale fasata in fase gassosa, il che dovrebbe consentire una gestione dell’alimentazione ottimizzata, andando così a risolvere alcuni dei problemi più comuni inerenti i propulsori GPL. Grazie al suo serbatoio (capacità da 44 litri, riempibile fino all’80% come da norma di legge) la Juke sarebbe ora capace di abbattere in maniera considerevole le emissioni nocive e, soprattutto, garantire un’autonomia considerevole. Grazie al sistema bi-fuel, la Juke può percorrere fino a 1.244 km in totale, dei quali 451 solamente con l’apporto del GPL. Il tutto per una media dei consumi di 7,6 litri/100 km. Le differenze a livello operativo con la versione a benzina sono impercettibili. Come al solito in cabina sarà presente uno speciale commutatore dotato di una serie di LED luminosi, che indicano il livello di gas presente nel serbatoio. Accanto a questi si trova un pulsante, grazie al quale è possibile passare, sia in marcia che con l’auto ferma, all’alimentazione a benzina o GPL, a seconda della necessità (la benzina, infatti, mantiene comunque un vantaggio in termini di scatto e potenza fornita). Occorre ricordarsi che l’accensione del motore avviene sempre, per ragioni tecniche, con la benzina, per cui è sempre necessario tenerne una quantità almeno minima nel serbatoio. Il commutatore è dotato anche di segnale sonoro nel caso si passi alla benzina dopo aver esaurito il GPL. Il GPL sarà disponibile sulle versioni Visia e Acenta base, con Color Pack Interior, Color Pack Full (Cerchi da 18" con inserti colorati + perso esterne + perso interne) e Nissan Connect. Verrà proposto allo stesso prezzo delle corrispondenti versioni ad alimentazione standard. [post_title] => Nissan Juke, arriva la versione ECO GPL da 115 CV [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => nissan-juke-arriva-la-versione-eco-gpl-da-115-cv [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2014-11-03 13:13:02 [post_modified_gmt] => 2014-11-03 12:13:02 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=107972 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Nissan Juke, arriva la versione ECO GPL da 115 CV

Fino a 1.244 km di autonomia, di cui 451 alternativa

Il Nissan Juke finalmente è disponibile con il motore a GPL, che promette di offrire autonomia, bassi consumi e impatto ambientale limitato. Senza dimenticare che il GPL costa sempre un euro circa in meno rispetto a benzina e diesel
Nissan Juke, arriva la versione ECO GPL da 115 CV

Arriva finalmente anche sul model year 2014 della Nissan Juke il tanto atteso motore a GPL, basato sulla meccanica originale del turbo-benzina DIG-T da 1.600 cc. Grazie alla combinazione dei due diversi carburanti, questa unità è in grado di sviluppare una potenza massima di 115 CV, ovviamente con tutti i vantaggi, soprattutto a livello economico, dell’alimentazione alternativa a GPL.

La nuova Juke adotta un sistema a iniezione sequenziale fasata in fase gassosa, il che dovrebbe consentire una gestione dell’alimentazione ottimizzata, andando così a risolvere alcuni dei problemi più comuni inerenti i propulsori GPL. Grazie al suo serbatoio (capacità da 44 litri, riempibile fino all’80% come da norma di legge) la Juke sarebbe ora capace di abbattere in maniera considerevole le emissioni nocive e, soprattutto, garantire un’autonomia considerevole. Grazie al sistema bi-fuel, la Juke può percorrere fino a 1.244 km in totale, dei quali 451 solamente con l’apporto del GPL. Il tutto per una media dei consumi di 7,6 litri/100 km.

Le differenze a livello operativo con la versione a benzina sono impercettibili. Come al solito in cabina sarà presente uno speciale commutatore dotato di una serie di LED luminosi, che indicano il livello di gas presente nel serbatoio. Accanto a questi si trova un pulsante, grazie al quale è possibile passare, sia in marcia che con l’auto ferma, all’alimentazione a benzina o GPL, a seconda della necessità (la benzina, infatti, mantiene comunque un vantaggio in termini di scatto e potenza fornita). Occorre ricordarsi che l’accensione del motore avviene sempre, per ragioni tecniche, con la benzina, per cui è sempre necessario tenerne una quantità almeno minima nel serbatoio. Il commutatore è dotato anche di segnale sonoro nel caso si passi alla benzina dopo aver esaurito il GPL.

Il GPL sarà disponibile sulle versioni Visia e Acenta base, con Color Pack Interior, Color Pack Full (Cerchi da 18″ con inserti colorati + perso esterne + perso interne) e Nissan Connect. Verrà proposto allo stesso prezzo delle corrispondenti versioni ad alimentazione standard.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati