WP_Post Object ( [ID] => 108294 [post_author] => 25 [post_date] => 2014-11-06 10:20:23 [post_date_gmt] => 2014-11-06 09:20:23 [post_content] => Bridgestone Blizzak LM32S: Un tempo l’esigenza di montare coperture invernali era meno sentita, o comunque limitata ad una fascia di utenti più attenti ed esigenti, oltre che a contesti dove la neve ed il ghiaccio sono delle costanti nei mesi freddi. Oggi invece, sia per un quadro normativo che spesso ne prevede l’obbligo, sia per una maggior attenzione alla sicurezza, i volumi di vendita anche in Italia sono saliti, avvicinandosi a quelli di paesi più freddi ed a nord del Bel Paese. Così in molti hanno scoperto che al di sotto di determinate temperature, di solito basta scendere a 7-8 gradi, una gomma invernale ha migliori prestazioni di una estiva anche su fondo asciutto. Le differenze diventano maggiori quando le condizioni si fanno più difficili, con temperature rigide, oppure in presenza di pioggia, neve o ghiaccio. Il maggior costo dato dall’acquisto di due set di gomme, è compensato non solo da una sicurezza maggiore, ma anche dal fatto che, a conti fatti, le differenze sono molto più contenute di quanto non possa sembrare. Nei mesi invernali le coperture estive restano “a riposo”, la loro vita si allunga in termini di tempo, resta immutata come chilometraggio percorso. Alla luce del fatto che un controllo ed una equilibratura periodica sono comunque necessarie, anche il cambio estive – invernali e viceversa, diventa una voce di costo irrisoria. Non ci stancheremo mai di ribadire l’importanza di mettere “la scarpa” adatta alla nostra vettura. Tanti investimenti in termini di sicurezza attiva e passiva fatti dalle case automobilistiche, sono resi vani da una scelta sbagliata, o da pneumatici scadenti o in condizioni non ottimali. In questo senso i Bridgestone Blizzak LM32S sono una delle migliori scelte per gli utenti che le andranno ad utilizzare su auto medie sportive, trattandosi di una copertura adatta a velocità elevate, 210 e 240 Km/h con omologazione H e V, montate su cerchi da 17 e 18”. Si tratta di un prodotto di recente introduzione, che sfrutta tutte le nuove tecnologie disponibili per ottenere una performance complessiva di alto livello. I risultati sono certificati dai riconoscimenti ottenuti in confronti con la concorrenza effettuati in test indipendenti. Oltre ad un grip molto buono su fondi innevati, con spazi ridotti in frenata ed accelerazione, il dato è eccezionale sul bagnato, dove i Blizzak LM32S danno il meglio e sono stati premiati come migliore pneumatico con il prestigioso TÜV Performance Mark. La rumorosità è sostanzialmente allineata a quella di una copertura estiva. Se un tempo la differenza era evidente, oggi le Blizzak LM32S hanno un indice di rumorosità di 72 Db, contro i 71 delle Potenza S001 che, nel caso specifico del nostro test, hanno rimpiazzato. SONY DSC Una differenza irrisoria, frutto di una evoluzione importante negli ultimi anni. Anche in questo ci viene naturale pensare a quel confronto che, pare in molti, stanno facendo. Se le norme che obbligano a dotarsi di pneumatici invernali o catene a bordo hanno favorito le vendite delle coperture da neve, dall’altro una folta schiera di consumatori si è orientata a scelte economiche, rendendo attuale il confronto tra marchi premium ed economici, cinesi in testa. Noi non ci sentiamo di bocciare nessuno, ma le differenze sono vistose e, se da un lato si può risparmiare qualcosa all’atto dell’acquisto, dall’altro ci si potrebbe pentire per una consistente perdita in termini di sicurezza, prestazioni e durata nel tempo. Bridgestone è un marchio leader a livello mondiale, con oltre 170 milioni di gomme della famiglia Blizzak vendute dalla loro introduzione, ed investe ingenti capitali in ricerca e sviluppo per produrre pneumatici invernali. I risultati sono oggettivi, basta dare un occhio ai test eseguiti da terze parti e da testate giornalistiche specializzate. Anche Motorionline è tra queste, nei prossimi mesi avrete modo di ricevere aggiornamenti sul nostro test, dove andremo ad utilizzare pneumatici nella misura 225/45 R17 V, che abbiamo montato su una Volkswagen Golf GTI, in sostituzione alle coperture estive, abbinate a cerchi da 18”. SONY DSC Ci sono varie scuole di pensiero in tema misure. Un tempo si adottavano quelle minime consentite dal libretto di circolazione dell’auto, che spesso ne prevede di specifiche per le sole coperture invernali. Negli ultimi anni però è emerso che anche misure meno “estreme” garantiscono comunque ottime prestazioni su fondi innevati, senza limitare troppo quelle su asfalto asciutto. Di contro è vivamente suggerito, ove possibile, l’acquisto di un secondo set di cerchi, per semplificare e rendere anche più economico il cambio tra estive ed invernali (circa 25 euro contro 50 o più), ed evitare di “stallonare” troppe volte gli pneumatici per montarli e smontarli dai cerchi, operazione che potrebbe provocare dei danni alla carcassa. Ricordatevi poi di conservare le ruote in luogo buio e non troppo caldo, per evitare un invecchiamento precoce della mescola del battistrada. I Bridgestone Blizzak LM32S sono disponibili nelle versioni con codice velocità H (210 Km/h), oppure V (240 Km/h) e diametro da 17 o 18” e sezione 225 o 235, per un totale di 8 combinazioni possibili. Blizzak_LM32S_misure [post_title] => Bridgestone Blizzak LM32S, anteprima del Long Test [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => bridgestone-blizzak-lm32s-anteprima-del-long-test [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2014-11-10 18:23:26 [post_modified_gmt] => 2014-11-10 17:23:26 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=108294 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Bridgestone Blizzak LM32S, anteprima del Long Test

Inizia la prova del nuovo prodotto invernale per vetture sportive

Proprio in questi giorni scatta l’obbligo su molte strade di catene a bordo o di utilizzo di gomme M+S, quelle con il simbolo del fiocco di neve. Anche la redazione di Motorionline corre ai ripari e ne approfitta per iniziare la prova di lunga durata delle nuove gomme invernali Bridgestone dedicate alle vetture sportive, le Blizzak LM32S. La casa giapponese, prima al mondo nelle classifiche di vendita, lancia un prodotto subito premiato con il prestigioso TÜV Performance Mark, per le performance sul bagnato. Gli pneumatici Blizzak LM-32S, in un confronto con i principali competitors, hanno prevalso anche in alcuni test su fondo asciutto e innevato, a dimostrazione delle loro ottime qualità.

Bridgestone Blizzak LM32S: Un tempo l’esigenza di montare coperture invernali era meno sentita, o comunque limitata ad una fascia di utenti più attenti ed esigenti, oltre che a contesti dove la neve ed il ghiaccio sono delle costanti nei mesi freddi. Oggi invece, sia per un quadro normativo che spesso ne prevede l’obbligo, sia per una maggior attenzione alla sicurezza, i volumi di vendita anche in Italia sono saliti, avvicinandosi a quelli di paesi più freddi ed a nord del Bel Paese. Così in molti hanno scoperto che al di sotto di determinate temperature, di solito basta scendere a 7-8 gradi, una gomma invernale ha migliori prestazioni di una estiva anche su fondo asciutto. Le differenze diventano maggiori quando le condizioni si fanno più difficili, con temperature rigide, oppure in presenza di pioggia, neve o ghiaccio. Il maggior costo dato dall’acquisto di due set di gomme, è compensato non solo da una sicurezza maggiore, ma anche dal fatto che, a conti fatti, le differenze sono molto più contenute di quanto non possa sembrare. Nei mesi invernali le coperture estive restano “a riposo”, la loro vita si allunga in termini di tempo, resta immutata come chilometraggio percorso. Alla luce del fatto che un controllo ed una equilibratura periodica sono comunque necessarie, anche il cambio estive – invernali e viceversa, diventa una voce di costo irrisoria. Non ci stancheremo mai di ribadire l’importanza di mettere “la scarpa” adatta alla nostra vettura. Tanti investimenti in termini di sicurezza attiva e passiva fatti dalle case automobilistiche, sono resi vani da una scelta sbagliata, o da pneumatici scadenti o in condizioni non ottimali. In questo senso i Bridgestone Blizzak LM32S sono una delle migliori scelte per gli utenti che le andranno ad utilizzare su auto medie sportive, trattandosi di una copertura adatta a velocità elevate, 210 e 240 Km/h con omologazione H e V, montate su cerchi da 17 e 18”. Si tratta di un prodotto di recente introduzione, che sfrutta tutte le nuove tecnologie disponibili per ottenere una performance complessiva di alto livello. I risultati sono certificati dai riconoscimenti ottenuti in confronti con la concorrenza effettuati in test indipendenti. Oltre ad un grip molto buono su fondi innevati, con spazi ridotti in frenata ed accelerazione, il dato è eccezionale sul bagnato, dove i Blizzak LM32S danno il meglio e sono stati premiati come migliore pneumatico con il prestigioso TÜV Performance Mark. La rumorosità è sostanzialmente allineata a quella di una copertura estiva. Se un tempo la differenza era evidente, oggi le Blizzak LM32S hanno un indice di rumorosità di 72 Db, contro i 71 delle Potenza S001 che, nel caso specifico del nostro test, hanno rimpiazzato.

SONY DSC

Una differenza irrisoria, frutto di una evoluzione importante negli ultimi anni. Anche in questo ci viene naturale pensare a quel confronto che, pare in molti, stanno facendo. Se le norme che obbligano a dotarsi di pneumatici invernali o catene a bordo hanno favorito le vendite delle coperture da neve, dall’altro una folta schiera di consumatori si è orientata a scelte economiche, rendendo attuale il confronto tra marchi premium ed economici, cinesi in testa. Noi non ci sentiamo di bocciare nessuno, ma le differenze sono vistose e, se da un lato si può risparmiare qualcosa all’atto dell’acquisto, dall’altro ci si potrebbe pentire per una consistente perdita in termini di sicurezza, prestazioni e durata nel tempo. Bridgestone è un marchio leader a livello mondiale, con oltre 170 milioni di gomme della famiglia Blizzak vendute dalla loro introduzione, ed investe ingenti capitali in ricerca e sviluppo per produrre pneumatici invernali. I risultati sono oggettivi, basta dare un occhio ai test eseguiti da terze parti e da testate giornalistiche specializzate. Anche Motorionline è tra queste, nei prossimi mesi avrete modo di ricevere aggiornamenti sul nostro test, dove andremo ad utilizzare pneumatici nella misura 225/45 R17 V, che abbiamo montato su una Volkswagen Golf GTI, in sostituzione alle coperture estive, abbinate a cerchi da 18”.

SONY DSC

Ci sono varie scuole di pensiero in tema misure. Un tempo si adottavano quelle minime consentite dal libretto di circolazione dell’auto, che spesso ne prevede di specifiche per le sole coperture invernali. Negli ultimi anni però è emerso che anche misure meno “estreme” garantiscono comunque ottime prestazioni su fondi innevati, senza limitare troppo quelle su asfalto asciutto. Di contro è vivamente suggerito, ove possibile, l’acquisto di un secondo set di cerchi, per semplificare e rendere anche più economico il cambio tra estive ed invernali (circa 25 euro contro 50 o più), ed evitare di “stallonare” troppe volte gli pneumatici per montarli e smontarli dai cerchi, operazione che potrebbe provocare dei danni alla carcassa. Ricordatevi poi di conservare le ruote in luogo buio e non troppo caldo, per evitare un invecchiamento precoce della mescola del battistrada. I Bridgestone Blizzak LM32S sono disponibili nelle versioni con codice velocità H (210 Km/h), oppure V (240 Km/h) e diametro da 17 o 18” e sezione 225 o 235, per un totale di 8 combinazioni possibili.

Blizzak_LM32S_misure

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Guida Sicura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati