Ferrari F12tdf: immortalata in nuove foto spia una versione rossa dell’esclusiva supercar

Serie limitata dai contenuti raffinati

Ferrari F12tdf – La versione prodotta in soli 799 esemplari torna protagonista attraverso dei scatti proposti, che ritraggono un esemplare ancora celato in specifici punti e rivestito del classico Rosso Ferrari

Il debutto è avvenuto in una veste gialla. Una tinta che ha messo in risalto le componenti scure, i muscolosi fianchi, la linea curata in ogni dettaglio. La nuova Ferrari F12tdf mostrata di recente rappresenta un nuovo omaggio della Ferrari alla sua storia costellata di trionfi e di vicende umane e sportive. Un tributo a quei successi ottenuti al Tour de France tra gli Anni Cinquanta e Sessanta, dove le sue vetture si sono distinte nella storica gara di durata transalpina.

Due nuovi scatti, proposti dagli olandesi di Autogespot, consentono di osservare uno dei 799 esemplari in programma, verniciato di rosso e ancora celato in specifici punti. Forse lo stesso modello prova ritratto in una precedente occasione prima del debutto ufficiale, ma ancora più coperto. Come già citato, la Ferrari F12tdf è una versione celebrativa delle imprese realizzate dagli uomini e dalle vetture del Cavallino Rampante, in particolare la 250 GT Berlinetta del 1956, esemplare che vinse la maratona francese per quattro anni di seguito, che vantava non solo raffinate prestazioni ma anche un notevole comfort per gli standard di quel periodo.

La Ferrari F12tdf è spinta da un V12 da 6.262 cm³, con angolo tra bancate di 65°. Un motore capace di garantire una potenza massima di 780 cavalli (574 kW) a 8.500 giri al minuto, associato a un cambio F1 doppia frizione sette marce.
Tra le qualità meccaniche dell’auto, sono evidenziati spazi di frenata di alto livello grazie all’impiego di pinze monoblocco ‘Extreme Design’ già presenti sull’altrettanto esclusiva LaFerrari, che permettono un arresto in soli 30,5 metri da una velocità di 100 km/h e in 121 metri da 200 km/h. La vettura scatta da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi e tocca da ferma i 200 in 7,9 secondi. La velocità massima indicata è superiore ai 340 km/h, mentre una tornata sul tracciato di Fiorano è effettuata in 1 minuto e 21 secondi, in base a quanto segnalato.
Un’altra delle peculiarità sottolineate è un “naturale sovrasterzo”, controllato anche tramite un sofisticato sistema Passo Corto Virtuale. Si tratta di un dispositivo composto da ruote sterzanti posteriori che: “accoppiato ai sistemi di controllo, consente di raggiungere tempi di risposta al comando sterzo e valori di agilità propri di una vettura da corsa”. Si parla quindi di un’aerodinamica affinata nei dettagli, tanto da garantire un aumento del carico dell’87%.

Lo stile così estremo è firmato dal Centro Stile Ferrari. Linee plasmate per offrire una visione dal dinamismo accentuato. Lunga 4.656 millimetri, larga 1.961 mm e alta 1.273 mm, il passo ammonta a 2.720 mm. L’utilizzo del carbonio a vista mette in evidenza il curato Aerobridge, così come affiorano i particolari sportivi, i contrastanti cromatismi e tutti i vari elementi che contribuiscono a definire una veste grintosa e allo stesso tempo raffinata. Forme rigorose, studiate per esaltare le qualità di guida dell’automobilista, sono visibili al suo interno. Linee esaltate da rivestimenti in Alcantara, tessuto tecnico per i sedili e mandorlato. I tecnici hanno studiato ogni elemento anche in funzione del peso, con un risparmio indicato di 110 kg. A secco il dato complessivo risulta di 1.415 kg, mentre in ordine di marcia di 1.520 kg, secondo le indicazioni rilasciate.

Foto: Autogespot

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati