Davide Oldani, il cibo è peggio dell’alcool alla guida

Davide Oldani, il cibo è peggio dell’alcool alla guida

Lo chef stellato è intervenuto al #ForumAutomotive

Davide Oldani, chef ambassador di Expo 2015, mette in guardia sugli effetti del cibo mentre si guida. Ne bastano 20 grammi, meglio se di frutta e verdura, per non rischiare mentre ci si trova al volante
Davide Oldani, il cibo è peggio dell’alcool alla guida

Davide Oldani – Davide Oldani, chef ambassador di Expo 2015, ha voluto evidenziare la stretta connessione che c’è tra l’alimentazione e la sicurezza alla guida, concetto al centro del forum “Dimmi come mangi (e come bevi) ti dirò come guidi” che si è svolto a Milano durante il #ForumAutomotive.

Lo chef stellato, protagonista ieri sera anche del Mercedes Cooking Experience che ha fatto da cornice alla presentazione del nuovo Marco Polo, ha detto che bisogna “mangiare bene ma mangiare meno, molto meno, perchè l’impatto negativo dell’alcool quando si guida un’automobile è paragonabile al troppo cibo“. Bastano quindi porzioni di 20 grammi di buon cibo, oppure, in alternativa al junk food, meglio mangiare frutta e verdura.

Davide Oldani, ambasciatore dell’Expo 2015, crede che le porzioni di cibo da assumere prima di partire o durante un viaggio devono essere piccole, “solo 20 grammi per soddisfare il piacere del cibo“. “Nutrire il pianeta, Energia per la Vita” è il motto dell’Expo 2015, un’importante occasione, secondo Oldani, per riflettere sul tema del nutrire meglio. “Oggi tutti noi mangiamo quattro volte più del dovuto e le reazioni sono più difficili quando si è saturi di cibo“, ha aggiunto il celebre chef milanese, che ha anche suggerito un’altra semplice soluzione al problema. “Negli autogrill e nei distributori, compresi dunque anche i distributori automatici, ci dovrebbe essere molta più verdura e frutta da mangiare. Sono l’alternativa ideale al junk food e sono perfette per chi guida”.

Davide Oldani, l’inventore della cucina Pop, a breve partirà per Manila dove ha esportanto ancora una volta il suo D’O, dopo Londra, Dubai e Hong Kong, un’importante tappa nella sua straordinaria avventura da chef che comunque gli ha permesso di  cucinare “live” il suo risotto allo zafferano, la cui caratteristica è quella di unire il fiore al riso solo all’ultimo momento mantenendone al massimo il sapore, all’interno dell’area del cantiere Cascina Merlata, con l’aiuto proprio del nuovo Mercedes Marco Polo, portando un riconoscimento alle persone che stanno rendendo possibile la realizzazione della più grande vetrina mondiale per l’Italia dei prossimi anni, l’Expo 2015.

Leggi altri articoli in Eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

FORUMAutoMotive 2020: focus sul post coronavirus

Geronimo La Russa: serviranno incentivi e maxi-rottamazione
Un’edizione molto particolare quella di quest’anno del #FORUMAutoMotive, che ovviamente a causa dell’emergenza sanitaria causata dal coronavirus non si è
Auto

FORUMAutoMotive: a Milano il diesel viene assolto

Un gasolio Euro 6 emette fino al 95% di NOx in meno rispetto ad un Euro 0
È andato in scena a Milano questa mattina il #FORUMAutoMotive, tradizionale appuntamento che ormai diversi anni caratterizza la filiera delle