Dodge Charger SRT Hellcat, la berlina che raggiunge i 330 km/h

Dodge Charger SRT Hellcat, la berlina che raggiunge i 330 km/h

Oltre 707 CV di potenza massima

Dodge Charger SRT Hellcat - Per mostrare le potenzialità di un veicolo non servono sempre solo le immagini, ci vuole un filmato: Dodge ha deciso di mettere in luce la velocità massima della sua berlina più prestazionale di sempre
Dodge Charger SRT Hellcat, la berlina che raggiunge i 330 km/h

La Dodge Charger SRT Hellcat è stata presentata ufficialmente verso la fine del 2014 e oggi il reparto marketing diffonde un filmato nel quale mostra la velocità massima a cui è in grado di andare questo “gatto diabolico”. A proposito, a quanto va? Ben 328 orari.

Registrato su un circuito lungo più o meno 12 chilometri, questo video mostra la Charger SRT Hellcat toccare una top speed di 332.9 km/h, oltre 4 orari in più rispetto a quanto dichiarato anche se c’è da dire che la velocità media a chi ha viaggiato la super berlina americana è di 329.1 km/h.

Per chi non lo sapesse ancora, la Dodge Charger SRT Hellcat è disponibile a un prezzo di 63.996 dollari negli Stati Uniti e dispone sotto il cofano di un motore V8 6.2 litri compresso da oltre 707 CV e una coppia mostruosa pari a 880 N m. L’unità motrice è abbinata ad una tramissione automatica a 8 rapporti che consente al veicolo yankee di essere “la berlina più veloce e potente [di serie] al mondo.”

Benché nel 2014 si sia formato il gruppo Fiat Chrysler Automobiles (FCA) non sappiamo se l’organizzazione italo-americana ha intenzione di portare questo mostro a quattro porte sulle nostre strade. Nel caso contrario sarebbe un peccato poiché potrebbe dare parecchio filo da torcere a rivali tedesche ben più blasonate pur avendo un prezzo di gran lunga inferiore.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati