Renault Kwid, Ghosn chiude la porta alla versione low cost targata Dacia

Forse non ha ancora deciso dove produrla in Europa

La nuova Renault Kwid non otterrà una versione entry-level targata Dacia, il brand low cost del marchio transalpino. Lo ha detto il Ceo Carlos Ghosn durante la presentazione mondiale del nuovo modello

Renault Kwid – Le ultime dichiarazioni del CEO di Renault, Carlos Ghosn, hanno sorpreso molti clienti, e non, del marchio francese, in particolare in Europa, dove il brand Dacia rappresenta l’alternativa a basso costo dei veicoli Renault.

Alla presentazione mondiale della Renault Kwid in India, Carlos Ghosn ha detto che il nuovo modello del marchio transalpino non sarà “rimarchiato” come Dacia. “Non ci sarà alcun badge Dacia sulla nuova Kwid. Ci sarà solo quello Renault,” ha dichiarato il CEO del marchio francese, quando Indian Autos Blog gli ha chiesto se ci fosse la possibilità che la nuova Renault Kwid possa essere offerta come modello entry-level per il marchio Dacia. Ghosn ha anche aggiunto che la Renault si focalizzerà sul mercato indiano per la Kwid e che solo dopo verrà esportata verso altri mercati in via di sviluppo o introdotta sul mercato globale.

La Renault Kwid si basa sulla nuova piattaforma creata dal binomio Renault – Nissan, CMF-A, che è stata progettata per seguire al meglio le nuove norme di sicurezza mondiali. Gerard Detourbet, vicepresidente di Renault-Nissan Alliance Global, ha precisato che la nuova Kwid, destinata al mercato indiano, non offrirà l’ABS, ma il sistema potrà essere installato, qualora necessario, anche con ESP e altre caratteristiche di sicurezza utili a soddisfare gli standard di sicurezza europei.

Molti hanno notato che i test della nuova Renault Kwid in Europa contraddicono le affermazioni di Ghosn e, sempre in molti, pensano che forse l’esecutivo vuole solo nascondere i propri piani ai media, per ora, dato che Renault non ha ancora deciso dove costruire la nuova Kwid per l’Europa ed è in attesa di vedere quale paese possa offrire le condizioni migliori.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati