WP_Post Object ( [ID] => 133286 [post_author] => 8 [post_date] => 2015-04-29 13:02:53 [post_date_gmt] => 2015-04-29 11:02:53 [post_content] => Il Parlamento Europeo si è espresso: entro l’aprile del 2018 tutte le auto prodotte e i veicoli commerciali leggeri dovranno essere dotati dell’eCall, ovvero dello speciale sistema di chiamata di emergenza che, in caso di incidente, si collega in automatico al servizio unico europeo 112, comunicando posizione della macchina e tutti i dati sensibili per un pronto intervento. Si tratta di quel sistema che già diverse vetture integrano, ma che diventerà la normalità su qualsiasi veicolo (in futuro anche su camion e veicoli commerciali pesanti in generale). Il sistema sarà riconoscibile anche tramite un apposito pulsante di SOS che potrebbe essere azionato in caso di necessità da chiunque possa intervenire, dal guidatore stesso ai passeggeri e ai passanti. Si tratta di un obbligo che, come detto, riguarderà solamente le auto di nuova produzione. Non sarà quindi necessario effettuare costose modifiche sulle proprie auto. Grazie a questa decisione, comunque, il Parlamento Europeo conta di riuscire ad abbattere l’elevato tasso di mortalità rilevato sulle strade del continente, che secondo le ultime stime si aggirerebbe su oltre 25.000 vittime solo nello scorso anno. Il servizio di chiamata sarà assolutamente gratuito e i costruttori avrebbero sistemato i problemi di privacy rendendo il servizio attivo solamente in caso di sinistro. In generale, comunque, i dati immagazzinati nella memoria sarebbero facilmente cancellabili per ogni evenienza. L’unico problema, almeno per l’Italia, è che il servizio unico 112 è ancora in fase sperimentale e per ora rimangono attivi unicamente i servizi tradizionali con i loro numeri di telefono specifici. È probabile, però, che con l’arrivo di questo obbligo anche le istituzioni inizieranno a premere (ironicamente) sull’acceleratore per essere al passo con le richieste europee. [post_title] => eCall: la chiamata d'emergenza diventa obbligatoria per tutti entro il 2018 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => ecall-la-chiamata-demergenza-diventa-obbligatoria-per-tutti-entro-il-2018 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-04-29 13:02:53 [post_modified_gmt] => 2015-04-29 11:02:53 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=133286 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw [post_category] => 0 )

eCall: la chiamata d’emergenza diventa obbligatoria per tutti entro il 2018

Decisione del Parlamento Europeo

A partire dall'aprile del 2018 tutte le auto di nuova produzione dovranno avere in dotazione il sistema eCall di chiamata d'emergenza, così da allertare i soccorsi in maniera completamente automatica (o tramite apposito pulsante) in caso di sinistro
eCall: la chiamata d’emergenza diventa obbligatoria per tutti entro il 2018

Il Parlamento Europeo si è espresso: entro l’aprile del 2018 tutte le auto prodotte e i veicoli commerciali leggeri dovranno essere dotati dell’eCall, ovvero dello speciale sistema di chiamata di emergenza che, in caso di incidente, si collega in automatico al servizio unico europeo 112, comunicando posizione della macchina e tutti i dati sensibili per un pronto intervento. Si tratta di quel sistema che già diverse vetture integrano, ma che diventerà la normalità su qualsiasi veicolo (in futuro anche su camion e veicoli commerciali pesanti in generale). Il sistema sarà riconoscibile anche tramite un apposito pulsante di SOS che potrebbe essere azionato in caso di necessità da chiunque possa intervenire, dal guidatore stesso ai passeggeri e ai passanti.

Si tratta di un obbligo che, come detto, riguarderà solamente le auto di nuova produzione. Non sarà quindi necessario effettuare costose modifiche sulle proprie auto. Grazie a questa decisione, comunque, il Parlamento Europeo conta di riuscire ad abbattere l’elevato tasso di mortalità rilevato sulle strade del continente, che secondo le ultime stime si aggirerebbe su oltre 25.000 vittime solo nello scorso anno.

Il servizio di chiamata sarà assolutamente gratuito e i costruttori avrebbero sistemato i problemi di privacy rendendo il servizio attivo solamente in caso di sinistro. In generale, comunque, i dati immagazzinati nella memoria sarebbero facilmente cancellabili per ogni evenienza. L’unico problema, almeno per l’Italia, è che il servizio unico 112 è ancora in fase sperimentale e per ora rimangono attivi unicamente i servizi tradizionali con i loro numeri di telefono specifici. È probabile, però, che con l’arrivo di questo obbligo anche le istituzioni inizieranno a premere (ironicamente) sull’acceleratore per essere al passo con le richieste europee.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Guida Sicura

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Kato

    29 Aprile 2015 at 16:57

    Questo è il famoso sistema per tenere sotto controllo persone di interesse. Non c’entra nulla la sicurezza.

Articoli correlati