WP_Post Object ( [ID] => 156999 [post_author] => 8 [post_date] => 2015-07-04 20:05:10 [post_date_gmt] => 2015-07-04 18:05:10 [post_content] => Fiat 500 MY 2015 - Pensiamo di non sbagliare quando affermiamo che la nuova Fiat 500 lanciata nel 2007 sia uno degli esempi di restyling meglio riusciti degli ultimi decenni. Proprio per questo motivo metterci mano è sempre più difficile, anche perché il grande pubblico si è ormai abituato all’aspetto della piccola cittadina di casa Fiat, facendola assurgere a vero e proprio simbolo di italianità nel mondo (non a caso riesce a vendere persino negli Stati Uniti, paese per tradizione ostico per le piccole auto). Oggi, nell’ormai tradizionale data del 4 luglio, Fiat ha ufficialmente lanciato l’edizione 2015 del Cinquino, riuscendo di fatto a completare una missione davvero ostica: rinnovare la vettura senza tradirne lo spirito e l’origine. Il segreto è nei dettagli. Forse particolari che solamente i più attenti potranno cogliere, essendo del resto più un restyling che una vera e propria nuova generazione, ma quanto basta per dare una decisa rinfrescata alla 500. Abbiamo a che fare con un’auto che rispetta assolutamente il look del modello, ma aggiunge proprio quello che mancava per donare un po’ di personalità in più e, perché no, anche un po’ di carattere. Il lavoro più grande è stato fatto in particolare sui gruppi ottici, sia frontali che posteriori. Partiamo dal muso, dove troviamo delle unità composte da un modulo poliellittico che consente di fatto di migliorare la visibilità e aumentare la profondità del fascio luminoso. Ciò che più ci intriga dal punto di vista stilistico, però, sono le nuove luci diurne, che non solo possono godere di una nuova tecnologia a LED, ma compongono insieme agli indicatori di svolta una forma che rimanda direttamente allo “0” del logo 500. Il tutto poggia su un paraurti sensibilmente più imponente, ma la vettura rimane comunque contenuta in 357 cm di lunghezza. Passando al retro, invece, troviamo la vera rivoluzione, che riguarda le luci posteriori. Queste unità sono state completamente cambiate: il profilo rimane quasi uguale, ma cambia completamente la disposizione delle luci, che ora formano una sorta di cerchio al centro del quale si trova nuovamente la carrozzeria. L’effetto creato è molto particolare e Fiat stessa l’ha definito come una sorta di “tatuaggio luminoso disegnato sulla vettura”. Infine è stato modificato il “baffo” sul paraurti, che viene ora spostato più in basso e integra una nuova coppia di luci di posizione. Leggermente rifinito anche il terminale di scarico, che ora è un po’ più incluso nel paraurti stesso. Per completare il refresch del modello è stato introdotto un nuovo disegno per i cerchi in lega, disponibili sia da 15 che da 16 pollici e con la decorazione diamantata. La carrozzeria si può ordinare con 13 diversi colori, che comprendono le novità Rosso Corallo e Bordeaux Opera. La 500, però, con questo modello fa anche il suo esordio nella personalizzazione estrema. Anche prima si poteva creare qualcosa di unico, ma il nuovo programma Second Skin consente di creare uno stile ancora più personalizzato sia sulla tre porte che sulla cabrio 500C. Sono disponibili decorazioni sia raffinate che estreme, battezzate con gli evocativi nomi di Lord, Comics, Navy e Camouflage. nuova-fiat-500-my-2015-primo-contatto_19 Gli interni, comunque, sono forse l’aspetto che più è cambiato rispetto al passato. Lo stile è ora più vicino alla recente produzione del Lingotto, ma soprattutto è possibile installare il nuovo sistema di infotainment Uconnect con schermo touchscreen da 5 pollici. Rispetto al vecchio sistema che prevedeva l’inserimento in un alloggiamento esterno del navigatore satellitare, è praticamente una rivoluzione copernicana. Il software è il medesimo degli altri modelli Fiat, ma è stato ulteriormente arricchito dalle funzioni Uconnect Live, che consentono di collegare il telefono all’auto via Bluetooth e, ad esempio, usare alcune app direttamente sul display. Un nome su tutti: Spotify, ma è solo un esempio di quello che si può fare. Davanti al volante troviamo ancora il classico schermo monocolore (che comunque nella sua categoria troviamo sia uno dei migliori sul mercato), ma a richiesta può anche essere integrato lo speciale display TFT da 7 pollici. Pollice alzato infine per le sellerie: disponibili come al solito in varie colorazioni (la chiara che vedete nella nostra prova ci è particolarmente piaciuta), si poggiano su sedili molto comodi ed ergonomici. Anche chi vi scrive non ha avuto problemi a sedersi all’interno della vettura, per quanto i posti dietro non siano certo consigliati a chiunque abbia un fisico da giocatore di basket. La salita, comunque, è diventata decisamente più confortevole rispetto ad un tempo. Sono disponibili due diversi allestimenti, ovvero i classici Pop e Lounge. Quest’ultimo allestimento può anche contare su alcuni pacchetti di personalizzazione con diversi extra anche a livello tecnologico, ovvero lo Style, il Cult e il City. nuova-fiat-500-my-2015-primo-contatto_56 Per quanto riguarda il motore e la guida, la nuova 500 continua a vantare un equilibrio davvero encomiabile. Ci siamo messi alla guida del TwinAir Turbo da 900 cc con potenza da 85 CV, che rispetto ad un tempo ha fatto davvero dei passi da gigante. Il bicilindrico del Lingotto in passato ci aveva lasciato qualche dubbio in testa, ma ora è stato rifinito in maniera ottimale e riesce ad essere potente e scattante quanto basta. Il tutto con emissioni davvero contenuti: secondo i dati ufficiali della casa la variante da noi provata si assesta sui 90 g/km di CO2 nell’atmosfera e anche la variante più potente (il TwinAir da 105 CV) riesce comunque a stare al di sotto del limite dei 100 grammi (99 g/km). L’assetto è rigido senza esagerare e nel traffico cittadino farà vedere di cosa è capace. Sulla vettura in prova era montato il cambio manuale a cinque marce, ma tra gli optional troviamo anche l’automatico robotizzato Dualogic realizzato insieme alla Magneti Marelli. Non è un’auto con cui affrontare una curva al limite, ma del resto non è mai voluta esserlo. Anzi, se cercate una vettura comoda e pratica, la nuova 500 risponde a tutte le esigenze. Siamo rimasti molto ben impressionati soprattutto dal volante, che non è solo bello da vedere, ma è anche preciso e leggero come non mai. Nessuna manovra sarà mai troppo stancante. Chiudiamo il discorso motori con il 1.200 da 69 CV, che costituisce anche la base della versione bifuel GPL (questa disponibile solo con carrozzeria berlina). Per i diesel avremo il 1.300 Multijet da 95 CV, anch’esso, come tutte le altre novità, rigorosamente omologate Euro 6. nuova-fiat-500-my-2015-primo-contatto_57 Nessuna variazione per quanto riguarda i prezzi. La nuova Fiat 500 costa esattamente quanto quella che l’ha preceduta. Si parte da 13.600 € per la versione berlina Pop con motore 1.200 da 69 CV. Per la cabrio si parte invece da 17.100 € per la medesima motorizzazione. Per la versione GPL, il prezzo di partenza è di 15.100 €. [post_title] => Nuova Fiat 500 MY 2015, ecco come si rinnova un classico [VIDEO PRIMO CONTATTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => nuova-fiat-500-my-2015-ecco-come-si-rinnova-un-classico-video-primo-contatto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-07-22 18:58:15 [post_modified_gmt] => 2015-07-22 16:58:15 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=156999 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Nuova Fiat 500 MY 2015, ecco come si rinnova un classico [VIDEO PRIMO CONTATTO]

Rinfrescata decisa, contenuta e ben fatta

Non ha senso rivoluzionare un classico al quale tutti sono affezionati. In Fiat lo sanno bene e sono riusciti a creare una 500 MY 2015 decisamente rinfrescata, ma assolutamente rispettosa della sua tradizione e della sua fortuna, che la sta caratterizzando da ormai otto anni. All'interno è tutto più moderno e finalmente fa il suo debutto assoluto il nuovo sistema di infotainment Uconnect con display da 5 pollici

Fiat 500 MY 2015 – Pensiamo di non sbagliare quando affermiamo che la nuova Fiat 500 lanciata nel 2007 sia uno degli esempi di restyling meglio riusciti degli ultimi decenni. Proprio per questo motivo metterci mano è sempre più difficile, anche perché il grande pubblico si è ormai abituato all’aspetto della piccola cittadina di casa Fiat, facendola assurgere a vero e proprio simbolo di italianità nel mondo (non a caso riesce a vendere persino negli Stati Uniti, paese per tradizione ostico per le piccole auto). Oggi, nell’ormai tradizionale data del 4 luglio, Fiat ha ufficialmente lanciato l’edizione 2015 del Cinquino, riuscendo di fatto a completare una missione davvero ostica: rinnovare la vettura senza tradirne lo spirito e l’origine.

Il segreto è nei dettagli. Forse particolari che solamente i più attenti potranno cogliere, essendo del resto più un restyling che una vera e propria nuova generazione, ma quanto basta per dare una decisa rinfrescata alla 500. Abbiamo a che fare con un’auto che rispetta assolutamente il look del modello, ma aggiunge proprio quello che mancava per donare un po’ di personalità in più e, perché no, anche un po’ di carattere. Il lavoro più grande è stato fatto in particolare sui gruppi ottici, sia frontali che posteriori. Partiamo dal muso, dove troviamo delle unità composte da un modulo poliellittico che consente di fatto di migliorare la visibilità e aumentare la profondità del fascio luminoso. Ciò che più ci intriga dal punto di vista stilistico, però, sono le nuove luci diurne, che non solo possono godere di una nuova tecnologia a LED, ma compongono insieme agli indicatori di svolta una forma che rimanda direttamente allo “0” del logo 500. Il tutto poggia su un paraurti sensibilmente più imponente, ma la vettura rimane comunque contenuta in 357 cm di lunghezza. Passando al retro, invece, troviamo la vera rivoluzione, che riguarda le luci posteriori. Queste unità sono state completamente cambiate: il profilo rimane quasi uguale, ma cambia completamente la disposizione delle luci, che ora formano una sorta di cerchio al centro del quale si trova nuovamente la carrozzeria. L’effetto creato è molto particolare e Fiat stessa l’ha definito come una sorta di “tatuaggio luminoso disegnato sulla vettura”. Infine è stato modificato il “baffo” sul paraurti, che viene ora spostato più in basso e integra una nuova coppia di luci di posizione. Leggermente rifinito anche il terminale di scarico, che ora è un po’ più incluso nel paraurti stesso. Per completare il refresch del modello è stato introdotto un nuovo disegno per i cerchi in lega, disponibili sia da 15 che da 16 pollici e con la decorazione diamantata. La carrozzeria si può ordinare con 13 diversi colori, che comprendono le novità Rosso Corallo e Bordeaux Opera. La 500, però, con questo modello fa anche il suo esordio nella personalizzazione estrema. Anche prima si poteva creare qualcosa di unico, ma il nuovo programma Second Skin consente di creare uno stile ancora più personalizzato sia sulla tre porte che sulla cabrio 500C. Sono disponibili decorazioni sia raffinate che estreme, battezzate con gli evocativi nomi di Lord, Comics, Navy e Camouflage.

nuova-fiat-500-my-2015-primo-contatto_19

Gli interni, comunque, sono forse l’aspetto che più è cambiato rispetto al passato. Lo stile è ora più vicino alla recente produzione del Lingotto, ma soprattutto è possibile installare il nuovo sistema di infotainment Uconnect con schermo touchscreen da 5 pollici. Rispetto al vecchio sistema che prevedeva l’inserimento in un alloggiamento esterno del navigatore satellitare, è praticamente una rivoluzione copernicana. Il software è il medesimo degli altri modelli Fiat, ma è stato ulteriormente arricchito dalle funzioni Uconnect Live, che consentono di collegare il telefono all’auto via Bluetooth e, ad esempio, usare alcune app direttamente sul display. Un nome su tutti: Spotify, ma è solo un esempio di quello che si può fare. Davanti al volante troviamo ancora il classico schermo monocolore (che comunque nella sua categoria troviamo sia uno dei migliori sul mercato), ma a richiesta può anche essere integrato lo speciale display TFT da 7 pollici. Pollice alzato infine per le sellerie: disponibili come al solito in varie colorazioni (la chiara che vedete nella nostra prova ci è particolarmente piaciuta), si poggiano su sedili molto comodi ed ergonomici. Anche chi vi scrive non ha avuto problemi a sedersi all’interno della vettura, per quanto i posti dietro non siano certo consigliati a chiunque abbia un fisico da giocatore di basket. La salita, comunque, è diventata decisamente più confortevole rispetto ad un tempo. Sono disponibili due diversi allestimenti, ovvero i classici Pop e Lounge. Quest’ultimo allestimento può anche contare su alcuni pacchetti di personalizzazione con diversi extra anche a livello tecnologico, ovvero lo Style, il Cult e il City.

nuova-fiat-500-my-2015-primo-contatto_56

Per quanto riguarda il motore e la guida, la nuova 500 continua a vantare un equilibrio davvero encomiabile. Ci siamo messi alla guida del TwinAir Turbo da 900 cc con potenza da 85 CV, che rispetto ad un tempo ha fatto davvero dei passi da gigante. Il bicilindrico del Lingotto in passato ci aveva lasciato qualche dubbio in testa, ma ora è stato rifinito in maniera ottimale e riesce ad essere potente e scattante quanto basta. Il tutto con emissioni davvero contenuti: secondo i dati ufficiali della casa la variante da noi provata si assesta sui 90 g/km di CO2 nell’atmosfera e anche la variante più potente (il TwinAir da 105 CV) riesce comunque a stare al di sotto del limite dei 100 grammi (99 g/km). L’assetto è rigido senza esagerare e nel traffico cittadino farà vedere di cosa è capace. Sulla vettura in prova era montato il cambio manuale a cinque marce, ma tra gli optional troviamo anche l’automatico robotizzato Dualogic realizzato insieme alla Magneti Marelli. Non è un’auto con cui affrontare una curva al limite, ma del resto non è mai voluta esserlo. Anzi, se cercate una vettura comoda e pratica, la nuova 500 risponde a tutte le esigenze. Siamo rimasti molto ben impressionati soprattutto dal volante, che non è solo bello da vedere, ma è anche preciso e leggero come non mai. Nessuna manovra sarà mai troppo stancante. Chiudiamo il discorso motori con il 1.200 da 69 CV, che costituisce anche la base della versione bifuel GPL (questa disponibile solo con carrozzeria berlina). Per i diesel avremo il 1.300 Multijet da 95 CV, anch’esso, come tutte le altre novità, rigorosamente omologate Euro 6.

nuova-fiat-500-my-2015-primo-contatto_57

Nessuna variazione per quanto riguarda i prezzi. La nuova Fiat 500 costa esattamente quanto quella che l’ha preceduta. Si parte da 13.600 € per la versione berlina Pop con motore 1.200 da 69 CV. Per la cabrio si parte invece da 17.100 € per la medesima motorizzazione. Per la versione GPL, il prezzo di partenza è di 15.100 €.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati