Nissan X-Trail, prova su strada 2014

Cambia stile, abbandona quello off road e si fa più moderno

Sembra quasi una Qashqai cresciuta nelle dimensioni. In effetti va a sostituire la versione 7 posti allungata della sorella minore, ma se le somiglianze tra le due sono evidenti, anche le differenze lo sono altrettanto. 26 Cm di lunghezza in più e tanto spazio a disposizione all’interno. Disponibile per ora con una sola motorizzazione, il millesei dCi da 130 cavalli, declinato però in tre versioni: 4WD con cambio manuale e la 2WD con 2 opzioni di trasmissione, con il CVT XTronic per chi preferisce rinunciare alla frizione a tutto vantaggio della comodità. Abbiamo provato proprio questa versione della nuova Nissan X-Trail.

Nuovo Nissan X-Trail 2014: Sempre più educate. Il nuovo SUV di Nissan di segmento D è un esempio di ciò che la clientela di questo genere di auto desideri. Sempre più urbane, ben rifinite e moderne, sempre meno fuoristrada. Si scelgono per lo spazio, per la posizione di guida alta per dominare la strada, non per le doti in off road. Anzi, tanto meglio se hanno la trazione su due sole ruote, si risparmia sul prezzo d’acquisto, sul peso e sui consumi. La terza serie della X-Trail vira decisamente in questa direzione, con un look molto simile a quello della sorella minore, uno dei modelli di maggior successo tra i SUV medi, ma con dimensioni molto più abbondanti. Resta infatti fedele a se stessa, mantenendo le medesime dimensione del vecchio modello, lunghezza di 464 Cm per 182 di larghezza. Il passo è di ben 271 Cm e dentro la cosa si fa notare, con un’abitabilità notevole per 5 persone. Opzionalmente i posti possono diventare 7, grazie all’aggiunta di una terza fila di sedili. Al 1.6 a gasolio da 130 cavalli si affiancherà a breve anche un propulsore a benzina della medesima cubatura, dotato di sovralimentazione ed iniezione diretta e capace di 163 CV, ma certamente meno attrattivo per il nostro mercato.

Design e Interni:

Rating: ★★★★☆ 

Se la sorella è la prima della classe, perché non prendere da lei?
Nissan_X-Trail_esterni

Se le mettessimo di fianco una “vecchia” X-Trail ed una Qashqai attuale, le maggiori somiglianze le troveremmo proprio con quest’ultima. Con questo non stiamo affatto dicendo che sia una fotocopia ingrandita della sorella minore, ma che le accomuna certamente il medesimo stile. Un taglio con il passato, basta con le linee squadrate con spigoli in bella vista. La nuova X-Trail è molto più armoniosa ed elegante, con curve sinuose e che mostra i muscoli in modo educato con le rotondità dei passaruota, o con le morbide nervature del cofano. Il frontale è pulito e caratterizzato da gruppi ottici moderni, disegnati nella porzione interna in basso da luci diurne a led, sfumati invece sugli altri due lati, quasi a voler dar leggerezza agli spigoli. L’altro elemento principale della “faccia” dell’auto è quella grossa V cromata, che incastona il logo della casa, e che prosegue la sua linea lungo le nervature del cofano. Se lo stile è il medesimo, le dimensioni, tornando al confronto con la Qashquai, sono ben diverse. 26 centimetri in più di lunghezza, 11 in più di altezza, che arriva a quota 170. Sotto pelle trova posto la piattaforma CMF sviluppata da Nissan in alleanza con Renault e che è comune a Scenic, Laguna e Qashqai, grazie alla quale il nuovo X-Trail ha ridotto il peso, incrementando l’agilità e la maneggevolezza. Le portiere offrono una particolare chiusura, con apertura fino a ben 90°. Nella parte posteriore il largo lunotto è sovrastato da uno sportivo spoiler, mentre i gruppi ottici si dividono in una porzione fissa ed una posta sul portellone del bagagliaio, che può essere dotato di un meccanismo di apertura e chiusura elettrico.

Interni: Spazio in abbondanza, dotazione tecnologica al top e tanta qualità
Nissan_X-Trail_interni

Se le dimensioni esterne restano invariate, a crescere è il passo, e non di poco, visti gli 8 centimetri aggiuntivi. Dentro alla nuova Nissan X-Trail questo cambia molto il livello di comfort e lo spazio a disposizione. Un dato su tutti colpisce maggiormente, 10 centimetri in più per le gambe dei 3 passeggeri posteriori, che ora arrivano fino a ben 66, un record di categoria. In più la X-Trail sostituisce di fatto la versione lunga della Qashqai, che nella configurazione 7 posti non verrà più prodotta. Purtroppo l’esemplare in prova non era dotato della terza fila di sedili, un optional che rende ancora più versatile il Suv di Nissan. Le finiture sono molto piacevoli, salendo a bordo la sensazione è quella di essere in una vettura premium, grazie alla cura ed alla qualità dei materiali scelti. Gli interni chiari dell’esemplare in prova erano poi molto caldi ed accoglienti, anche se la moquette sul pavimento probabilmente risulterà un po’ troppo sporchevole nell’uso quotidiano. Un dettaglio degno di nota è il portalattine nel tunnel centrale, dotato di con bocchette dell’aria condizionata per mantenere le bevande al fresco (o al caldo). Davanti al guidatore troviamo un quadro strumenti con due classici elementi di forma circolare, in mezzo ai quali un generoso display da 5” riporta tutte le altre informazioni, oltre alle indicazioni del navigatore, quando è in funzione. Sulla console centrale un secondo display, un touchscreen da 7” è dedicato all’infotainment. Questo è decisamente di ottimo livello, ed include una interessante funzione di ausilio in parcheggio, l’Around View Monitor, che mette a disposizione una visuale come se si fosse sopra l’auto. Attraverso il proprio cellulare il sistema è in grado di accedere a servizi web, basta collegarlo attraverso il bluetooth. Funzioni che siamo abituati a trovare sulle sole vetture di fascia alta, a dimostrazione delle qualità della nuova X-Trail. Solo gli inserti in simil carbonio sulle porte e sulla plancia non ci sono molto piaciute, appaiono leggermente fuori contesto, ma è una questione di gusti, oltre che di configurazione dell’auto al momento dell’acquisto. La panca posteriore è scorrevole, per decidere se dare più spazio ai passeggeri o ai bagagli. Bagagliaio che è molto capiente, con i suoi 550 litri e la particolare disposizione su due livelli, con due comodi pannelli che rendono il piano d’appoggio lineare e sul medesimo livello dell’accesso, ma che nascondono anche una porzione con un generoso spazio per ulteriori bagagli.

Comportamento su Strada:

Rating: ★★★★☆ 

Tanta elettronica incrementa il piacere di guida
Nissan_X-Trail_guida1

A garantire sicurezza, ma anche piacere di guida, ci pensa l’elettronica. Sotto al nome di “Nissan Chassis Control”, troviamo infatti dei sistemi che gestiscono i freni non solo per interventi di emergenza, come avviene sempre con l’ESP, ma anche in modo preventivo, oltre che meno invasivo. Questo fa “l’Active Ride Control” per ridurre il rollio della vettura. Nel nostro caso poi “l’Active Engine Brake”agisce in abbinata all’XTronic per incrementare il freno motore in ingresso di curva. Lo stesso uso dei freni in modo selettivo sulla singola ruota, viene effettuato anche “dall’Active Trace Control”, che in curva evita l’effetto sottosterzante, prima che sia necessaria l’azione dell’ESP, che è limitata alle sole emergenze. Il tutto, abbinato alla generosa gommatura presente con l’allestimento Tekna, con cerchi da 19” che calzano pneumatici 225/55, fa si che quella che sembrava una “tranquilla” SUV, con un buon motore ed una confortevole trasmissione CVT, diventi anche un’auto piacevole e divertente da guidare quando le curve vengono affrontate osando di più, alla ricerca del limite di tenuta di strada. Molto buona la dotazione anche a livello di sicurezza attiva e passiva, con sistemi di assistenza che vanno dal Safety Shield Plus che include l’avviso visivo, ma in alcuni casi anche tramite cicalino, per la presenza di vetture nell’angolo cieco, oltre al sistema di allerta per oggetti in movimento, o per il rilevamento della stanchezza del conducente. La X-Trail ha anche una insonorizzazione molto buona, che insieme a sospensioni che “digeriscono” le asperità egregiamente, la rendono un’auto di gran comfort, con cui affrontare il tragitto casa – ufficio come lunghi viaggi, scendendo sempre freschi e riposati dall’auto. Malgrado la rinuncia alla trazione integrale, la nuova Nissan X-Trail non diventa allergica all’off road, grazie soprattutto a quote da fuoristrada vero, con una generosa altezza minima da terra di 21 Cm. Non è più specialistica, almeno in versione 2WD, ma qualche strada bianca si può percorrere senza pensieri.

Motore e Prestazioni:

Rating: ★★★★☆ 

Buone le caratteristiche del dCi 1.6, comodo il CVT “Xtronic”, ma…
SONY DSC

Il motore è brillante, riesce presto a far svanire i dubbi circa l’adeguatezza di una cubatura così ridotta per un’auto dalla dimensioni, e quindi dalla stazza, abbastanza generose. La seconda serie del SUV giapponese montava un 2 litri, da 150 cavalli. Ora, anche grazie alla riduzione di peso (fino a -90Kg) garantita dalla scelta della nuova piattaforma CMF, si è “scesi” anche nella cilindrata del motore. Il peso dell’X-Trail resta comunque nell’ordine dei 1.600 chili, ma non sono affatto un problema per il dCi millesei, grazie ai 130 cavalli a 4.000 giri, ma soprattutto per la coppia, con un importante valore di 320 Nm, espresso a 1.750 giri. Gli manca forse un po’ di brillantezza a regimi bassissimi, ma la configurazione dell’esemplare in prova nasconde egregiamente la cosa. Il CVT mantiene infatti il regime migliore in ogni condizione, scegliendo tra un numero infinito di rapporti. Questo tipo di trasmissione ha proprio tra i suoi pregi la capacità di adattare il regime del motore in modo istantaneo, senza la limitazione del numero di marce. Si perché, come dice la sigla stessa, è un cambio a variazione continua. L’XTronic, abbinabile alla sola versione 2WD (novità nel nuovo X-Trail, che prima era unicamente 4X4) è offerto come optional con un costo aggiuntivo di 1.700 euro ed è uno dei pochi superstiti della tipologia CVT. Dopo l’avvento dei moderni cambi sequenziali e automatici ad otto e più rapporti, i variazione continua sono infatti andati in molti casi in pensione. Solo relegati alle auto ibride, perché nell’uso cittadino riescono ad essere molto efficienti, e a casi sporadici come questo. Il perché dell’abbandono di una soluzione che sulla carta potrebbe essere ancora la migliore, è da ricercarsi nel giudizio dei clienti. Il CVT va infatti amato per i suoi grossi pregi, ed assecondarlo nella guida, altrimenti si finisce per detestarlo. Quando si accelera in modo deciso, a maggior ragione su una strada in salita, il regime sale istantaneamente, mentre l’accelerazione avviene in modo graduale. Così a qualcuno potrebbe sembrare di essere un guidatore anziano, di quelli che sfrizionano facendo “imballare” il motore. Per ovviare a questa sgradevole sensazione è però possibile impostare l’XTronic in “simulazione” di un cambio manuale, potendo bloccare il variazione continua in uno degli 8 rapporti disponibili. In alternativa è sempre disponibile il 6 rapporti manuale.

Consumi e Costi:

Rating: ★★★★½ 

Qualità premium ad un prezzo contenuto
Nissan_X-Trail_chiusura

Il prezzo d’attacco per il nuovo SUV Nissan è di circa 27.500 euro per la 2WD con cambio manuale, 1.700 in più per la trasmissione XTronic della nostra prova (in realtà diventano 3.000 alla luce dell’assenza dell’allestimento Visia in questa versione), fino ad arrivare ai 36.300 della quattro ruote motrici in allestimento Tekna. La nuova Nissan X-Trail può infatti essere scelta in tre allestimenti, alla base il Visia, poi l’Acenta ed al top il Tekna. Davvero ben equipaggiata la Tekna (che però si fa pagare ben 6.300 euro rispetto alla “base”), che include nel prezzo degli optional importanti, come i fari a led, la selleria in pelle, il sedile di guida regolabile elettricamente ed i generosi cerchi da 19″, oltre ad avviamento del motore keyless ed i sensori di parcheggio anteriori e posteriori. I consumi sono buoni, ma non eccezionali, abbiamo rilevato nel nostro test con il millesei diesel abbinato al cambio XTronic, un valore media di circa 14 Km/l. Siamo lontani dai quasi 19 con un litro dichiarati dalla casa, ma c’è da dire che lo stile di guida non è stato certo dei più attenti al contenimento dei consumi.

In conclusione
La nuova X-Trail è più elegante ed armoniosa, anche se rinuncia a gran parte della sua vocazione fuoristradistica. Una Qashqai formato maxi, in grado di ospitare comodamente i 5 passeggeri, addirittura 7 se si sceglie di dotarla di una terza fila di sedili. Ottimo il piccolo 1.6 a gasolio, brioso quanto basta per ottenere prestazioni convincenti. Una scelta “particolare” il cambio a variazione continua XTronic, ottimo in molti contesti, ma va assecondato e capito.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Tanto lo spazio e la qualità a bordo, ottima la dotazione tecnologica, buone le prestazioniIl CVT può non piacere, sottocoppia il motore manca di brio

Nissan X-Trail: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★★☆ 
Ripresa:★★★½☆ 
Cambio:★★★½☆ 
Frenata:★★★★☆ 
Sterzo:★★★★☆ 
Tenuta di Strada:★★★★☆ 
Comfort:★★★★½ 
Posizione di guida:★★★★½ 
Dotazione:★★★★★ 
Qualità/Prezzo:★★★★½ 
Design:★★★★½ 
Consumi:★★★★☆ 

Nuova Volkswagen Golf 8 ibrida Da 179 € al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati