WP_Post Object ( [ID] => 200645 [post_author] => 25 [post_date] => 2015-11-11 15:48:18 [post_date_gmt] => 2015-11-11 14:48:18 [post_content] => Ci avviciniamo al 15 novembre, data di inizio dell’obbligo dell’uso degli pneumatici invernali (o catene a bordo nella maggior parte dei casi) con temperature straordinariamente alte. Per questo l’auto personale di uno dei test driver di Motorionline monta ancora le Bridgestone Potenza S001 “estive”. Una seconda auto “di redazione” invece calza da poco le Blizzak LM-25. Le due auto, una Golf V Gti ed una Audi TT, sono tra loro anche abbastanza simili, accoppiate al medesimo propulsore da 200 cavalli e con la trazione anteriore. Allora è nata l’idea di un confronto, o meglio di un esperimento, per raccogliere sul campo dati, ma soprattutto sensazioni, visto che nella guida contano non poco. Sentirsi sicuri è infatti molto importante, consente di godersi l’esperienza di guida e viaggiare sereni. Lo scopo del nostro test era molto semplice, mettere alla prova le due tipologie di coperture, per capirne le differenze in un contesto che non mettesse una delle due in netto vantaggio. Abbiamo infatti scelto di spostarci dalla calda Milano, per andare a cercare non tanto la neve (era dura, però alla fine ne abbiamo anche trovata), ma piuttosto il freddo, o meglio il fresco. Una temperatura tra i 5 ed i 10 gradi, proprio in quel range dove sulla carta invernali ed estive dovrebbero avere prestazioni similari. Per convenzione è posto infatti a 7 gradi centigradi il punto sotto al quale conviene passare alle “termiche”, ma ovviamente sono molteplici i fattori che possono spostarlo un poco più in alto o in basso. Similari e non uguali, perché come abbiamo potuto constatare anche con la nostra prova, si comportano in modo diverso, in alcuni casi anche di parecchio. Nella prova di slalom che abbiamo effettuato è emerso chiaramente, ad esempio, che il feeling delle S001, precise in modo quasi chirurgico nel trasmettere alle mani del guidatore, attraverso le reazioni dello sterzo, le imperfezioni dell’asfalto, diventa più ovattato e filtrato con le Blizzak LM 25. Bridgestone_Blizzak_LM-25_Potenza_S001_4 Questo per via della diversa struttura del battistrada, più morbido. Rispetto al passato la cosa è molto più contenuta, lo è ancora di più in altri casi, con coperture specificamente studiate per supercar, dove questi aspetti sono fondamentali. Lo sviluppo ha portato a condividere in gran parte la struttura della carcassa ed i materiali per essa utilizzati nei due tipi di pneumatici, limitando la differenza al compound (mescola) ed alla sua struttura. I vantaggi di quella rigidità più limitata sono ovviamente molto evidenti sulla neve ed in condizioni estreme, come ghiaccio e asfalto umido in presenza di temperature molto basse, ma non solo. Ad esempio sembrerebbe che nelle condizioni delle prove di frenata che abbiamo effettuato, con asfalto degradato e presenza di detriti di dimensioni importanti, le estive vadano più in crisi delle invernali. Ovviamente il tema meriterebbe un approfondimento a parità perfetta di condizioni per ciascuno dei test effettuati, ma teoricamente la cosa non è così assurda. Proprio la struttura più morbida del battistrada delle invernali “asseconda” meglio le imperfezioni, mentre quella rigida delle estive si traduce in un bloccaggio che obbliga l’Abs a mollare la presa sui freni per una frazione di secondo, ma sufficiente per allungare gli spazi di arresto. Bridgestone_Blizzak_LM-25_Potenza_S001_2 Nel test di accelerazione la cosa si è fatta ancora più accentuata, perché il controllo di trazione è stato messo in crisi in modo evidente dalle condizioni dell’asfalto, ma molto meno con le Blizzak LM 25 che con le S001. A controlli spenti le due differenti tipologie di trasmissione, manuale quella dell’Audi TT, doppia frizione DSG per la Golf, ci ha impedito di fatto di valutare la cosa in modo ottimale, ma una cosa è stata evidente: la perdita di aderenza è “digerita” molto bene dalle Blizzak, perché pur lasciando delle generose virgole nere sull’asfalto, hanno consentito alla TT di distanziare non poco la sua avversaria dotata delle S001. Sull’asfalto liscio e pulito invece le cose si invertono, sia in frenata che in accelerazione, appunto perché la maggiore rigidità del battistrada migliora l’efficienza in queste due situazioni. Bridgestone_Blizzak_LM-25_Potenza_S001_1 Chi vince la nostra sfida? Nessuna, o meglio entrambe. In un contesto come quello che abbiamo utilizzato i vantaggi ed i difetti di una e dell’altra copertura infatti si equilibrano. Attenzione però, una cosa a cui raramente si pensa, è che mentre coperture sportive come le S001 che stiamo testando, sono studiate per dare i migliori risultati soprattutto su asfalto asciutto e bagnato, ma hanno bisogno di temperature miti per ottenerli, le Blizzak LM 25 sono invece studiate per adattarsi a qualsiasi contesto. Ciò significa che tutto l’anno, inclusi i mesi estivi, non ci sono impedimenti per muoversi con un’auto che monti uno pneumatico di questo tipo. Ovviamente il degrado delle prestazioni e l’usura del battistrada quando si utilizzi una gomma invernale con temperature troppo elevate, rende vivamente consigliabile di sostituirle nella bella stagione. Quello che però volevamo farvi capire è che in un torrido mese di agosto nessuno ci impedisce di spostarci con una gomma invernale, mentre anche solo una piccola nevicata o la presenza di ghiaccio, possono bloccare un’auto dotata di una gomma estiva, soprattutto se sportiva. Se qualcuno di voi ha mai provato a salire dalla rampa del box innevata con un’auto ad alte prestazioni senza la giusta gommatura, potrà capire cosa stiamo dicendo. Il degrado in termini di prestazioni, grip e trazione c’è in entrambi i casi, con il freddo e con il caldo rispettivamente per gomme estive ed invernali, ma solo in uno dei due casi diventa un impedimento che blocca di fatto l’auto. Per quel poco di neve che abbiamo trovato nel nostro test, anche nel video vi abbiamo documentato le differenze di una partenza da fermo con le due diverse gommature: nessuna incertezza nemmeno a controllo di trazione spento e “pestando” il piede sull’acceleratore con le Blizzak LM 25, evidenti difficoltà con le S001, con appena pochi centimetri di neve, per di più molto ammorbidita dalla temperatura sopra lo zero. Se possibile le catene possono risolvere il “problema neve”, ma in modo scomodo e poco pratico. A volte addirittura non si possono montare, per via delle misure delle coperture. Bridgestone_Blizzak_LM-25_Potenza_S001_5 L’insegnamento che portiamo a casa con questo test è che al di là degli obblighi di legge, è il buon senso che deve portare gli automobilisti ad avere attenzione agli pneumatici della propria auto. In inverno è necessario utilizzare una gomma adatta, magari quest’anno le monteremo qualche settimana dopo, viste le temperature, ma siamo sicuri che appena arriverà il freddo ne saremo felici. Se poi arriverà la neve ancora meglio: mentre gli altri monteranno le catene noi utilizzeremo il nostro tempo in modi migliori. Le fotografie di questa prova sono state realizzate con una fotocamera Full-Frame Mirrorless Sony A7 II con obiettivo Sonnar® T* FE 55 mm F1,8, la stessa è stata utilizzata per una parte del materiale utilizzato per il montaggio del video Bridgestone_Blizzak_LM-25_Potenza_S001_3 [post_title] => Bridgestone Blizzak LM-25 e Potenza S001, chi va meglio nelle mezze stagioni? [VIDEO TEST] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => bridgestone-blizzak-lm-25-e-potenza-s001-chi-va-meglio-nelle-mezze-stagioni-video-test [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-11-13 08:20:33 [post_modified_gmt] => 2015-11-13 07:20:33 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.motorionline.com/?p=200645 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Bridgestone Blizzak LM-25 e Potenza S001, chi va meglio nelle mezze stagioni? [VIDEO TEST]

Sul Passo del Bernina per un confronto tra gomme invernali ed estive

Bridgestone Blizzak LM-25 e Potenza S001 - Siamo andati a cercare la “temperatura di confine” per capire differenze e peculiarità dei due tipi di copertura, non senza qualche interessante scoperta.

Ci avviciniamo al 15 novembre, data di inizio dell’obbligo dell’uso degli pneumatici invernali (o catene a bordo nella maggior parte dei casi) con temperature straordinariamente alte. Per questo l’auto personale di uno dei test driver di Motorionline monta ancora le Bridgestone Potenza S001 “estive”. Una seconda auto “di redazione” invece calza da poco le Blizzak LM-25. Le due auto, una Golf V Gti ed una Audi TT, sono tra loro anche abbastanza simili, accoppiate al medesimo propulsore da 200 cavalli e con la trazione anteriore. Allora è nata l’idea di un confronto, o meglio di un esperimento, per raccogliere sul campo dati, ma soprattutto sensazioni, visto che nella guida contano non poco. Sentirsi sicuri è infatti molto importante, consente di godersi l’esperienza di guida e viaggiare sereni. Lo scopo del nostro test era molto semplice, mettere alla prova le due tipologie di coperture, per capirne le differenze in un contesto che non mettesse una delle due in netto vantaggio.

Abbiamo infatti scelto di spostarci dalla calda Milano, per andare a cercare non tanto la neve (era dura, però alla fine ne abbiamo anche trovata), ma piuttosto il freddo, o meglio il fresco. Una temperatura tra i 5 ed i 10 gradi, proprio in quel range dove sulla carta invernali ed estive dovrebbero avere prestazioni similari. Per convenzione è posto infatti a 7 gradi centigradi il punto sotto al quale conviene passare alle “termiche”, ma ovviamente sono molteplici i fattori che possono spostarlo un poco più in alto o in basso. Similari e non uguali, perché come abbiamo potuto constatare anche con la nostra prova, si comportano in modo diverso, in alcuni casi anche di parecchio. Nella prova di slalom che abbiamo effettuato è emerso chiaramente, ad esempio, che il feeling delle S001, precise in modo quasi chirurgico nel trasmettere alle mani del guidatore, attraverso le reazioni dello sterzo, le imperfezioni dell’asfalto, diventa più ovattato e filtrato con le Blizzak LM 25.

Bridgestone_Blizzak_LM-25_Potenza_S001_4

Questo per via della diversa struttura del battistrada, più morbido. Rispetto al passato la cosa è molto più contenuta, lo è ancora di più in altri casi, con coperture specificamente studiate per supercar, dove questi aspetti sono fondamentali. Lo sviluppo ha portato a condividere in gran parte la struttura della carcassa ed i materiali per essa utilizzati nei due tipi di pneumatici, limitando la differenza al compound (mescola) ed alla sua struttura. I vantaggi di quella rigidità più limitata sono ovviamente molto evidenti sulla neve ed in condizioni estreme, come ghiaccio e asfalto umido in presenza di temperature molto basse, ma non solo. Ad esempio sembrerebbe che nelle condizioni delle prove di frenata che abbiamo effettuato, con asfalto degradato e presenza di detriti di dimensioni importanti, le estive vadano più in crisi delle invernali. Ovviamente il tema meriterebbe un approfondimento a parità perfetta di condizioni per ciascuno dei test effettuati, ma teoricamente la cosa non è così assurda. Proprio la struttura più morbida del battistrada delle invernali “asseconda” meglio le imperfezioni, mentre quella rigida delle estive si traduce in un bloccaggio che obbliga l’Abs a mollare la presa sui freni per una frazione di secondo, ma sufficiente per allungare gli spazi di arresto.

Bridgestone_Blizzak_LM-25_Potenza_S001_2

Nel test di accelerazione la cosa si è fatta ancora più accentuata, perché il controllo di trazione è stato messo in crisi in modo evidente dalle condizioni dell’asfalto, ma molto meno con le Blizzak LM 25 che con le S001. A controlli spenti le due differenti tipologie di trasmissione, manuale quella dell’Audi TT, doppia frizione DSG per la Golf, ci ha impedito di fatto di valutare la cosa in modo ottimale, ma una cosa è stata evidente: la perdita di aderenza è “digerita” molto bene dalle Blizzak, perché pur lasciando delle generose virgole nere sull’asfalto, hanno consentito alla TT di distanziare non poco la sua avversaria dotata delle S001. Sull’asfalto liscio e pulito invece le cose si invertono, sia in frenata che in accelerazione, appunto perché la maggiore rigidità del battistrada migliora l’efficienza in queste due situazioni.

Bridgestone_Blizzak_LM-25_Potenza_S001_1

Chi vince la nostra sfida? Nessuna, o meglio entrambe. In un contesto come quello che abbiamo utilizzato i vantaggi ed i difetti di una e dell’altra copertura infatti si equilibrano. Attenzione però, una cosa a cui raramente si pensa, è che mentre coperture sportive come le S001 che stiamo testando, sono studiate per dare i migliori risultati soprattutto su asfalto asciutto e bagnato, ma hanno bisogno di temperature miti per ottenerli, le Blizzak LM 25 sono invece studiate per adattarsi a qualsiasi contesto. Ciò significa che tutto l’anno, inclusi i mesi estivi, non ci sono impedimenti per muoversi con un’auto che monti uno pneumatico di questo tipo. Ovviamente il degrado delle prestazioni e l’usura del battistrada quando si utilizzi una gomma invernale con temperature troppo elevate, rende vivamente consigliabile di sostituirle nella bella stagione. Quello che però volevamo farvi capire è che in un torrido mese di agosto nessuno ci impedisce di spostarci con una gomma invernale, mentre anche solo una piccola nevicata o la presenza di ghiaccio, possono bloccare un’auto dotata di una gomma estiva, soprattutto se sportiva. Se qualcuno di voi ha mai provato a salire dalla rampa del box innevata con un’auto ad alte prestazioni senza la giusta gommatura, potrà capire cosa stiamo dicendo. Il degrado in termini di prestazioni, grip e trazione c’è in entrambi i casi, con il freddo e con il caldo rispettivamente per gomme estive ed invernali, ma solo in uno dei due casi diventa un impedimento che blocca di fatto l’auto. Per quel poco di neve che abbiamo trovato nel nostro test, anche nel video vi abbiamo documentato le differenze di una partenza da fermo con le due diverse gommature: nessuna incertezza nemmeno a controllo di trazione spento e “pestando” il piede sull’acceleratore con le Blizzak LM 25, evidenti difficoltà con le S001, con appena pochi centimetri di neve, per di più molto ammorbidita dalla temperatura sopra lo zero. Se possibile le catene possono risolvere il “problema neve”, ma in modo scomodo e poco pratico. A volte addirittura non si possono montare, per via delle misure delle coperture.

Bridgestone_Blizzak_LM-25_Potenza_S001_5

L’insegnamento che portiamo a casa con questo test è che al di là degli obblighi di legge, è il buon senso che deve portare gli automobilisti ad avere attenzione agli pneumatici della propria auto. In inverno è necessario utilizzare una gomma adatta, magari quest’anno le monteremo qualche settimana dopo, viste le temperature, ma siamo sicuri che appena arriverà il freddo ne saremo felici. Se poi arriverà la neve ancora meglio: mentre gli altri monteranno le catene noi utilizzeremo il nostro tempo in modi migliori.

Le fotografie di questa prova sono state realizzate con una fotocamera Full-Frame Mirrorless Sony A7 II con obiettivo Sonnar® T* FE 55 mm F1,8, la stessa è stata utilizzata per una parte del materiale utilizzato per il montaggio del video

Bridgestone_Blizzak_LM-25_Potenza_S001_3

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. DARIO

    28 Settembre 2016 at 09:11

    buongiorno mi chiamo Dario, complimenti x il servizio…volevo porvi un quesito che aime’
    non ho compreso.
    Bridgestone Blizzak LM-25 , possono essere usate solo nel periodo 15 nov- 15 apr. ????
    oppure sono 4 stagioni??
    ringrazio anticipatamente della risposta
    dario

Articoli correlati