Alfa Romeo, oltre la Giulia c’è molto di più

Alfa Romeo, oltre la Giulia c’è molto di più

In programma due SUV, la Giulia SW e la rinascita di Alfa Corse

Il piano di rinascita del marchio Alfa Romeo procede secondo i piani di FCA. Lo ha confermato l'ad Sergio Marchionne e a supporto arrivano delle nuove indiscrezioni secondo le quali il marchio del Biscione starebbe pensando a due nuovi SUV e ad altre interessanti novità
Alfa Romeo, oltre la Giulia c’è molto di più

Alfa Romeo – Nuovi dettagli stanno cominciando ad emergere riguardo i futuri piani di rilancio del marchio Alfa Romeo. Secondo Alfa Club, il marchio del Biscione lancerà due nuovi crossover ed entrambi probabilmente saranno basati sulla nuovissima Giulia, che sarà prodotta a Cassino, uno stabilimento capace di produrre oltre 350mila veicoli e dal quale si presume usciranno almeno tre differenti linee di prodotti. Non è assolutamente da escludere, secondo Alfa Club, anche una futura versione station wagon del nuovissimo modello del marchio di Arese.

La coppia di SUV sarà prodotta nello stabilimento di Mirafiori e saranno un SUV premium ed un modello più piccolo e più conveniente. Questi due nuovi SUV saranno distribuiti in tutta Europa al fianco dei modelli del marchio Jeep. FCA starebbe valutando anche un possibile ritorno del Biscione nel motorsport, con la rinascita della squadra Alfa Corse, ma nulla è ancora ufficiale. Inoltre, sempre secondo Alfa Club, la MiTo potrebbe andare fuori produzione nei prossimi anni.

“Su Alfa Romeo vi sorprenderemo”. Così ha risposto l’amministratore delegato di Fca, Sergio Marchionne, agli analisti che gli chiedevano come sta andando il rilancio del marchio. Il piano ”procede in linea” con quanto stabilito e fornirà ulteriori precisazioni alla fine dell’anno. Marchionne ha precisato che le spese per il progetto totale Alfa Romeo e per l’industrializzazione, l’architettura e i motori della nuova Giulia Alfa Romeo, che il mese scorso è stata presentata alla stampa internazionale al Museo dell’Alfa ad Arese, si sono collocati finora a 2 miliardi di euro. L’avvio della produzione della nuova Giulia è previsto nel quarto trimestre di quest’anno. Marchionne ha anche osservato che “stiamo lavorando per migliorare i margini in Europa“.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    5 commenti

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Peterpan ha detto:

      Ma se questo è l’f-pace della Jaguar sveglioni

    • Rubino ha detto:

      E’ ora che un marchio così prestigioso ritorni ad essere ricollocato al top del mercato . Certamente sarò tra i primi che gustera’ l’emozione di guida di una alfa rinata . Un grazie a Merchionne che ha saputo e creduto in un rilancio della meccanica made un italy

    • Vega ha detto:

      Chi capisce di macchine dovrebbe dire grazie a questo rilancio dell’alfa Romeo …se qualcuno non ricordasse è nata ed ha vinto prima di Ferrari…

    • Francesco ha detto:

      facciamo le machinne con la qualità io sono italiano e lavoro nella wolkswagen e i tedeschi ci ridano perche le machinne italiani non fanno la qualità iosono fiero di essere italiano e tedesci ci prendono per il cullo.unatra cosa un operaio tedesco non ti compra una machinna italiana compra la machinna tedesca perché un operaio fiat compra machinna tedesca io mio arrabbio con i tedesci che loro dicono che le machinne italiane non valgono niente io lavoro nella wolkswagen 28 anni e i Tedesci danno tutto per la loro nazione e per le loro machinne e la loro qualità .perché noi italiani facciamo come i Tedesci forza fiat e forza italia e facciamo delle belle machinne e con la qualità forza italia

    • Michael 1963 ha detto:

      Con molto ritardo, ma finalmente ci siamo arrivati! La Stelvio è stata svelata al pubblico, anche se la commercializzazione tarderà ancora: La concorrenza ringrazia!…… Ora io mi attendo un’altra SUV, questa volta derivata dalla Maserati Levante, quindi un modello alto di gamma, che punti sulla sportività e su lusso. Ma tutte queste cose, per favore, fatele senza far passare molto altro tempo! Perchè il rischio è di commercializzare ottimi modelli quando il mercato si è già stancato di questa tipologia di veicolo. Se avessero prodotto dei validi modelli SUV già da 5 anni e più, ma ve l’immaginate quante automobili in Alfa Romeo avrebbero potuto vendere?
      BUON NATALE e FELICE ANNO NUOVO 2017!

    Articoli correlati