Ferrari richiama 67 vetture per problemi all’airbag frontale

Ne sarebbe interessato il mercato cinese

Per la seconda volta Ferrari è costretta a richiamare delle proprie vetture per un problema all'airbag frontale. Dopo le 800 ritirate dagli Usa, oggi tocca a 67 modelli importanti nel mercato cinese che verranno sostituiti gratuitamente dal marchio di Maranello
Ferrari richiama 67 vetture per problemi all’airbag frontale

Ferrari – La Ferrari ha richiamato alcune auto in Cina a causa di potenziali problemi all’airbag. Il richiamo coinvolgerebbe 67 veicoli del marchio di Maranello importanti nel mercato cinese, tra cui ci sarebbero delle 458 Italia, 458 Spider, 458 Speciale, Speciale 458 A, California T, F12 Berlinetta e FF, che sono state fabbricate tra il 4 febbraio 2015 e il 21 maggio 2015. Il marchio del Cavallino Rampante sostituirà gli airbag gratuitamente.

E’ decisamente strano vedere il marchio Ferrari famoso per il lusso ed il lavoro minuzioso fatto per ogni singola vettura richiamare delle proprie creazioni per un problema tecnico. Le 67 Ferrari richiamate dalla Cina avrebbero un problema di airbag, non una novità, però, per il Cavallino dato che circa un mese fa fu costretta a richiamare 800 vetture commercializzate in Nord America e prodotte tra la fine del 2014 e la prima parte del 2015, proprio a causa di un problema a questo dispositivo di sicurezza. I modelli richiamati negli USA sono gli stessi modelli oggetti del richiamo di oggi in Cina.

E’ probabile, in ogni caso, che il malfunzionamento del sistema di airbag che riguarda alcuni modelli prodotti dalla casa di Maranello in questi ultimi mesi sia già stato individuato e risolto e, quindi, che i fortunati nuovi acquirenti di Ferrari non dovranno preoccuparsi di un futuro richiamo.

Nuova Volkswagen Golf 8 ibrida Da 179 € al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati