Ford: piume e laser per una verniciatura di alto livello

Indicate alcune tecniche usate nell'impianto di Valencia

Ford e la verniciatura di qualità – La casa dell'Ovale Blu rende noti alcuni aspetti che riguardano la raffinata tecnica di verniciatura impiegata nell'impianto di Valencia, dove si utilizzano perfino le piume per ottenere risultati di rilievo, e altri specifici controlli sui modelli realizzati
Ford: piume e laser per una verniciatura di alto livello

Un tocco leggero, ma elettrizzante. Un movimento vellutato che serve a spazzare via la polvere, preparando la carrozzeria a un’immersione di colore, che poi ne esalterà le forme. Questo è uno dei particolari che Ford ha diffuso parlando della verniciatura delle proprio vetture nella fabbrica ad alta tecnologia di Valencia, dove proprio l’utilizzo delle piume fa parte di una raffinata tecnica che consente di raggiungere risultati di rilevo sotto l’aspetto delle finiture esterne.

L’impiego delle piume è una fase di un processo che comprende anche l’uso di laser e scansioni ottiche, in modo che le livree delle vetture uscite dalla linee di produzione, un veicolo ogni 40 secondi, risultino impeccabili. Ford ha investito oltre 2,3 miliardi di euro sulla struttura spagnola, di cui stima la realizzazione di 400.000 unità/anno già da questo 2015, per renderla efficiente sotto più aspetti. Fabbrica dove sono assemblati 6 modelli europei dell’Ovale Blu: Mondeo, Kuga, S-MAX, Galaxy, Transit Connect e Tourneo Connect.
Ritornando alla curiosa tecnica d’impiego delle piume, ognuna di esse può avere una lunghezza massima di 76 centimetri, e un peso inferiore ai 3 grammi. Nel ciclo d’utilizzo, ogni piuma può durare fino a 5 anni, in base a ciò che è segnalato, e la rimozione della polvere avviene come se l’auto fosse portata a un autolavaggio. Nel caso specifico, è la carica elettrostatica delle piume a generare una specie di “effetto ventosa”, catturando e rimuovendo la polvere. Quindi, in un secondo momento, i granelli sono aspirati e portati all’esterno della struttura.
“Rimuovere anche la più piccola particella prima della verniciatura assicura che le superfici finali siano perfette in ogni punto. Per le loro specifiche caratteristiche e la grande resistenza, le piume sono perfette per questa operazione”, ha riferito in proposito l’ingegnere di verniciatura di Ford Europa, Dirk Hölzer.

Rimossa la polvere, segue un processo di verniciatura che non prevede il passaggio nel forno tra uno strato e il seguente, in questo modo le emissioni di CO2 rispetto ai processi tradizionali sono ridotte di circa il 15-25%. Per i telai è previsto un trattamento anti-corrosione e un sigillante anti-umidità, quindi sono verniciati nella tinta indicata e poi asciugati alla temperatura di 180 gradi.
La tecnica di verniciatura è monitorata anche tramite un controllo in tempo reale, un metodo sviluppato dalla casa in collaborazione con il Politecnico di Valencia, che si avvale di una scansione costate delle superfici.
Sono scattate 3.150 fotografie digitali delle linee esterne esposte a luci fluorescenti, queste poi sono analizzate con un software che ne evidenzia possibili imperfezioni.
“Le ispezioni effettuate a occhio nudo possono essere meno agevoli quando si ha a che fare con superfici o angoli complessi da esaminare. Questo sistema evidenzia anche le variazioni microscopiche, segnalandole in tempo reale agli ingegneri”, ha evidenziato ancora Hölzer.
A controlli accurati focalizzati sulla qualità visiva, inoltre, corrisponde anche un’attenzione dal punto di vista sonoro. Test che riguardano non solo il livello audio dell’impianto ma anche un controllo sulla connettività e la funzione di streaming musicale tramite bluetooth.

Infine, ogni veicolo completo è condotto su di un tratto di circa 300 metri, caratterizzato da determinate irregolarità utili a comprovare la presenza o meno di suoni fastidiosi e cigolii che manifestino un assemblaggio non ottimale. In più avviene un ulteriore controllo della verniciatura sfruttando l’esposizione a getti d’acqua a 1,2 bar, che consente di valutare anche le guarnizioni. Gli esemplari arricchiti da dispositivi di assistenza alla guida, invece, sono condotti a dei “test-drive virtuali” per l’esame del loro corretto funzionamento. Ford, secondo quanto comunicato, seleziona quotidianamente anche dei veicoli a caso per degli ulteriori accertamenti svolti su uno specifico tracciato.
All’impianto di Valencia, poi, sono prodotti anche gli esclusivi modelli Vignale, arricchiti da materiali e dettagli di pregio realizzati in modo artigianale. Dentro il Vignale Centre si verificano 100 ulteriori controlli per quelle vetture che fungono da base per questo tipo di produzione dalla qualità elevata.
Sei esperti, in base alle indicazioni diffuse, effettuano una serie di test manuali, supportati da laser e telecamere. Verificano ogni singolo aspetto della verniciatura, lavorando per più di 2 ore sulla lucidatura a mano della carrozzeria. E controlli sono effettuati anche all’interno, dove 40 parti cucite insieme, ad esempio, definiscono i sedili in pelle.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati