BMW i8 racing: una versione da corsa per i piloti di domani?

BMW i8 racing: una versione da corsa per i piloti di domani?

La rielaborazione dell'artista statunitense Jon Sibal

Una versione adatta alla pista della innovativa BMW i8. L'artista Jon Sibal ha immaginato una versione ancora più sportiva di questa vettura dall'anima ecologica
BMW i8 racing: una versione da corsa per i piloti di domani?

BMW i8 racing – È un esercizio di stile, ma stuzzica la mente. La BMW i8 in versione racing ti proietta già in pista tra quei cordoli, per seguirne i movimenti e tentare di scattarle una foto. Un fulmine tecnologico si annida tra i suoi cilindri, prima di che sparisca all’orizzonte di un rettilineo, o oltre il confine di una curva.

Basandosi sulla BMW i8, l’artista digitale Jon Sibal ha dato forma a una vettura GT3 dalla forte personalità. Si distingue per il design schiacciato, il cui effetto è accentuato dalla presenza dei nuovi elementi. Le caratteristiche innovative della vettura verrebbero comunque esaltate. La BMW i8 infatti è una sportiva ibrida plug-in, mossa da un motore tre cilindri da 1.5 litri abbinato a un altro di tipo elettrico. Il propulsore tradizionale TwinPower Turbo garantisce 231 cavalli (170 kW), da sommare ai 131 cavalli (96 kW) dell’unità elettrica posta sull’assale anteriore. Nel complesso la potenza è di 362 cavalli (266 kW) e il dato della coppia è di 570 Nm. Valori che consentono alla BMW i8 di accelerare da 0 a 100 km/h in 4.4 secondi, e permettere comunque consumi contenuti sui 2.5 litri per 100 chilometri.

Ritornando alla versione racing della BMW i8, si notano subito gli interventi fatti davanti, ai lati e soprattutto l’alettone che svetta sul fondo. Il frontale è massiccio, basso, muscoloso, grazie alla introduzione di elementi aerodinamici, pensati probabilmente in fibra di carbonio. I fianchi massicci sembrano allo stesso tempo avvolgenti, mentre l’imponente ala che sbuca nella zona posteriore fornirebbe in pista il proprio contributo alle performance della vettura.

Fonte: Jon Sibal

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati