WP_Post Object ( [ID] => 155454 [post_author] => 24 [post_date] => 2015-07-02 12:34:35 [post_date_gmt] => 2015-07-02 10:34:35 [post_content] => In estate sono tante le persone che prediligono l'automobile per spostarsi e raggiungere le località di vacanza sulla propria vettura. Ma come si comportano gli automobilisti quando si trovano alla guida durante questo periodo dell'anno? A offrirci una risposta e un quadro completo a livello europeo è il nuovo report tematico realizzato da Michelin. La nota azienda produttrice di pneumatici ha rilevato, monitorato e analizzato le abitudini al volante di un campione di 2.500 automobilisti in tutta Europa che affrontano le vacanze estive, facendo emergere interessanti informazioni. La maggior parte degli automobilisti europei, circa il 50%, sceglie agosto come mese di partenza per le vacanze. L'86% decide di restare entro i confini nazionali, sopratutto italiani e spagnoli (oltre il 90%), mentre sono i tedeschi (46%) quelli che si avventurano di più fuori dal proprio Paese. Relativamente ai chilometri percorsi durante le vacanze in media si va da 300 a 600 km, passando circa sei ore al volante. Solo un automobilista su dieci supera i 1.000 chilometri per andare in ferie, tra questi sono i francesi e i tedeschi i più avventurosi nel percorrere lunghe distanze, mentre gli inglesi sono quelli che percorrono tragitti più brevi. Soltanto il 24% degli automobilisti europei si concede una pausa regolare (ogni due ore al volante), percentuale che scende al 17% nei viaggi oltre 1.000 km. Se la distanza da percorrere è inferiore a 300 chilometri un terzo degli automobilisti non si ferma mai. Anche nei viaggi di più di 6 ore sono pochi coloro che condividono il volante anche se accompagnati da partner dotati di patente di guida. Relativamente ai controlli dello stato dell'auto prima di mettersi in viaggio questi aumentano con l'aumentare della lunghezza del viaggio da affrontare. Il 73% dichiara di controllare il livello dell'olio e l'82% la pressione degli pneumatici. Percentuale che però scende al 50% per quanto riguarda il controllo dell'usura degli pneumatici, altro aspetto fondamentale per la sicurezza che, come sottolinea Michelin, è importante monitorare attentamente e con continuità. Per quanto riguarda invece il comportamento in strada il report di Michelin fa notare come man mano che cresce la distanza di percorrenza maggiore è la velocità media che addirittura raddoppia, passando da 42 km/h dei viaggi brevi agli 89 km/h dei viaggi lunghi. Ne deriva che gli spagnoli, che sono quelli che utilizzano più di tutti le autostrade, facciano registrare la velocità media più alta (95 km/h), mentre gli inglesi che sono i minor frequentatori di autostrade vantano la velocità media più bassa (82 km/h). I dati rilevati da Michelin sui comportamenti alla guida di chi si mette in viaggio per le vacanze estive fanno emergere il fatto che tanti automobilisti non tengano conto di come gli pneumatici che affrontano lunghe distanze debbano sopportare sforzi maggiori. Ad esempio, sottolinea Michelin, per uno pneumatico di taglia normale, per esempio la misura 205/55 R16, la velocità media nei viaggi a lunga percorrenza implica un vincolo supplementare di 6 tonnellate sullo pneumatico, rispetto a viaggi su distanze più brevi. Ecco perché è fondamentale che i quattro pneumatici siano tutti in ottime condizioni e altrettanto importante verificarne lo stato prima di imbarcarsi in un viaggio lungo. Sotto è riportata l'infografica che riassume i dati del report di Michelin. INFOGRAFICA Infografica Report Michelin [post_title] => Automobilisti europei: i comportamenti alla guida durante le vacanze estive [REPORT MICHELIN] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => automobilisti-europei-i-comportamenti-alla-guida-durante-le-vacanze-estive-report-michelin [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-07-02 12:34:35 [post_modified_gmt] => 2015-07-02 10:34:35 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=155454 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Automobilisti europei: i comportamenti alla guida durante le vacanze estive [REPORT MICHELIN]

La metà trascura l'usura degli pneumatici

Report Michelin vacanze estive 2015 - Un nuovo report di Michelin analizza il comportamento alla guida degli automobilisti europei che si spostano per le vacanze estive. In pochi condividono il volante anche se potrebbero, mentre sono tanti coloro che perdono di vista il controllo preventivo dell'usura delle gomme, con molti che si fermano al monitoraggio della sola pressione degli pneumatici.
Automobilisti europei: i comportamenti alla guida durante le vacanze estive [REPORT MICHELIN]

In estate sono tante le persone che prediligono l’automobile per spostarsi e raggiungere le località di vacanza sulla propria vettura. Ma come si comportano gli automobilisti quando si trovano alla guida durante questo periodo dell’anno? A offrirci una risposta e un quadro completo a livello europeo è il nuovo report tematico realizzato da Michelin. La nota azienda produttrice di pneumatici ha rilevato, monitorato e analizzato le abitudini al volante di un campione di 2.500 automobilisti in tutta Europa che affrontano le vacanze estive, facendo emergere interessanti informazioni.

La maggior parte degli automobilisti europei, circa il 50%, sceglie agosto come mese di partenza per le vacanze. L’86% decide di restare entro i confini nazionali, sopratutto italiani e spagnoli (oltre il 90%), mentre sono i tedeschi (46%) quelli che si avventurano di più fuori dal proprio Paese. Relativamente ai chilometri percorsi durante le vacanze in media si va da 300 a 600 km, passando circa sei ore al volante. Solo un automobilista su dieci supera i 1.000 chilometri per andare in ferie, tra questi sono i francesi e i tedeschi i più avventurosi nel percorrere lunghe distanze, mentre gli inglesi sono quelli che percorrono tragitti più brevi.

Soltanto il 24% degli automobilisti europei si concede una pausa regolare (ogni due ore al volante), percentuale che scende al 17% nei viaggi oltre 1.000 km. Se la distanza da percorrere è inferiore a 300 chilometri un terzo degli automobilisti non si ferma mai. Anche nei viaggi di più di 6 ore sono pochi coloro che condividono il volante anche se accompagnati da partner dotati di patente di guida.

Relativamente ai controlli dello stato dell’auto prima di mettersi in viaggio questi aumentano con l’aumentare della lunghezza del viaggio da affrontare. Il 73% dichiara di controllare il livello dell’olio e l’82% la pressione degli pneumatici. Percentuale che però scende al 50% per quanto riguarda il controllo dell’usura degli pneumatici, altro aspetto fondamentale per la sicurezza che, come sottolinea Michelin, è importante monitorare attentamente e con continuità.

Per quanto riguarda invece il comportamento in strada il report di Michelin fa notare come man mano che cresce la distanza di percorrenza maggiore è la velocità media che addirittura raddoppia, passando da 42 km/h dei viaggi brevi agli 89 km/h dei viaggi lunghi. Ne deriva che gli spagnoli, che sono quelli che utilizzano più di tutti le autostrade, facciano registrare la velocità media più alta (95 km/h), mentre gli inglesi che sono i minor frequentatori di autostrade vantano la velocità media più bassa (82 km/h).

I dati rilevati da Michelin sui comportamenti alla guida di chi si mette in viaggio per le vacanze estive fanno emergere il fatto che tanti automobilisti non tengano conto di come gli pneumatici che affrontano lunghe distanze debbano sopportare sforzi maggiori. Ad esempio, sottolinea Michelin, per uno pneumatico di taglia normale, per esempio la misura 205/55 R16, la velocità media nei viaggi a lunga percorrenza implica un vincolo supplementare di 6 tonnellate sullo pneumatico, rispetto a viaggi su distanze più brevi. Ecco perché è fondamentale che i quattro pneumatici siano tutti in ottime condizioni e altrettanto importante verificarne lo stato prima di imbarcarsi in un viaggio lungo.

Sotto è riportata l’infografica che riassume i dati del report di Michelin.

INFOGRAFICA

Infografica Report Michelin

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

Usura pneumatici: quando sono da cambiare?

Sicurezza, consumi e prestazioni dello pneumatico, come cambiano con l’utilizzo
Gli pneumatici, essendo l’unico elemento di contatto tra la nostra auto e il manto stradale, sono anche tra i componenti