WP_Post Object ( [ID] => 115164 [post_author] => 8 [post_date] => 2015-01-20 13:12:10 [post_date_gmt] => 2015-01-20 12:12:10 [post_content] => FCA - Dopo quello uscita a metà dello scorso anno, è arrivato il momento di un nuovo piano per il Gruppo FCA. Non preoccupatevi, non si tratta di un cambiamento, bensì di un nuovo riepilogo uscito fuori da una conferenza tenutasi in Svizzera, per la quale era stato preparato questo documento ufficiale. Si parla, di fatto, di ciò che accadrà fino al 2016, con le anteprime dei nuovi modelli in programma per il gruppo, compresi i marchi americani come Dodge e RAM. Mancano dall’elenco solamente due nomi, per motivi diversi: Lancia, il cui destino purtroppo pare ormai segnato, e Ferrari, che come annunciato è di fatto scorporata dal Gruppo FCA, pur rimanendo parte della “famiglia”. Su tutto il resto si può discutere. Il programma trova numerosissime conferme, alcune delle quali già avvenute (come la neonata 500X), mentre altre sono ancora al di là da venire. Le differenze purtroppo coinvolgono la tanto attesa 124 Spider, che sarebbe dovuta essere sviluppata in collaborazione con Mazda, per il momento messa da parte, anche se permane la possibilità che possa essere stata semplicemente messa in un angolo in attesa di tempi migliori. Per quanto riguarda il marchio Fiat vero e proprio, si avvicina sempre di più il momento dello sviluppo dell’attesa 500 a cinque porte, la quale dovrebbe essere la sostituta della Punto nel listino del Lingotto. Per quanto riguarda Alfa Romeo, invece, dopo la Giulia l’attesa sarà tutta per il SUV compatto, del quale si continua a parlare, senza però aver ancora avuto la possibilità di vedere nulla. Nessuna traccia dell’erede della Giulietta, per la quale evidentemente servirà aspettare ancora un po’. La Jeep, come già anticipato nei giorni scorsi, potrebbe buttarsi su una vettura da piazzare al di sotto della Renegade, aggiungendo a questa alcuni restyling molto interessanti (in particolare quello del Grand Cherokee). Una notizia che potrebbe riguardarci da vicino potrebbe essere quella del nuovo SUV media a sette posti di Dodge, che dovrebbe andare a sostituire il Journey, in altre parole il nostro Fiat Freemont. Chrysler, dal canto suo, dovrebbe far uscire il nuovo Town&Country insieme alla berlina compatta Chrysler 100. Non vi sono notizie sulla nuova Chrysler 300, ovvero la nostra Lancia Thema. [post_title] => Gruppo FCA: Fiat, Alfa Romeo e le altre, ecco il programma dei nuovi modelli per il 2016 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => gruppo-fca-fiat-alfa-romeo-e-le-altre-ecco-il-programma-dei-nuovi-modelli-per-il-2016 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-01-20 13:12:10 [post_modified_gmt] => 2015-01-20 12:12:10 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=115164 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 4 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Gruppo FCA: Fiat, Alfa Romeo e le altre, ecco il programma dei nuovi modelli per il 2016

Confermate 500 a cinque porte e SUV compatto del Biscione

Il Gruppo FCA, nel corso di un incontro tenutosi in Svizzera, ha confermato alcuni dei progetti già anticipati lo scorso anno. Fiat continuerà il suo sviluppo con modelli come la 500 a cinque porte che sostituirà la Punta, mentre Alfa, una volta consegnata la Giulia, si dedicherà al suo nuovo SUV compatto
Gruppo FCA: Fiat, Alfa Romeo e le altre, ecco il programma dei nuovi modelli per il 2016

FCA – Dopo quello uscita a metà dello scorso anno, è arrivato il momento di un nuovo piano per il Gruppo FCA. Non preoccupatevi, non si tratta di un cambiamento, bensì di un nuovo riepilogo uscito fuori da una conferenza tenutasi in Svizzera, per la quale era stato preparato questo documento ufficiale. Si parla, di fatto, di ciò che accadrà fino al 2016, con le anteprime dei nuovi modelli in programma per il gruppo, compresi i marchi americani come Dodge e RAM. Mancano dall’elenco solamente due nomi, per motivi diversi: Lancia, il cui destino purtroppo pare ormai segnato, e Ferrari, che come annunciato è di fatto scorporata dal Gruppo FCA, pur rimanendo parte della “famiglia”. Su tutto il resto si può discutere.

Il programma trova numerosissime conferme, alcune delle quali già avvenute (come la neonata 500X), mentre altre sono ancora al di là da venire. Le differenze purtroppo coinvolgono la tanto attesa 124 Spider, che sarebbe dovuta essere sviluppata in collaborazione con Mazda, per il momento messa da parte, anche se permane la possibilità che possa essere stata semplicemente messa in un angolo in attesa di tempi migliori. Per quanto riguarda il marchio Fiat vero e proprio, si avvicina sempre di più il momento dello sviluppo dell’attesa 500 a cinque porte, la quale dovrebbe essere la sostituta della Punto nel listino del Lingotto. Per quanto riguarda Alfa Romeo, invece, dopo la Giulia l’attesa sarà tutta per il SUV compatto, del quale si continua a parlare, senza però aver ancora avuto la possibilità di vedere nulla. Nessuna traccia dell’erede della Giulietta, per la quale evidentemente servirà aspettare ancora un po’.

La Jeep, come già anticipato nei giorni scorsi, potrebbe buttarsi su una vettura da piazzare al di sotto della Renegade, aggiungendo a questa alcuni restyling molto interessanti (in particolare quello del Grand Cherokee). Una notizia che potrebbe riguardarci da vicino potrebbe essere quella del nuovo SUV media a sette posti di Dodge, che dovrebbe andare a sostituire il Journey, in altre parole il nostro Fiat Freemont. Chrysler, dal canto suo, dovrebbe far uscire il nuovo Town&Country insieme alla berlina compatta Chrysler 100. Non vi sono notizie sulla nuova Chrysler 300, ovvero la nostra Lancia Thema.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Mercato

Lascia un commento

4 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Kato

    20 Gennaio 2015 at 14:01

    Ste cose si sapevano già tutte da mesi.
    La 124 che viene messa in un angolo in attesa di tempi migliori… tempi migliori che le altre continuano ad avere. Solo alla fiat è complicato vendere auto che non siano 500 e 500 ingrandite.
    Direi che a livello aziendale e di marketing stanno messi veramente male. Se non avessero il muso 500…

  2. roaz

    20 Gennaio 2015 at 15:45

    Di auto al di sotto della renegade (segmento b) non c’è traccia da nessuna parte.
    Cordialmente

  3. fausto

    19 Aprile 2015 at 09:44

    A quando il ritorno ufficiale nei rally?E’ vergognoso e deprimente non vedere auto italiane in tali competizioni.Oltretutto sarebbe un ottimo volano per pubblicizzare auto e modelli.

  4. Falco1400

    6 Maggio 2015 at 00:27

    @Fausto. Concordo in pieno con te. Giorni fa ho visto lo speciale di Raisport2 sul Rally dell’Adriatico (CIR) e mi piange il cuore nel vedere la totale assenza di auto italiane nel rally. “Ringraziamo” sempre il signor marchionne e compagnia “bella” per aver ammazzato l'”Auto Italiana” e i rispettivi “Reparti Corse”.

Articoli correlati