WP_Post Object ( [ID] => 110043 [post_author] => 8 [post_date] => 2014-11-24 12:29:20 [post_date_gmt] => 2014-11-24 11:29:20 [post_content] => La BMW X6 si è completamente rinnovata e così hanno fatto anche le sue versioni più sportive, create come al solito dai maestri della divisione M. Innovazioni più tecniche che estetiche, ma sarebbe un grosso errore considerarla “uguale” al passato, semplicemente perché non lo è. La casa bavarese ha deciso di prendere quanto di buono fatto con la precedente generazione e portarla ad un livello ancora superiore, aggiungendo se possibile ancora più comfort ed eleganza. Il tutto, però, senza dimenticare la giusta dose di cattiveria e sportività tradizionale di questo modello. Le dimensioni sono rimaste quasi invariate, se non fosse per qualche centimetro di differenza. Linee e disegno generale della carrozzeria si è fatto ora più morbido e piacevole, con i gruppi ottici che riescono insieme alla griglia a due reni a completare egregiamente il quadro d’insieme. Da segnalare anche le nuove prese d’aria e il paraurti con gli sfoghi laterali. Le linee proseguono poi verso la parte posteriore della vettura, che offre delle forme più imponenti pur rimanendo sostanzialmente invariata rispetto al passato. Certamente tutte queste modifiche non tengono il passo dell’abitacolo, che al contrario è stato decisamente ridisegnato. Pur mantenendo la sua struttura di base, c’è stato un balzo notevole per quanto riguarda coperture e sellerie, con combinazioni di materiali e colori incredibilmente aumentate. Per quanto riguarda i motori, ci sono stati diversi aggiornamenti senza nessuna particolare rivoluzione. Parliamo di un benzina V8 da 4.400 cc di cubatura, con una potenza massima di 450 CV e una coppia di ben 650 Nm. Per quanto riguarda il diesel, invece, abbiamo a che fare con un sei cilindri 3.000 sovralimentato da 381 CV di potenza e una coppia record da ben 740 Nm. Quest’ultima unità è stata proprio quella scelta dalla divisione M per la specialissima M50d, che insieme ad un numero notevole di modifiche meccaniche quali il controllo attivo del rollio e il differenziale posteriore con ripartizione variabile della coppia riesce ad essere uno dei SUV più potenti e prestazionali del suo segmento. Nei prossimi giorni avremo l’occasione di salire a bordo della nuova BMW X6. Collegatevi sulle nostre pagine giovedì mattina per il nostro speciale servizio video e le nostre prime impressioni. Nel frattempo vi lasciamo ai filmati ufficiali realizzati dalla casa bavarese. [post_title] => BMW X6 M: spazio e aggressività da sportiva con la classe di un SUV premium [SPECIALE VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => bmw-x6-m-spazio-e-aggressivita-da-sportiva-con-la-classe-di-un-suv-premium-speciale-video [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2014-11-24 12:29:46 [post_modified_gmt] => 2014-11-24 11:29:46 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=110043 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

BMW X6 M: spazio e aggressività da sportiva con la classe di un SUV premium [SPECIALE VIDEO]

Fari puntati sull'esclusiva versione M50d da 381 CV di potenza

La BMW X6 si è rinnovata, andando a rifinire molti dei suoi punti di forza e raggiungendo livelli quasi inaspettati. Il lavoro della Divisione M, poi, è stato esemplare, in special modo sull'esclusiva M50d con motore sei cilindri da 381 CV di potenza
BMW X6 M: spazio e aggressività da sportiva con la classe di un SUV premium [SPECIALE VIDEO]

La BMW X6 si è completamente rinnovata e così hanno fatto anche le sue versioni più sportive, create come al solito dai maestri della divisione M. Innovazioni più tecniche che estetiche, ma sarebbe un grosso errore considerarla “uguale” al passato, semplicemente perché non lo è. La casa bavarese ha deciso di prendere quanto di buono fatto con la precedente generazione e portarla ad un livello ancora superiore, aggiungendo se possibile ancora più comfort ed eleganza. Il tutto, però, senza dimenticare la giusta dose di cattiveria e sportività tradizionale di questo modello.

Le dimensioni sono rimaste quasi invariate, se non fosse per qualche centimetro di differenza. Linee e disegno generale della carrozzeria si è fatto ora più morbido e piacevole, con i gruppi ottici che riescono insieme alla griglia a due reni a completare egregiamente il quadro d’insieme. Da segnalare anche le nuove prese d’aria e il paraurti con gli sfoghi laterali. Le linee proseguono poi verso la parte posteriore della vettura, che offre delle forme più imponenti pur rimanendo sostanzialmente invariata rispetto al passato. Certamente tutte queste modifiche non tengono il passo dell’abitacolo, che al contrario è stato decisamente ridisegnato. Pur mantenendo la sua struttura di base, c’è stato un balzo notevole per quanto riguarda coperture e sellerie, con combinazioni di materiali e colori incredibilmente aumentate.

Per quanto riguarda i motori, ci sono stati diversi aggiornamenti senza nessuna particolare rivoluzione. Parliamo di un benzina V8 da 4.400 cc di cubatura, con una potenza massima di 450 CV e una coppia di ben 650 Nm. Per quanto riguarda il diesel, invece, abbiamo a che fare con un sei cilindri 3.000 sovralimentato da 381 CV di potenza e una coppia record da ben 740 Nm. Quest’ultima unità è stata proprio quella scelta dalla divisione M per la specialissima M50d, che insieme ad un numero notevole di modifiche meccaniche quali il controllo attivo del rollio e il differenziale posteriore con ripartizione variabile della coppia riesce ad essere uno dei SUV più potenti e prestazionali del suo segmento.

Nei prossimi giorni avremo l’occasione di salire a bordo della nuova BMW X6. Collegatevi sulle nostre pagine giovedì mattina per il nostro speciale servizio video e le nostre prime impressioni. Nel frattempo vi lasciamo ai filmati ufficiali realizzati dalla casa bavarese.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati