Mini Superleggera, la versione di serie potrebbe arrivare entro il 2019 [FOTO]

Non sostituirà però la Roadster

In un'intervista, Peter Schwarzenbauer ha dichiarato di stare lavorando per la produzione in serie della Mini Superleggera. Se tutto andrà come previsto, potrebbe debuttare nel 2019, anche se non andrà a sostituire la Mini Roadster

Mini Superleggera – Se siete tra coloro che hanno sperato di mettere le mani intorno al volante della stilosa Mini Superleggera, allora potreste essere presto accontentati. Questa accattivante cabrio, infatti, potrebbe effettivamente entrare in produzione e vedere la strada come modello di serie entro il 2019. A confermarlo è stato lo stesso boss del marchio anglo-tedesco, Peter Schwarzenbauer, durante un’intervista con i nostri colleghi inglesi di Autocar. “L’interesse mostrato quando abbiamo svelato la concept car (a Villa d’Este 2014) è stato incredibile – ha dichiarato il dirigente – Stiamo quindi lavorando sodo per portarla sulla strada. È una sfida economica e non c’è ancora la certezza assoluta, ma abbiamo moltissime persone che stanno combattendo per questo obiettivo. Penso che sarebbe [un’auto] estremamente utile per il brand”.

La Mini Superleggera è basata sulla piattaforma UKL creata dal Gruppo BMW, la medesima che si trova sotto la Mini hatchback “tradizionale”. Questa piattaforma è stata già giudicata in passato come particolarmente adatta per lo sviluppo di una decappottabile, in particolare grazie alla sua rigidità e al suo peso contenuto. La sua principale rivale sarà per forza di cose la Mazda MX-5, quindi stiamo per assistere ad un vero scontro tra titani. Se Mini, infatti, può contare sulla grande fama del suo marchio in senso generale, la scoperta giapponese ha ormai da anni una nutrita schiera di appassionati dietro di sé.

Ci saranno comunque delle sostanziali differenze a livello meccanico, che porteranno gli appassionati per forza di cose a preferire l’una o l’altra auto. Prima di tutto, contrariamente allaMX-5, la Superleggera sarà ovviamente a trazione anteriore, anche se le versioni più potenti dovrebbero poter contare anche sulle quattro ruote motrici (si parla infatti già di una versione John Cooper Works). Nonostante le sue caratteristiche, comunque, Schwarzenbauer ha ribadito come la Superleggera non andrà a sostituire la Mini Roadster, che quindi continuerà ad esistere come modello a sé stante.

Per quanto riguarda i motori, la Superleggera dovrebbe poter scegliere all’interno di una gamma composta da benzina sia a tre che quattro cilindri, insieme ad alcuni diesel. Il tutto con cubature tra i 1.500 e i 2.000 cc. per quanto riguarda le potenze, il range oscillerebbe tra i 135 e i 230 CV. Potrebbe fare il suo esordio anche una versione ibrida, derivata in parte addirittura dalla super tecnologica BMW i8.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati