WP_Post Object ( [ID] => 119394 [post_author] => 8 [post_date] => 2015-02-25 17:13:54 [post_date_gmt] => 2015-02-25 16:13:54 [post_content] => Alfa Romeo Giulietta Collezione – Si chiama Collezione il nuovo top di gamma dell’Alfa Romeo Giulietta. Debutterà al Salone di Ginevra della settimana prossima e lo farà con alcune chicche che renderanno la berlina del Biscione ancora più attraente di quanto già non sia. Non solo per la presenza della seconda generazione del diesel 1.600 JTDM, con potenza da 120 CV ed emissioni compatibili con la legislazione Euro 6, ma anche per una serie di add-on estetici che contribuiscono ad aumentare nettamente il senso di sportività dell’intera vettura. Per non parlare della comodità. La Giulietta Collezione è immediatamente riconoscibile già dall’esterno. Di serie troviamo le calotte nere per gli specchietti retrovisori e una dotazione di cerchi in lega a raggi da 17 pollici. Tra gli optional si possono trovare invece il tetto nero a contrasto e altri cerchi in lega da 18 pollici con trattamento brunito. Anche l’abitacolo, però, è stato particolarmente rifinito: i sedili sono stati arricchiti con una speciale selleria in pelle bicolore nera e grigia, decorata dalle immancabili cuciture a contrasto che si ripetono su buona parte degli elementi presenti sulla plancia e sul tunnel. Il volante presenta ora un’elegante copertura in pelle, mentre i sedili sono stati arricchiti da nuovi braccioli (sia sugli anteriori che sui posteriori) e da una speciale regolazione lombare (solo anteriori). Non possiamo concludere il discorso sull’abitacolo senza menzionare la notevole quantità di tecnologia presente a bordo, partendo dal sistema di infotainment Uconnect con schermo da 5 pollici, aumentabile a 6,5 come optional, e finendo con i già più classici accessori come il clima bizona, gli alzacristalli elettrici posteriori, sensori di parcheggio e dispositivo Alfa DNA. Concludiamo, però, parlando dei motori. La vera novità, come detto, è il Multijet 1.600 JTDM da 120 CV, che secondo i dati ufficiali della casa è in grado di consumare appena 3,8 litri di gasolio ogni 100 km nel ciclo combinato europeo. La Collezione, però, sarà disponibile anche su altre meccaniche: sempre per i diesel abbiamo il 2.000 JTDM da 150 e 175 CV, mentre se preferite i benzina saranno disponibili dei 1.400 MultiAir Turbo da 120 e 170 CV. Entrambe le versioni più potenti saranno disponibili con il cambio automatico a doppia frizione Alfa TCT (obbligatorio sul diesel, optional sul benzina). Ancora da definire il prezzo di vendita. [post_title] => Salone di Ginevra 2015: Alfa Romeo Giulietta Collezione, il top con Multijet da 120 CV [FOTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => salone-di-ginevra-2015-alfa-romeo-giulietta-collezione-il-nuovo-top-con-multijet-da-120-cv-foto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-02-25 17:14:58 [post_modified_gmt] => 2015-02-25 16:14:58 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=119394 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Salone di Ginevra 2015: Alfa Romeo Giulietta Collezione, il top con Multijet da 120 CV [FOTO]

Super accessoriata per gli Alfisti più esigenti

L'Alfa Romeo Giulietta presenterà al Salone di Ginevra il suo nuovo top di gamma, chiamato semplicemente Collezione. Potrà contare sul nuovo Multiate 1.600 JTDM da 120 CV (e non solo), insieme ad una dotazione di extra di serie e optional in grado di soddisfare anche i palati più esigenti

Alfa Romeo Giulietta Collezione – Si chiama Collezione il nuovo top di gamma dell’Alfa Romeo Giulietta. Debutterà al Salone di Ginevra della settimana prossima e lo farà con alcune chicche che renderanno la berlina del Biscione ancora più attraente di quanto già non sia. Non solo per la presenza della seconda generazione del diesel 1.600 JTDM, con potenza da 120 CV ed emissioni compatibili con la legislazione Euro 6, ma anche per una serie di add-on estetici che contribuiscono ad aumentare nettamente il senso di sportività dell’intera vettura. Per non parlare della comodità.

La Giulietta Collezione è immediatamente riconoscibile già dall’esterno. Di serie troviamo le calotte nere per gli specchietti retrovisori e una dotazione di cerchi in lega a raggi da 17 pollici. Tra gli optional si possono trovare invece il tetto nero a contrasto e altri cerchi in lega da 18 pollici con trattamento brunito. Anche l’abitacolo, però, è stato particolarmente rifinito: i sedili sono stati arricchiti con una speciale selleria in pelle bicolore nera e grigia, decorata dalle immancabili cuciture a contrasto che si ripetono su buona parte degli elementi presenti sulla plancia e sul tunnel. Il volante presenta ora un’elegante copertura in pelle, mentre i sedili sono stati arricchiti da nuovi braccioli (sia sugli anteriori che sui posteriori) e da una speciale regolazione lombare (solo anteriori). Non possiamo concludere il discorso sull’abitacolo senza menzionare la notevole quantità di tecnologia presente a bordo, partendo dal sistema di infotainment Uconnect con schermo da 5 pollici, aumentabile a 6,5 come optional, e finendo con i già più classici accessori come il clima bizona, gli alzacristalli elettrici posteriori, sensori di parcheggio e dispositivo Alfa DNA.

Concludiamo, però, parlando dei motori. La vera novità, come detto, è il Multijet 1.600 JTDM da 120 CV, che secondo i dati ufficiali della casa è in grado di consumare appena 3,8 litri di gasolio ogni 100 km nel ciclo combinato europeo. La Collezione, però, sarà disponibile anche su altre meccaniche: sempre per i diesel abbiamo il 2.000 JTDM da 150 e 175 CV, mentre se preferite i benzina saranno disponibili dei 1.400 MultiAir Turbo da 120 e 170 CV. Entrambe le versioni più potenti saranno disponibili con il cambio automatico a doppia frizione Alfa TCT (obbligatorio sul diesel, optional sul benzina). Ancora da definire il prezzo di vendita.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati