WP_Post Object ( [ID] => 194991 [post_author] => 40 [post_date] => 2015-10-26 12:10:57 [post_date_gmt] => 2015-10-26 11:10:57 [post_content] => Le strade spagnole fanno da sfondo alla futura generazione del Land Rover Discovery. Il prossimo anno dovrebbe debuttare la quinta generazione di un'auto che, da oltre 25 anni, rappresenta un concetto in continua evoluzione, proposto anche in una declinazione più sportiva. Il Discovery Vision concept ha anticipato come potrebbe essere il nuovo veicolo di Land Rover costruito a Solihull. Un mezzo che, osservando queste foto, sarebbe caratterizzato da un un corpo alto e muscoloso, ma con dettagli che offrono maggiore dinamismo alla visione d'insieme. I gruppi ottici, ad esempio, appaiono schiacciati ed estesi. Rispetto a quelli della precedente generazione, risultano più in linea con lo stile dell'ultima produzione. Il corpo vettura scorre massiccio e compatto, compreso il tetto che ha un andamento lineare, fino alla zona posteriore. Possente anche questa zona, che sembra ospitare adesso dei gruppi ottici dal disegno sempre orizzontale e schiacciato, nascosti vistosamente dalla veste camouflage che avvolge l'intero veicolo. Tra le indicazioni emerse, si parla di un sistema ibrido che dovrebbe garantire alti livelli di efficienza. Una soluzione composta da un nuovo motore 2.0 litri Ingenium legato a un'unità elettrica e un cambio automatico otto rapporti. In modalità solo elettrica, questa soluzione garantirebbe, secondo le stime, circa 20 km di autonomia. Tra gli aspetti che dovrebbero caratterizzare la nuova generazione, citati anche una struttura monoscocca in alluminio come sugli ultimi Range Rover and Range Rover Sport; un sofisticato sistema di rilevazione laser, che in base al terreno o al manto percorso, fornirebbe indicazioni e interverrebbe sulle sospensioni e sulla trasmissione, e all'interno del nuovo abitacolo figurerebbero un ampio display touchscreen centrale e un head-up display (HUD) di tipo laser, che scandirebbe in maniera più chiara ed efficiente le informazioni rispetto a un sistema tradizionale.Tra gli altre indiscrezioni si parla anche di un sistema Remote Drive, che potrebbe essere introdotto sulla nuova generazione e consentirebbe un parcheggio automatico dell'auto priva di passeggeri. Il prossimo Discovery, inoltre, dovrebbe ospitare fino a sette persone lo spazio di bordo risulterebbe molto ampio e versatile. [post_title] => Land Rover Discovery MY 2016: sorpreso un modello di prova della nuova generazione [FOTO SPIA] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => land-rover-discovery-my-2016-sorpreso-un-modello-di-prova-della-nuova-generazione-foto-spia [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-10-26 12:10:57 [post_modified_gmt] => 2015-10-26 11:10:57 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=194991 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Land Rover Discovery MY 2016: sorpreso un modello di prova della nuova generazione [FOTO SPIA]

Immortalato in Spagna

Land Rover Discovery MY 2016 – Alcuni scatti consentono di osservare un esemplare test del futuro Land Rover Discovery

Le strade spagnole fanno da sfondo alla futura generazione del Land Rover Discovery. Il prossimo anno dovrebbe debuttare la quinta generazione di un’auto che, da oltre 25 anni, rappresenta un concetto in continua evoluzione, proposto anche in una declinazione più sportiva.

Il Discovery Vision concept ha anticipato come potrebbe essere il nuovo veicolo di Land Rover costruito a Solihull. Un mezzo che, osservando queste foto, sarebbe caratterizzato da un un corpo alto e muscoloso, ma con dettagli che offrono maggiore dinamismo alla visione d’insieme. I gruppi ottici, ad esempio, appaiono schiacciati ed estesi. Rispetto a quelli della precedente generazione, risultano più in linea con lo stile dell’ultima produzione. Il corpo vettura scorre massiccio e compatto, compreso il tetto che ha un andamento lineare, fino alla zona posteriore. Possente anche questa zona, che sembra ospitare adesso dei gruppi ottici dal disegno sempre orizzontale e schiacciato, nascosti vistosamente dalla veste camouflage che avvolge l’intero veicolo.

Tra le indicazioni emerse, si parla di un sistema ibrido che dovrebbe garantire alti livelli di efficienza. Una soluzione composta da un nuovo motore 2.0 litri Ingenium legato a un’unità elettrica e un cambio automatico otto rapporti. In modalità solo elettrica, questa soluzione garantirebbe, secondo le stime, circa 20 km di autonomia. Tra gli aspetti che dovrebbero caratterizzare la nuova generazione, citati anche una struttura monoscocca in alluminio come sugli ultimi Range Rover and Range Rover Sport; un sofisticato sistema di rilevazione laser, che in base al terreno o al manto percorso, fornirebbe indicazioni e interverrebbe sulle sospensioni e sulla trasmissione, e all’interno del nuovo abitacolo figurerebbero un ampio display touchscreen centrale e un head-up display (HUD) di tipo laser, che scandirebbe in maniera più chiara ed efficiente le informazioni rispetto a un sistema tradizionale.Tra gli altre indiscrezioni si parla anche di un sistema Remote Drive, che potrebbe essere introdotto sulla nuova generazione e consentirebbe un parcheggio automatico dell’auto priva di passeggeri. Il prossimo Discovery, inoltre, dovrebbe ospitare fino a sette persone lo spazio di bordo risulterebbe molto ampio e versatile.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati