Chevrolet Corvette Stingray giudicata troppo rumorosa in Corea del Sud

Chevrolet Corvette Stingray giudicata troppo rumorosa in Corea del Sud

Non sarà disponibile nel paese asiatico

Chevrolet Corvette Stingray - "Rimandata a tempo indeterminato": così è stata la sorte della muscle car di Chevrolet che farebbe troppo rumore secondo le autorità coreane
Chevrolet Corvette Stingray giudicata troppo rumorosa in Corea del Sud

Il reparto coreano di Chevrolet ha annunciato pubblicamente che sta avendo dei seri problemi nella commercializzazione della nuova Corvette Stingray. Il bolide americano sarebbe semplicemente troppo rumoroso per i gusti dei coreani. Ma come mai visto che nelle altre parti del mondo la Stingray di seconda generazione è disponibile senza nessun problema di questo genere?

Le norme legate al rumore del motore in Corea del Sud hanno impedito a Chevrolet di vendere la settima generazione di Corvette per via del suo motore otto cilindri che farebbe un rumore al di sopra della soglia ammessa. L’amministratore delegato di Chevrolet Corea, Sergio Rocha, ha dichiarato che il modello “sarà rimandato a tempo indeterminato” per via di questa legge che, secondo lui, “potrebbe essere un bene per l’industria automobilistica a breve termine”, anche se dubita sulla sua utilità in futuro.

Chevrolet potrebbe eventualmente trovare un modo per rendere la nuova Stingray meno rumorosa in modo tale da andare incontro alle leggi locali, ma è probabilmente una cosa difficile da compiere visto che Rocha ha annunciato che solamente 12 Corvette sono state vendute in Corea del Sud ogni anno, per cui a questo punto il problema non sussisterebbe: la Stingray non sbarcherebbe minimamente in Corea.

Per ricordo, la nuova Corvette Stingray dispone di un motore V8 6.2 litri LT1 da 455 CV e oltre 600 N m di coppia massima che consente di andare da 0 a 100 km/h in meno di 4 secondi grazie alla sua trasmissione automatica (è disponibile anche il manuale a sette rapporti).

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati