SEAT fornirà 4.000 vetture a Carabinieri e Polizia italiana

In divisa la Leon FR 5 porte

SEAT auto Polizia Carabinieri - Nel parco auto delle nostre forze dell'ordine arriveranno fino a 4.000 nuove SEAT Leon nell'arco dei prossimi tre anni. Sono del marchio spagnolo controllato dal Gruppo Volkswagen le nuove "pantere" e "gazzelle" che vedremo sulle strade italiane.
SEAT fornirà 4.000 vetture a Carabinieri e Polizia italiana

SEAT ha portato a casa una commessa per la fornitura di 4.000 vetture con le quali nei prossimi tre anni rinnoverà il parco auto di Carabinieri e Polizia di Stato. Dunque per le nostre forze dell’ordine sono in arrivo nuove “pantere” e “gazzelle” targate SEAT che verranno consegnate gradualmente così come previsto dalla gara d’appalto che si è aggiudicato il marchio spagnolo di proprietà del Gruppo Volkswagen.

Inizialmente saranno consegnate 206 vetture, 100 destinate alla Polizia di Stato e 106 all’Arma dei Carabinieri, con la possibilità di arrivare a un fornitura complessiva fino a 4.000 auto nel corso del prossimo triennio. Fino ad oggi SEAT ha raccolto complessivamente 925 ordini di auto “in divisa”, 475 per la Polizia e 450 per i Carabinieri. Per la prima volta Polizia e Carabinieri hanno scelto la stessa vettura: la SEAT Leon FR 5 porte equipaggiata con il motore 2.0 litri turbodiesel da 150 CV.

Nonostante i tradizionalisti e nostalgici che rimpiangono i tempi dell’Alfetta in divisa possano storcere il naso di fronte alla fornitura di auto straniere per le forze dell’ordine italiane, va sottolineato come oltre la metà della spesa totale per le 4.000 SEAT è destinata a imprese italiane che si occupano della trasformazione della Leon in “pantere” e “gazzelle”. Tra queste aziende nostrane ci sono la Nuova Carrozzeria Torinese di Chivasso, la Isoclima di Este che ha fornito i vetri speciali e la Compagnia San Marco che si occupa della blindatura della cellula abitativa dell’abitacolo.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    12 commenti

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • sbiellato sabbionese ha detto:

      polizia italiana
      con macchine tedesche……..

      dove sono le pantere alfa ??????

      e le gazzelle ???????

      ahhhhhh

      che patria da fil da fer

    • speed ha detto:

      Questo schifo esiste solo in Italia,
      paese di Pulcinella, governato e amministrato
      da una banda di corroti Mazzetai!
      In Germania,Francia e la stessa Spagna
      una perversita`cosi grande non sarebbe
      possibile.Per 350 euro di differenza ci prendiamo
      una Golf riscarrozzata Seat,basta pensare che non prendendo la Giulietta,noi perdiamo tantissime ore
      lavorative in Italia ,non solo dall`AlfaRomeo
      ma bensi`da tantissimi fornitori di essa!
      che paese corroto!

    • mario ha detto:

      penso che non c’era bisogno di cercare all’estero
      non credo che ce le regalino,tanto valeva lasciare
      i soldi in italia

    • Gianluca ha detto:

      Che schifo io vivo all’estero e sono sempre stato orgoglioso di dire a tutti quanto sono belle e potenti le macchine della polizia e dei carabinieri italiane un orgoglio per noi italiani e adesso vedere che saranno addirittura mezze spagnole e mezze tedesche davvero non mi va giù.
      Mi fa davvero dispiacere questa notizia.

    • marco ha detto:

      rispondo a speed….350 euro di differenza come dici tu….su 4000 auto…fa 1.400.000 euro di risparmio….cioè significa gasolio per diversi mesi…per l’esattezza circa 20.000 pieni di gasolio

    • Claudio ha detto:

      E’ semplicemente una vergogna .

      Dove sono quegli sfaticati di Landini & company (FIOM) , a fare le barricate come lo hanno fatto a FIAT .
      Ha ragione Marchionne e lo sta dimostrando per il successo internazionale che FCA sta avendo , ma chi ci vuole più stare in Italia a farsi spennare dal fisco asfissiante dove invece i furbetti di turno beffeggiandosi di chi lavora sperperano spudoratamente il frutto del sudore altrui .

      L’Italia e’ troppo corrotta e marcia , per le tasche di pochi si portano i soldi ai tedeschi e si da’ lavoro altrove invece di svilupparlo in Italia e la beffa e’ che proprio con i soldi dei contribuenti italiani che come sappiamo sono in maggior parte dei piccoli medi e dipendenti .

      PER POI NON PARLARE DEL CASO MARO’ ( una vigliaccheria )

      Vivo all’estero da circa 20 anni , tutte le volte (2/3) che torno in Italia la trovo sempre peggio (ma tanto) , tutte le volte ho l’impressione di come se il paese scendesse uno scalino verso le tenebre , veramente una tristezza .

    • Speed ha detto:

      @:Marco
      e io credevo che Einstein fosse morto da tempo!
      350 Per 4000 uguale : 1.400.000 ????
      di sicuro tu da esperto c’hai aggiunto i soldi
      delle Mazzette che i nostri imbranati avranno
      incassato ?Povera Italia con certi esperti!

    • Gianluca ha detto:

      Io sono con speed, bravo hai il mio appoggio!

    • marco ha detto:

      bravo speed te si che capisci tutto!!! poveri noi come siamo messi male….certo se l’itaGlia deve fare affidamento su certi soggetti senza cervello come speed e gianluca…..

    • Speed ha detto:

      @Marco :Mi sai spiegare come tu sei riuscito
      a ottenere con i tuoi calcoli :
      350 per 4000 uguale 1.400.000 Euro ?
      sei forse il nuovo Archimede ?
      o forse dovrai cambiare la tua calcolatrice ?

    • Gianluca ha detto:

      Meglio fare affidamento su elementi come noi che farlo con analfabeti che non sanno fare i conti da seconda elementare, questo è per il Sig. Marco

    • giuseppe ha detto:

      È UN’OFFESA ALLE FAMIGLIE ITALIANE CHE HANNO FIGLI GENITORI E PARENTI CHE LAVORANO IN FIAT,ALFA,DUCATI,FERRARI…..E MAGARI STANNO IN CASSA INTEGRAZIONE!!!!

      E LA COSA CHE RODE E CHE SONO PAGATE CON I NOSTRI SOLDI!

      VERGOGNATEVI!

    Articoli correlati