Maserati trasformata in natante: indisturbato naviga sul Tevere

Maserati trasformata in natante: indisturbato naviga sul Tevere

E' successo domenica a Roma

Maserati - Un 40enne italiano voleva navigare da La Spezia fino a Venezia con la sua "vecchia" Maserati, trasformata per l'occasione in natante con tanto di timone. Gli uomini del 113, però, lo hanno fermato ed accompagnato al commissariato Borgo per accertamenti
Maserati trasformata in natante: indisturbato naviga sul Tevere

A bordo di un natante ricavato dalla scocca di una Maserati navigava indisturbato sul Tevere ma è stato bloccato. Sembra uno scherzo, ma è ciò che è successo a Roma. Un uomo navigava, infatti, tranquillamente tra Ponte Vittorio e Ponte Milvio, prima di essere messo in sicurezza dai Vigili del Fuoco all’altezza del Lungotevere della Vittoria.

Un italiano di 40 anni sarebbe partito da La Spezia ed avrebbe voluto raggiungere Venezia con l’insolito mezzo. Il soggetto è risultato essere già diffidato da diverse capitanerie di Porto a navigare con l’insolita imbarcazione. Ingegnosa, se così vogliano definirla, l’idea del 40enne che per trasformare in “barcone” la sua Maserati ha deciso di lasciare il tettuccio aperto della sua vettura per poter stare in piedi come al timone.

La scena bizzarra si è presentata domenica scorsa, ma si è saputo solo oggi, a romani e turisti. Alle ore 12 la sala operativa dei Vigili del Fuoco ha segnalato al 113 la presenza di un natante ricavato da un’autovettura con a bordo una persona che procedeva tra Ponte Vittorio e Ponte Milvio. L’insolito pilota è stato accompagnato dagli agenti di polizia al commissariato Borgo per accertamenti. L’uomo è stato diffidato ad ormeggiare in banchina il mezzo e invitato a presentarsi negli uffici della Polizia Fluviale.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati