WP_Post Object ( [ID] => 183946 [post_author] => 24 [post_date] => 2015-09-21 15:37:53 [post_date_gmt] => 2015-09-21 13:37:53 [post_content] => Per fare un'auto impeccabile sotto ogni punto di vista ogni Casa automobilistica produttrice deve affidarsi a partner d'eccellenza, così come ha fatto Alfa Romeo per la nuova Giulia Quadrifoglio che adotta tecnologie distintive realizzate in collaborazione con Magneti Marelli. Sull'Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, grande protagonista in questi giorni al Salone di Francoforte 2015, Magneti Marelli fornisce un contributo importante sui sistemi elettronici relativi a infotainment, illuminazione e componenti meccaniche. Firmata Magneti Marelli è innanzitutto la centralina elettronica CDC (Chassis Domain Control) della Giulia Quadrifoglio, il "cervello" della nuova berlina di Arese che ottimizza handling e prestazioni, con un'attività da supervisore che adatta dinamicamente e in tempo reale l'assetto della vettura, integrandosi con le specifiche centraline coinvolte nel sistema elettronico. Nello specifico la centrali CDC coordina l'azione dell’Alfa DNA, del Torque Vectoring (il sistema che permette al differenziale posteriore di controllare separatamente la coppia per ogni ruota), dell’Aero Splitter (il sistema elettromeccanico che gestisce in modo dinamico la deportanza, ovvero la forza aerodinamica che permette l’aderenza al suolo della vettura) e dell’Active Damping Control (sospensioni elettroniche adattative), oltre che del controllo di stabilità, chassis, impianto frenante, sterzo e assistenza alla guida. Spostandoci all'interno della Giulia Quadrifoglio Magneti Marelli ha sviluppato anche il sistema multimediale di infotainment e navigazione Connect 3D Nav, con display TFT da 8,8 pollici total black che integra tecnologie innovative di "optical bonding" mirate a una leggibilità ideale dello schermo. Basato su linguaggio Linux, il sistema di infotainment è ricco di funzionalità pratiche e immediate grazie ad un interfaccia di ultima generazione, dove la gestione del sistema è affidata al Rotary Pad e al display sulla plancia della vettura. Per quanto riguarda la navigazione troviamo mappe ad alta risoluzione con elementi in 3D e tecnologia Dead Reckonign che permette di seguire il percorso anche in zone non coperte dal segnale GPS. Sul display TFT inoltre vengono visualizzati il settaggio del veicolo, la diagnostica, il park assistant control, l’evidenziazione della tipologia di assetto legato al Alfa DNA, e l’interazione con la rete CAN per la raccolta e lo scambio di dati. Passando ai sistemi di illuminazione, i fari e i fanali della Giulia sono stati realizzati da Alfa Romeo in collaborazione con Magneti Marelli. I proiettori della Giulia Quadrifoglio sono realizzati con tecnologia Xenon e AFS per una capacità d'illuminazione superiore del 200% rispetto ai normali proiettori alogeni. Luci di posizione, DRL, luci di curva e indicatori di direzione adottano invece la tecnologia LED, così come i fanali posteriori. Magneti Marelli per Alfa Romeo Giulia (1) Inoltre sono di Magneti Marelli anche diverse componenti motoristiche della Giulia Quadrifoglio. In particolare nel motore V6 biturbo 3.0 litri da 510 CV la farfalla motorizzata e il collettore di aspirazione sono stati realizzati da Magneti Marelli, così come anche alcune componenti delle sospensioni anteriori e posteriori, sistema di scarico, pedaliera e particolari plastici. [post_title] => Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: la tecnologia e il know-how Magneti Marelli al suo servizio [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => alfa-romeo-giulia-quadrifoglio-la-tecnologia-e-il-know-how-magneti-marelli-al-suo-servizio [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-09-22 15:32:19 [post_modified_gmt] => 2015-09-22 13:32:19 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=183946 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: la tecnologia e il know-how Magneti Marelli al suo servizio

Dalla centralina all'infotainment

Alfa Romeo Giulia Magneti Marelli - L'Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, berlina da 510 CV gran protagonista del Salone di Francoforte 2015, è ricca di tecnologie sviluppate da Magneti Marelli, che ha fornito il suo contributo per i sistemi elettronici della vettura: dalla centralina CDC al sistema d'infotainment passando per i sistemi d'illuminazione.
Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: la tecnologia e il know-how Magneti Marelli al suo servizio

Per fare un’auto impeccabile sotto ogni punto di vista ogni Casa automobilistica produttrice deve affidarsi a partner d’eccellenza, così come ha fatto Alfa Romeo per la nuova Giulia Quadrifoglio che adotta tecnologie distintive realizzate in collaborazione con Magneti Marelli.

Sull’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, grande protagonista in questi giorni al Salone di Francoforte 2015, Magneti Marelli fornisce un contributo importante sui sistemi elettronici relativi a infotainment, illuminazione e componenti meccaniche.

Firmata Magneti Marelli è innanzitutto la centralina elettronica CDC (Chassis Domain Control) della Giulia Quadrifoglio, il “cervello” della nuova berlina di Arese che ottimizza handling e prestazioni, con un’attività da supervisore che adatta dinamicamente e in tempo reale l’assetto della vettura, integrandosi con le specifiche centraline coinvolte nel sistema elettronico. Nello specifico la centrali CDC coordina l’azione dell’Alfa DNA, del Torque Vectoring (il sistema che permette al differenziale posteriore di controllare separatamente la coppia per ogni ruota), dell’Aero Splitter (il sistema elettromeccanico che gestisce in modo dinamico la deportanza, ovvero la forza aerodinamica che permette l’aderenza al suolo della vettura) e dell’Active Damping Control (sospensioni elettroniche adattative), oltre che del controllo di stabilità, chassis, impianto frenante, sterzo e assistenza alla guida.

Spostandoci all’interno della Giulia Quadrifoglio Magneti Marelli ha sviluppato anche il sistema multimediale di infotainment e navigazione Connect 3D Nav, con display TFT da 8,8 pollici total black che integra tecnologie innovative di “optical bonding” mirate a una leggibilità ideale dello schermo. Basato su linguaggio Linux, il sistema di infotainment è ricco di funzionalità pratiche e immediate grazie ad un interfaccia di ultima generazione, dove la gestione del sistema è affidata al Rotary Pad e al display sulla plancia della vettura.

Per quanto riguarda la navigazione troviamo mappe ad alta risoluzione con elementi in 3D e tecnologia Dead Reckonign che permette di seguire il percorso anche in zone non coperte dal segnale GPS. Sul display TFT inoltre vengono visualizzati il settaggio del veicolo, la diagnostica, il park assistant control, l’evidenziazione della tipologia di assetto legato al Alfa DNA, e l’interazione con la rete CAN per la raccolta e lo scambio di dati.

Passando ai sistemi di illuminazione, i fari e i fanali della Giulia sono stati realizzati da Alfa Romeo in collaborazione con Magneti Marelli. I proiettori della Giulia Quadrifoglio sono realizzati con tecnologia Xenon e AFS per una capacità d’illuminazione superiore del 200% rispetto ai normali proiettori alogeni. Luci di posizione, DRL, luci di curva e indicatori di direzione adottano invece la tecnologia LED, così come i fanali posteriori.

Magneti Marelli per Alfa Romeo Giulia (1)

Inoltre sono di Magneti Marelli anche diverse componenti motoristiche della Giulia Quadrifoglio. In particolare nel motore V6 biturbo 3.0 litri da 510 CV la farfalla motorizzata e il collettore di aspirazione sono stati realizzati da Magneti Marelli, così come anche alcune componenti delle sospensioni anteriori e posteriori, sistema di scarico, pedaliera e particolari plastici.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. fred3000

    22 Settembre 2015 at 14:41

    “mappe ad alta rivoluzione”
    “riVoluzione”? Potete spiegare meglio, per favore?
    O volevate scrivere “ad alta riSoluzione”?
    E dire che la “S” e la “V” non sono neanche vicine sulla tastiera…

Articoli correlati