WP_Post Object ( [ID] => 135458 [post_author] => 18 [post_date] => 2015-05-06 18:43:30 [post_date_gmt] => 2015-05-06 16:43:30 [post_content] => Michelin, insieme ai suoi chef stellati, ancora una volta protagonista della sicurezza stradale. Non solo quella attiva, garantita con miliardi di investimenti in ricerca e sviluppo per offrire un prodotto sempre più performante, ma anche nella sensibilizzazione degli utenti della strada, sin dalla tenera età. A questo proposito, in occasione della settimana mondiale ONU della sicurezza stradale, che si celebra dal 4 al 10 maggio, il leader francese nella costruzione degli pneumatici, insieme alla Polizia di Stato ed al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, hanno allestito il “villaggio Michelin per la sicurezza stradale”, realizzato presso piazza della Repubblica, a Livorno. Proprio presso il villaggio Michelin i bambini, dai 5 agli 11 anni, potranno prender parte alla Michelin Bike Ride, un’esperienza che promette di conciliare il divertimento con la conoscenza della segnaletica stradale, nonché dei continui pericoli che possono presentarsi sulle strade, ogni giorno, in ogni momento. Questo tipo di iniziativa rientra nell’ambito della collaborazione di Michelin con le più grandi organizzazioni internazionali impegnate nel campo dell’incidentologia e della sicurezza stradale. Il costruttore di gomme, insieme alla FIA, hanno infatti lanciato una campagna mondiale di comunicazione per diffondere la conoscenza delle 10 regole d’oro della sicurezza stradale. Quest’ultima iniziativa fa parte del progetto FIA Action for Road Safety, nell’ambito del Decennio di Azione per la Sicurezza Stradale voluto dall’ONU (2011-2020), che mira a salvare cinque milioni di vite in 10 anni. Ma non finisce qui. Proprio in occasione della stessa settimana della sicurezza stradale Michelin ha lanciato un’ulteriore iniziativa, che vede coinvolti gli chef stellati (con due e tre stelle). Il collegamento tra chef e sicurezza stradale non è affatto casuale. Gli automobilisti, in viaggio, devono mangiare e mangiare bene. Ecco che allora, gli chef Michelin, hanno studiato degli appositi menù, pensati per non rinunciare alla qualità dei prodotti ed alla ricercatezza delle portate, senza per questo appesantire il viaggiatore che deve rimettersi alla guida subito dopo il pasto, magari per percorrere svariate centinaia di chilometri. D’altronde, sono gli stessi chef stellati ad evocare l’idea del viaggio: per un pasto ad un ristorante con due stelle vale sicuramente la pena di fare una deviazione dal proprio percorso, mentre un tre stelle vale da solo il viaggio stesso. Hanno preso parte all’iniziativa 7 chef tre stelle e 33 chef due stelle di tutta Italia, proponendo dunque menù la cui “leggerezza” non ha intaccato la creatività. Grande protagonista il pesce, che si accompagna ai piatti tipici delle tradizioni regionali o ad orizzonti esotici più fantasiosi. Il tutto, per una degustazione a basso contenuto glicemico, ideale per rimettersi subito alla guida. Villaggio Michelin [post_title] => Michelin e i suoi chef stellati insieme per la sicurezza stradale [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => michelin-e-i-suoi-chef-stellati-insieme-per-la-sicurezza-stradale [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-05-06 18:43:30 [post_modified_gmt] => 2015-05-06 16:43:30 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=135458 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Michelin e i suoi chef stellati insieme per la sicurezza stradale

Diverse le iniziative per la Settimana Mondiale ONU della Sicurezza Stradale

Michelin e i suoi chef stellati insieme per la sicurezza stradale

Michelin, insieme ai suoi chef stellati, ancora una volta protagonista della sicurezza stradale. Non solo quella attiva, garantita con miliardi di investimenti in ricerca e sviluppo per offrire un prodotto sempre più performante, ma anche nella sensibilizzazione degli utenti della strada, sin dalla tenera età. A questo proposito, in occasione della settimana mondiale ONU della sicurezza stradale, che si celebra dal 4 al 10 maggio, il leader francese nella costruzione degli pneumatici, insieme alla Polizia di Stato ed al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, hanno allestito il “villaggio Michelin per la sicurezza stradale”, realizzato presso piazza della Repubblica, a Livorno. Proprio presso il villaggio Michelin i bambini, dai 5 agli 11 anni, potranno prender parte alla Michelin Bike Ride, un’esperienza che promette di conciliare il divertimento con la conoscenza della segnaletica stradale, nonché dei continui pericoli che possono presentarsi sulle strade, ogni giorno, in ogni momento. Questo tipo di iniziativa rientra nell’ambito della collaborazione di Michelin con le più grandi organizzazioni internazionali impegnate nel campo dell’incidentologia e della sicurezza stradale. Il costruttore di gomme, insieme alla FIA, hanno infatti lanciato una campagna mondiale di comunicazione per diffondere la conoscenza delle 10 regole d’oro della sicurezza stradale. Quest’ultima iniziativa fa parte del progetto FIA Action for Road Safety, nell’ambito del Decennio di Azione per la Sicurezza Stradale voluto dall’ONU (2011-2020), che mira a salvare cinque milioni di vite in 10 anni. Ma non finisce qui. Proprio in occasione della stessa settimana della sicurezza stradale Michelin ha lanciato un’ulteriore iniziativa, che vede coinvolti gli chef stellati (con due e tre stelle). Il collegamento tra chef e sicurezza stradale non è affatto casuale. Gli automobilisti, in viaggio, devono mangiare e mangiare bene. Ecco che allora, gli chef Michelin, hanno studiato degli appositi menù, pensati per non rinunciare alla qualità dei prodotti ed alla ricercatezza delle portate, senza per questo appesantire il viaggiatore che deve rimettersi alla guida subito dopo il pasto, magari per percorrere svariate centinaia di chilometri. D’altronde, sono gli stessi chef stellati ad evocare l’idea del viaggio: per un pasto ad un ristorante con due stelle vale sicuramente la pena di fare una deviazione dal proprio percorso, mentre un tre stelle vale da solo il viaggio stesso. Hanno preso parte all’iniziativa 7 chef tre stelle e 33 chef due stelle di tutta Italia, proponendo dunque menù la cui “leggerezza” non ha intaccato la creatività. Grande protagonista il pesce, che si accompagna ai piatti tipici delle tradizioni regionali o ad orizzonti esotici più fantasiosi. Il tutto, per una degustazione a basso contenuto glicemico, ideale per rimettersi subito alla guida. Villaggio Michelin

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Guida Sicura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati