Mille Miglia 2015, la storica gara ha fatto tappa anche a Monza [FOTO]

C'è stata l'assegnazione del premio Ascari

La Mille Miglia 2015 ha fatto tappa all'Autodromo di Monza, prima della passerella finale di Brescia. Nel circuito lombardo è andata in scena una prova cronometrata che ha visto primeggiare il duo composto da Ezio Martino Salviato e Maria Caterina Moglia, giunti poi terzi in classifica generale

Mille Miglia 2015 – La Mille Miglia 2015 ha fatto tappa a Monza. La storica gara, prima della sua passerella finale di Brescia, ha voluto far visita ad uno dei templi dell’automobilismo mondiale, l’Autodromo Nazionale di Monza.

Sul tracciato di Monza, più abituato ad ospitare i bolidi di Formula 1, 438 iscritte alla Freccia Rossa 2015 e le oltre 120 super car del Tribute Mille Miglia si sono sfidate in una prova cronometrata sull’intero tracciato, compreso l’anello di alta velocità. Monza ha avuto l’onore di stabilire la classifica finale ed i vincitori dell’edizione 2015 della Mille Miglia, competizione che ha visto aggiudicare il premio Alberto Ascari, istituito da AC Milano in memoria del grandissimo pilota italiano, a 60 anni dalla sua scomparsa, all’equipaggio composto da Ezio Martino Salviato e Maria Caterina Moglia alla guida di una Bugatti T40 del 1928. La premiazione finale, tenutasi all’arrivo di Brescia, ha visto le eredi della famiglia Ascari, Corinna e Veronica, consegnare l’ambito riconoscimento. Per la cronaca la Mille Miglia 2015 è stata vinta dagli argentini Juan Tonconogy e Guillermo Berisso sempre su una Bugatti T40 ma del 1927.

Oltre al premio Ascari, il circuito di Monza ha visto l’inaugurazione della mostra di auto d’epoca appartenenti alla famosa collezione Lopresto ”Eleganza Dinamica, Talento Italiano”, aperta al pubblico sino al 21 giugno presso la Sala Regione Lombardia del circuito. Inoltre, tutti gli appassionati hanno avuto la possibilità di percorrere con le proprie auto lo stesso tracciato riservato alle splendide vetture partecipanti alla rievocazione storica della Mille Miglia, curve sopraelevate comprese.

Leggi altri articoli in Auto Storiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati