Pirelli diventa cinese, c’è la firma sull’accordo con il colosso ChemChina

Pirelli diventa cinese, c’è la firma sull’accordo con il colosso ChemChina

Tronchetti Provera: "Per Pirelli è una grande opportunità"

Pirelli ChemChina - Nel weekend è arrivata la firma sull'accordo tra Pirelli e il colosso cinese China Chemical Corporation, con quest'ultimo pronto a rilevare le azioni della P lunga di Camfin, lanciando un'opa di 15 euro ad azione.
Pirelli diventa cinese, c’è la firma sull’accordo con il colosso ChemChina

Marco Tronchetti Provera, presidente di Pirelli, qualche giorno era abbastanza sicuro sulla buona riuscita della trattativa tra l’azienda italiana produttrice di pneumatici e il gruppo cinese ChemChina dichiarando: “Entro il weekend si chiude” e di fatto così è stato. L’accordo che darà un forte sapore orientale al futuro della P lunga è stato siglato.

Firmata l’intesa che prevede la costituzione di una nuova società Bidco che acquisterà le azioni Pirelli (circa il 26,2%) da Camfin, che include i soci Marco Tronchetti Provera, UniCredit, Intesa Sanpaolo e i russi di Rosneft, lanciando un’opa a 15 euro per azione. L’obiettivo è quello di portare con il nuovo assetto Pirelli sotto il controllo di China Chemical Corporation entro la prossima estate, solo quando il colosso cinese avrà rilevato il 95% della P lunga potrà allora fare uscire, dopo 93 anni di permanenza a Piazza Affari, il titolo Pirelli dalla Borsa, dove dovrebbe tornare con il nuovo assetto societario nel giro di quattro anni.

Un’intesa, quella con ChemChina, colosso da circa 36 miliardi di euro di fatturato, salutata con soddisfazione dal numero uno di Pirelli, Tronchetti Provera: ” L’accordo con ChemChina rappresenta una grande opportunità per Pirelli. L’approccio al business e la visione strategica di Cnrc garantiscono lo sviluppo e la stabilità di Pirelli“.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati