Ferrari: una navicella spaziale firmata dal direttore del design Flavio Manzoni [FOTO]

Nuove dimensioni da esplorare

Il responsabile dello stile Ferrari, appassionato di storie fantascientifiche, ha immaginato e disegnato un esempio di navicella spaziale con forme che ripropongono i particolari di alcune vetture del Cavallino Rampante

Ferrari UFO di Flavio Manzoni – La velocità Ferrari riproposta nello spazio, con forme aerodinamiche e una sportività che accarezza le stelle. Si immagina questo osservando i disegni della navicella spaziale realizzata dal responsabile del design del Cavallino Rampante, Flavio Manzoni.

L’aerodinamicità dell’UFO realizzato da Manzoni, con la collaborazione dello specialista 3D CAD Guillaume Vasseur, che ne ha restituito un’idea virtuale, e Billy Galliano che si è occupato dei rendering e della post-produzione, sembra riplasmare anche l’aria circostante. Un esercizio di stile caratterizzato da linee filanti ed extra-terresti, dalla fusoliera ricoperta probabilmente da uno speciale materiale isolante o uno specifico materiale, che riflette le condizioni cromatiche esterne. Si può ipotizzare che questo possa avere anche precise qualità tecniche, così come si può immaginare il senso della grossa fonte luminosa alla base dell’UFO, ma non si hanno indicazioni sulle caratteristiche del veicolo.

Quello che emerge è il design estremo e alcuni dettagli che suggeriscono la paretela con alcune prestigiose vetture del Cavallino Rampante. Si può ad esempio citare la lunga fascia laterale rossa che percorre la carlinga della navicella. Un motivo che ricorda la Ferrari 512S Modulo del 1970. Una vettura futuristica, dalle forme spaziali e avveniristiche, che in modo ancor più filante sembrano riplasmate e riproposte attraverso questa navicella.
Il design della 512S Modulo, concept car unica nel suo genere, fu firmato da un altro nome storico dello stile internazionale come Pininfarina. Lunga 4.480 millimetri, larga poco più di due metri e alta circa un metro, il peso sarebbe di 900 kg, mentre la potenza di 550 cavalli (410 kW) deriverebbe dal motore V12 di 5.0 litri associato a un cambio manuale a cinque marce.
Osservando invece altre zone della navicella, ad esempio quella frontale, si nota la curiosa ala supplementare alla base del muso. Il design sembra riproporre quanto già notato sul frontale de LaFerrari, l’hypercar di Maranello dotata di un’elevatissima potenza ibrida, mentre la coda è caratterizzata da appendici simili a quelle presenti sulla più estrema FXX K da 1.050 cavalli.

Fonte: cardesignnews.com

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati