Google Car, primo incidente con feriti per il veicolo a guida autonoma

Google Car, primo incidente con feriti per il veicolo a guida autonoma

Un dipendente ha riportato un leggero colpo di frusta

E' il 14esimo tamponamento subito dalla Google Car da quando l'esperimento è iniziato nel 2009. Questa volta, però, un dipendente del colosso californiano è finito in ospedale senza gravi conseguenze, mentre il veicolo non ha subito danni particolari
Google Car, primo incidente con feriti per il veicolo a guida autonoma

Google Car – Anche la Google Car può sbagliare ed è successo la sera del 1° luglio, quando il veicolo a guida autonoma ideato dal colosso della tecnologia è stato protagonista del suo primo incidente con feriti.

La sera del 1° luglio una Lexus senza pilota del colosso californiano è, infatti, rimasto coinvolto in un tamponamento nelle strade intorno a Mountain View, dove Google ha la sua sede. “Il semaforo era verde, ma essendosi creata una coda dalla parte opposta della strada tre veicoli, tra cui il nostro, si sono fermati per non rimanere bloccati nel mezzo dell’incrocio.” ha raccontato Chris Urmson, capo del programma di Google dedicato alla guida autonoma. “Dopo che ci siamo fermati, un’auto ha sbattuto contro la nostra parte posteriore a 27 km all’ora.” Uno dei tre passeggeri a bordo della Google Car, dipendente della stessa azienda statunitense, ha riportato solo un leggero colpo di frusta ed è tornato a casa dopo una breve visita in ospedale. Nessun danno rilevante anche per la futuristica Google Car, a parte qualche graffio sul paraurti. “La nostra frenata era normale e naturale e il veicolo dietro di noi aveva un sacco di spazio, ma non ha rallentato.” sono le accuse di Chris Urmson agli altri veicoli.

Secondo Google, il veicolo a guida autonoma, che potrebbe rivoluzionare il modo di guidare che oggi conosciamo, non sarebbe mai la causa degli incidenti fino ad ora avvenuti. Dal 2009, anno di inizio dell’esperimento, gli incidenti dovuti alle manovre di altre automobilisti sono stati 14, 11 dei quali proprio dei tamponamenti. Urmson sottolinea, inoltre, come nei viaggi settimanali da circa 16 mila km siano le autostrade a rivelarsi meno pericolose.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati