Cellulare alla guida: pioggia di multe con i controlli in borghese

Si tratta di una campagna "anti-selfie" della Questura di Firenze

Cellulare alla guida - 17 automobilisti multati dalla polstrada di Firenze perché sorpresi a usare il cellulare in macchina. I controlli fanno parte di una campagna contro i selfie voluta dalla Questura del capoluogo toscano
Cellulare alla guida: pioggia di multe con i controlli in borghese

A Firenze, è iniziato il primo servizio della polizia per disincentivare gli automobilisti dall’uso del telefonino mentre sono al volante delle proprie vetture. I controlli della stradale sono stati effettuati in ambito urbano tra viale Forlanini, viale Talenti, via Giuliani, Coverciano, Galluzzo e sulla superstrada Firenze – Pisa – Livorno (all’altezza di Scandicci).

Sono 17 gli automobilisti multati dalla polstrada perché sorpresi a usare il cellulare in macchina, nell’ambito della campagna contro i selfie alla guida annunciata nei giorni scorsi dalla questura di Firenze. I trasgressori, sanzionati con una multa da 161 euro e la decurtazione di 5 punti dalla patente, sono stati sorpresi per lo più a chattare e a telefonare. Nessun per il momento sarebbe stato pizzicato nell’atto di scattarsi un selfie. I controlli sono stati eseguiti questa mattina a Firenze da personale della polizia stradale, anche in borghese. Accertate anche altre violazioni al codice della strada, tra cui la circolazione con veicolo non sottoposto a revisione.

Per i neopatentati titolari di patente da meno di 3 anni, la decurtazione è stata di 10 punti. Il conducente che nell’arco del biennio incorra nella stessa violazione, inoltre, si vedrà applicata la sanzione accessoria della sospensione della patente.

Nuova Volkswagen Golf 8 ibrida Da 179 € al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    1 commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati