WP_Post Object ( [ID] => 120764 [post_author] => 40 [post_date] => 2015-03-09 12:33:57 [post_date_gmt] => 2015-03-09 11:33:57 [post_content] => Koenigsegg Regera – Spenta può essere un esempio più che valido di studio, apprezzando ogni dettaglio della sua raffinata aerodinamica. Accesa, invece, si può solo immaginare il ruggito che emani tutta la sua potenza. La Keonigsegg Regera dovrebbe essere prodotta in soli 80 esemplari, numero scelto perché indica “il principio di dominio, controllo e conquista nella Numerologia Pitagorica”. È stata anticipata come “megacar”, aggettivo che ne suggerisce l'enorme potenza e prestazioni da vertice. Il design della Regera è basso, schiacciato, profilato, votato totalmente alla massima efficienza e alla velocità. Il frontale si distende verso il basso, alla ricerca costante del suolo, allungato nella percezione dalla forma dei fari e dal disegno elaborato del cofano, che converge abbozzando una V. Singolare la forma delle prese d'aria laterali che sormontano altri elementi alla base del muso, sviluppati probabilmente in fibra di carbonio. Il posteriore, invece, è anch'esso basso e schiacciato, reso particolare dalla forma sottile e orizzontale dei gruppi ottici, che tendono a convergere verso l'interno, dall'imperioso alettone ancorato alla base del cofano motore e dal poderoso scarico centrale Akrapovic, che si distende oltre la linea dell'estrattore. Completano il quadro anche i cerchi in fibra di carbonio da 20 pollici nella parte posteriore e 19 pollici davanti, associati a freni in materiale carbo-ceramico. Questa vettura è caratterizzata da una particolare trasmissione denominata KDD, acronimo che significa Koenigsegg Direct Drive. In pratica, rispetto a tipologie di trasmissioni più tradizionali, questa sarebbe capace di abbassare oltre il 50% la dispersione di energia prodotta. Trasmissione legata a una propulsione ibrida plug-in dalle caratteristiche notevoli. La Regera, infatti, è spinta da un propulsore bi-turbo da 5.0 litri V8, in grado si sviluppare già 1.000 cavalli, a cui vanno aggiunti i tre motori elettrici legati alle ruote e all'albero motore, da cui deriverebbero altri 700 cavalli. Sommati, dunque, la potenza complessiva sarebbe superiore ai 1500 cavalli con 2.000 Nm di coppia, rapportati a un peso a secco di 1.420 Kg. Di conseguenza le prestazioni sono elevatissime, toccando da ferma i 100 km/h in meno di tre secondi (2.8) e i 400 km/h in meno di 20 secondi. [post_title] => Koenigsegg Regera: la "megacar" dalla potenza straripante a Ginevra [FOTO LIVE] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => koenigsegg-regera-la-megacar-dalla-potenza-straripante-a-ginevra-foto-live [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-03-09 12:33:57 [post_modified_gmt] => 2015-03-09 11:33:57 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=120764 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Koenigsegg Regera: la “megacar” dalla potenza straripante a Ginevra [FOTO LIVE]

Una forza ibrida superiore ai 1.500 cavalli

Una delle novità esclusive del marchio Koenigsegg, al Salone di Ginevra, si chiama Regera. Vettura dalle prestazioni elevatissime

Koenigsegg Regera – Spenta può essere un esempio più che valido di studio, apprezzando ogni dettaglio della sua raffinata aerodinamica. Accesa, invece, si può solo immaginare il ruggito che emani tutta la sua potenza. La Keonigsegg Regera dovrebbe essere prodotta in soli 80 esemplari, numero scelto perché indica “il principio di dominio, controllo e conquista nella Numerologia Pitagorica”. È stata anticipata come “megacar”, aggettivo che ne suggerisce l’enorme potenza e prestazioni da vertice.

Il design della Regera è basso, schiacciato, profilato, votato totalmente alla massima efficienza e alla velocità. Il frontale si distende verso il basso, alla ricerca costante del suolo, allungato nella percezione dalla forma dei fari e dal disegno elaborato del cofano, che converge abbozzando una V. Singolare la forma delle prese d’aria laterali che sormontano altri elementi alla base del muso, sviluppati probabilmente in fibra di carbonio. Il posteriore, invece, è anch’esso basso e schiacciato, reso particolare dalla forma sottile e orizzontale dei gruppi ottici, che tendono a convergere verso l’interno, dall’imperioso alettone ancorato alla base del cofano motore e dal poderoso scarico centrale Akrapovic, che si distende oltre la linea dell’estrattore. Completano il quadro anche i cerchi in fibra di carbonio da 20 pollici nella parte posteriore e 19 pollici davanti, associati a freni in materiale carbo-ceramico.

Questa vettura è caratterizzata da una particolare trasmissione denominata KDD, acronimo che significa Koenigsegg Direct Drive. In pratica, rispetto a tipologie di trasmissioni più tradizionali, questa sarebbe capace di abbassare oltre il 50% la dispersione di energia prodotta. Trasmissione legata a una propulsione ibrida plug-in dalle caratteristiche notevoli. La Regera, infatti, è spinta da un propulsore bi-turbo da 5.0 litri V8, in grado si sviluppare già 1.000 cavalli, a cui vanno aggiunti i tre motori elettrici legati alle ruote e all’albero motore, da cui deriverebbero altri 700 cavalli. Sommati, dunque, la potenza complessiva sarebbe superiore ai 1500 cavalli con 2.000 Nm di coppia, rapportati a un peso a secco di 1.420 Kg. Di conseguenza le prestazioni sono elevatissime, toccando da ferma i 100 km/h in meno di tre secondi (2.8) e i 400 km/h in meno di 20 secondi.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati