Volkswagen T1 rimesso a nuovo e reso un mostro da 530 CV [FOTO]

Realizzato dal carrozziere svizzero Fred Bernhard

Volkswagen T1 - Un vecchio Volkswagen T1 degli anni '60 è stato completamente trasformato in un furgoncino ad altissime prestazioni grazie a numerosi componenti meccaniche derivanti da alcune Porsche, compreso il motore sei cilindri che consente al T1 di sfruttare ben 530 CV di potenza e 558 Nm di coppia massima.

Un pezzo unico da esibire con orgoglio al raduno del Worthersee quello realizzato dal carrozziere svizzero Frend Bernhard che ha rimesso a nuovo un pulmino Volkswagen T1 del 1962. Il vecchio furgoncino è stato reso un affascinate e potente piccolo bus in grado mescolare la tradizione e la storia del mitico Bulli della Casa di Wolfsburg con un dinamismo su strada esaltante che compete solitamente alle supercar.

Bernhard ha messo mano alla meccanica dell’originale T1 dotando il furgoncino di un potente motore sei cilindri raffreddato ad aria che deriva direttamente da una Porsche 993, con due turbocompressori e un cambio manuale a 6 marce che arriva invece da una Porsche 996 GT3. Il nuovo propulsore montato sul T1 gli assicura una potenza di 530 CV e 558 Nm di coppia massima. La trasformazione ha coinvolto anche lo sterzo e i freni, anch’essi provenienti dalla Porsche 993.

Nonostante i numerosi interventi di modifica il Volkswagen T1 di Bernhard, dotato di cerchi da 18 pollici e assetto ribassato, pesa solo 1.500 chilogrammi grazie all’uso di elementi in fibra di carbonio che hanno mantenuto leggera la struttura. Una sfida professionale, racconta Bernhard, che è durata ben sei anni di lavoro necessari per realizzare il furgoncino super-potente che vediamo adesso. Dal punto di vista estetico questo nuovo T1 esprime tutta la propria grinta con una particolare livrea bicolore in bianco e grigio con dettagli in arancione.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati